Almanacco Dell’11 Ottobre 2021

0
379

Oggi lunedì 11 ottobre 2021 (06:58)

E’ il 284° giorno dell’anno, 42ª settimana. Alla fine del 2021 mancano 81 giorni.

A Roma il sole sorge alle 06:19 e tramonta alle 17:34 (ora solare)
A Milano il sole sorge alle 06:35 e tramonta alle 17:43 (ora solare)
Luna: 12.16 (lev.) 21.11 (tram.)

Santi del Giorno

San Firmino di Uzes (Vescovo)
Sant’Alessandro Sauli (Vescovo)
San Giovanni XXIII (Papa – Nome: Angelo Giuseppe Roncalli)

San Cainnech (Abate)
San Meinardo (Meinhard, Primo vescovo della Lettonia)
Santi Taraco, Probo e Andronico (Martiri)

Etimologia

 Placido, riprende il diffuso cognome latino “Placidus”, dall’aggettivo latino “placidus” dal trasparente significato di “tranquillo, placido, pacifico”. E’ oggi diffuso più che altro nel Nord Italia. Rara la forma femminile “Placidia”.

Proverbio del giorno

Pagare e morire, si è sempre in tempo.

Aforisma del giorno

I più grandi dolori sono quelli di cui siamo causa noi stessi (Sofocle)

Sei nato oggi? 

Denaro, successo e divertimenti ti sono indifferenti. Cerchi la solitudine e il silenzio, meglio se in compagnia di un buon libro o di fronte a un’opera d’arte da contemplare. Ami molto i bambini e puoi essere un insegnante eccezionale. Anche il matrimonio è finalizzato alla procreazione e i tuoi figli saranno per te fonte di gioia.

Oroscopo quotidiano

Oroscopo di Lunedì 11 Ottobre 2021

Accadde Oggi

Lennon pubblica Imagine

lunedì 11 ottobre 1971 (50 anni fa)

Lennon pubblica Imagine«Immagina non ci siano nazioni [..] niente per cui uccidere e morire e nessuna religione. Immagina che tutti vivano la loro vita in pace».

Poche parole per cogliere il grande messaggio di Imagine, che John Lennon pubblica come singolo dopo l’uscita dell’omonimo album. Siamo nel pieno della Guerra in Vietnam, con il mondo diviso in due dalla logica della “guerra fredda”. Di fronte a questo scenario la gente, e i giovani soprattutto, manifestano in mille modi il loro desiderio di pace.

Il brano dell’ex leader dei Beatles, da poco trasferitosi a New York con l’ormai inseparabile compagna Yoko Ono, risponde pienamente a questa richiesta, invitando a guardare a un futuro possibile, pur se da una condizione di “sognatore”. Ciò ne farà un inno universale di pace per le giovani generazioni di ogni tempo.

Prodotto da Phil Spector e pubblicato insieme all’altro singolo It’s so hard, il pezzo scalerà immediatamente tutte le classifiche e a decenni di distanza sarà votata all’unanimità come “canzone del secolo”. Grandi nomi del rock mondiale eseguiranno Imagine, tra questi i Queen che con essa apriranno il loro concerto allo stadio di Wembley, il 9 dicembre 1980, il giorno dopo l’assassinio di Lennon.

Alla canzone e alla memoria di John sarà dedicato l’Image Peace Tower, un fascio di luce che dall’ottobre 2007 verrà proiettato nei cieli dell’Islanda, per volere di Yoko Ono.

Prima trasmissione politica nella TV italiana

martedì 11 ottobre 1960 (61 anni fa)

Prima trasmissione politica nella TV italiana: In tempi recenti è raro trovare un giorno della settimana in cui la programmazione televisiva non preveda un talk show con ospiti politici. Oggi la politica è dappertutto ma agli albori della TV italiana era completamente assente.

L’11 ottobre del 1960, a sei anni dall’inizio delle trasmissioni televisive regolari della RAI, la politica entrò per la prima volta nelle case degli italiani, con il programma Tribuna elettorale.

Condotta, in veste di moderatore, dal giornalista Gianni Granzotto, la nuova rubrica dava spazio di volta in volta ai rappresentanti dei singoli partiti, in vista dell’appuntamento elettorale. Da Aldo Moro a Palmiro Togliatti, da Pietro Nenni a Enrico Berlinguer, per oltre un decennio sfilarono sul piccolo schermo piccoli e grandi protagonisti della politica nazionale.

L’immediato successo convinse la RAI a lanciare l’anno successivo un altro spazio simile, con il nome di Tribuna politica. Quest’ultima prese ad occupare la scena grazie anche alla storica conduzione di Jader Jacobelli (durata fino al 1986).

La NASA lancia l’Apollo 7

11 Ottobre 1968

La NASA lancia l’Apollo 7, la prima missione Apollo con uomini a bordo, gli astronauti Walter Schirra, Donn F. Eisele e Walter Cunningham. L’Apollo 7 stabilisce due record. I tre astronauti trascorrono nello spazio più tempo di tutti i voli sovietici messi assieme: 10 giorni e 20 ore, 12 ore in più del tempo previsto per l’intero percorso dalla terra alla luna.

