Amanda Gorman ha subito un episodio di profilazione razziale

La poetessa 22enne ha raccontato l’accaduto venerdì

0
203
Amanda Gorman

La poetessa 22enne Amanda Gorman, nota per la sua lettura della poesia “The Hill We Climb” all’inaugurazione di Biden, ha raccontato venerdì di una sua esperienza con gli insulti razziali. Gorman ha definito questi episodi una realtà per le ragazze di colore.

Cosa riguarda la testimonianza di Amanda Gorman?

Amanda Gorman, la poetessa 22enne che ha recitato la sua poesia “The Hill We Climb” all’inaugurazione di Joe Biden, ha rivelato un recente episodio legato al razzismo che ha vissuto in prima persona. La poetessa ha definito questo accaduto “la realtà” delle ragazze di colore. La Gorman ha scritto su Twitter venerdì sera: “Una guardia di sicurezza mi ha pedinato mentre tornavo a casa stasera. Ha chiesto se vivessi lì perché ‘sembravo sospettosa’. Ho mostrato le mie chiavi e mi sono intrufolata nel mio edificio. Se n’è andato, niente scuse. Questa è la realtà delle ragazze di colore. Un giorno ti definiscono un’icona, il giorno dopo una minaccia”.

La poetessa ha anche riferito di aver scelto di guardare la situazione da un punto di vista diverso. Ha spiegato: “In un certo senso, aveva ragione. IO SONO UNA MINACCIA: una minaccia all’ingiustizia, alla disuguaglianza, all’ignoranza. Chiunque dica la verità e cammina con speranza è un pericolo ovvio e fatale per i poteri forti”.

La poetessa fa riferimento a un articolo del Washington Post

Gorman ha anche fatto un collegamento a un tweet di febbraio. In quest’ultimo elogiava un articolo del Washington Post per aver evidenziato una società contradditoria che può celebrare una poetessa di colore così come tollerare le violenze della polizia. in questo articolo, l’autrice Salamishah Tillet aveva scritto che le ragazze e le donne di colore negli USA non ricevono la stessa riverenza di Amanda Gorman.

Nel pezzo diceva: “Le persone sono così sbalordite dalla sua performance e dal modo in cui è stata in grado di catturare la complessità della storia americana su quell’enorme piattaforma. D’altro canto, abbiamo una bambina di colore di 9 anni a cui viene spruzzato dello spray al peperoncino da parte di agenti di polizia a Rochester, New York. E così, in un mondo in cui la celebrazione di Amanda Gorman, da parte di molte persone in America, non si traduce nel riconoscimento o nel vedere delle ragazze di colore di tutti i giorni. sono come universi completamente diversi”.

Amanda Gorman sta riscuotendo molto successo dopo l’Inauguration Day

Dopo la sua letttura all’Inauguration Day, Amanda Gorman ha eseguito anche una lettura al Super Bowl. I tre libri in uscita hanno raggiunto la vetta delle classifiche Amazon ancora prima della loro pubblicazione effettiva. La Gorman dice: “Ho passato una vita a pensare al potere del linguaggio, e a come ci si sente quando quel potere di viene negato. Ci sono ricordi nella mia mente in cui riconosco che la mia voce è stata alterata- mi è stato chiesto fin da giovane ‘Di dove sei?’, oppure ‘Parli in modo divertente’. La gente era così incessante nel cercare di capire perché fossi diversa da loro”. La poetessa ha avuto una diagnosi di disturbo del linguaggio quando era piccola.


Leggi anche: Biden ha giurato come 46° Presidente degli Stati Uniti

Commenti