Amore platonico: quali vantaggi e quali svantaggi?

0
244
Amore platonico

Lo sguardo, il mistero e il luccichio negli occhi. Questo porta l’amore platonico ad essere tale. Un’innamoramento spirituale verso il bello, lo definiva il filosofo Platone. Ma quali sono, di fatto, i vantaggi e gli svantaggi che genera tale sentimento?

Che cos’è l’amore platonico?

Il filosofo Platone, lo aveva accreditato come l’amore verso il bello. Questo non necessariamente, quindi, indirizzato verso una persona, bensì, per un luogo, un oggetto o quant’altro. Volendone approfondire il significato ancorato all’essere umano, si tratta di quel sentimento privato dell’approccio sessuale. Non si tratta quindi di un sentimento che coloro senza orientamento sessuale provano, ma può essere provato da qualsiasi individuo, indipendentemente dall’essere etero od omosessuale. Forse, ai giorni nostri, pare bizzarro parlare ancora d’amore platonico. Non perché sia inusuale, sebbene perché la società consumistica ci impone a rigorosi “comportamenti d’apparenza.” È ben noto che questa, sia atta ad un approccio intimo, non di pensiero. Mentre l’amore platonico si mostra come forma innalzata del nostro più profondo animo umano. E perché no? Anche una forma di rispetto.

Fare l’amore con il covid? La domanda nasce spontanea

L’esigenza del rapporto umano

Se da una parte, l’atto teorico del platonismo, compensi il pensiero stesso, dall’altra l’esigenza carnale si spinge oltre. Perché ad un certo punto, determinate esigenze fisiologiche umane, tornano a farsi sentire. Il bisogno di toccare una persona, di sfiorarla e sentirne la presenza, è alla base di un rapporto amoroso. È possibile parlare ancora di amore platonico, laddove la presenza, non possa essere soddisfatta da un rapporto intimo. Pensate, ad esempio, se doveste innamorarvi della ragazza del vostro migliore amico. Va da sé, che il rispetto nutrito nei confronti di un valore etico-morale, non possa frenare però, la vostra mente ed il vostro cuore. Vi rifugereste allora in pensieri futuristici nei quali, mano nella mano, guardereste un tramonto in compagnia di quella data persona. La stessa, che nella realtà non potreste avere.

Commenti