Inoltre, grazie a una piccola telecamera, eseguono la prima diretta televisiva dallo spazio. A colpire l’immaginazione è lo “yabadabadu!”, alla Fred Flintstone, urlato da Schirra al momento dell’accensione del motore del modulo di servizio. La forza delle immagini accende la passione popolare per la NASA e i suoi astronauti.

Nasce “Tribuna elettorale”

11 Ottobre 1960

In occasione delle imminenti elezioni amministrative nasce il programma televisivo “Tribuna elettorale”. Moderatore è Gianni Granzotto. La politica fa così il suo ingresso nelle case degli italiani. Il successo di pubblico è immediato. E la RAI, l’anno successivo, decide di rendere fisso l’appuntamento televisivo con i rappresentanti dei partiti.

La rubrica viene chiamata “Tribuna politica”, inizialmente seguita direttamente dal Telegiornale e curata dal suo direttore, Giorgio Vecchietti. Ma per i telespettatori degli anni Sessanta diventerà soprattutto familiare la figura di Jader Jacobelli, che fino alla pensione guiderà la nuova struttura legata al primo approfondimento politico televisivo.

Inizia la guerra anglo-boera

11 Ottobre 1899

Le truppe britanniche invadono in Sudafrica le repubbliche del Transvaal e dello stato libero dell’Orange. Ha inizio la guerra anglo-boera. Il conflitto dura più del previsto, circa tre anni e si conclude con la “pace di Vereeniging”, firmata a Pretoria il 31 maggio 1902. Transvaal e Orange sono annesse agli altri possedimenti inglesi nella zona, formando con questi l’Unione sudafricana.

Con tale vittoria i britannici vedono più vicina la realizzazione del loro sogno coloniale di una ferrovia che attraversi, su possedimenti inglesi, il continente africano “da Il Cairo al Capo”.

Nati in questo giorno

Antonio Fazio

data di nascita: domenica 11 ottobre 1936 (85 anni fa)

Antonio Fazio: Nato ad Alvito, nella provincia di Frosinone, è noto come economista e per il lungo impegno istituzionale, avendo ricoperto la carica di governatore della Banca d’Italia dal 1993 al 2005. Tra i suoi principali meriti, aver contribuito alla stabilità economica del Paese per favorire il passaggio dalla Lira all’Euro, avvenuto sotto il suo mandato.

Nel 2005 fu implicato nello scandalo della banca Antonveneta, con l’accusa di aver fatto in modo che la Banca Centrale approvasse l’offerta di acquisto da parte della banca Antonveneta. Dimessosi dopo la condanna in primo grado, nel 2012 è stato assolto dalla Corte d’appello di Milano, mentre a dicembre dello stesso anno è scattata la prescrizione.

In seguito alla sua vicenda si ritenne opportuno modificare la durata dei mandati dei governatori, non più a vita, bensì a 6 anni, rinnovabile una sola volta.

Luke Perry

data di nascita: martedì 11 ottobre 1966 (55 anni fa)
data morte: lunedì 4 marzo 2019 (2 anni fa)

Luke Perry: Coy Luther Perry III, attore, famoso per il ruolo di Dylan McKay, interpretato nelle numerose stagioni di Beverly Hills 90210, serie TV cult degli anni ‘90.

Sul suo ingaggio nel telefilm si racconta che la figlia del regista (Aaron Spelling) lo notò mentre ritinteggiava le strisce pedonali nei pressi degli studi di registrazione di Hollywood.

In un primo momento era stato previsto per lui un ruolo secondario, poi ottenne quello da protagonista. Interpretava Dylan, ragazzo ricco, bello e dannato, che guida una Porsche nera, ha problemi con l’alcool e con la sua famiglia.

Dopo quest’esperienza ha recitato piccole parti in serie TV e in alcuni film, tra cui “Il quinto elemento” di Luc Besson, presentato al 50° Festival di Cannes. Nel 2019 è nel cast di C’era una volta a… Hollywood, film arrivato nelle sale pochi mesi dopo la sua scomparsa, avvenuta il 4 marzo 2019 a Burbank (Contea di Los Angeles).

Fabio De Luigi

data di nascita: mercoledì 11 ottobre 1967 (54 anni fa)

Fabio De Luigi: Da comico a interprete di punta della commedia romantica, è uno degli attori più richiesti del cinema italiano contemporaneo.

Nato a Santarcangelo di Romagna, in provincia di Rimini, lascia il “diamante” verde del baseball (dopo essersi ben distinto come esterno sinistro del “Rimini Baseball”), e si accredita come comico nei diversi programmi della Gialappa’s Band, con personaggi come il cantante Olmo e il supereroe della mediocrità Mediomen.

Lanciato sul grande schermo dai cinepanettoni, come Natale a New York del 2006, arriva al successo con commedie come “Happy Family” di Gabriele Salvatores, “Maschi contro femmine” di Fausto Brizzi e La peggior settimana della mia vita (di cui cura anche la sceneggiatura e il soggetto).

Testimonial di ISAL, fondazione impegnata a sostenere la ricerca della “Terapia del Dolore”, nel 2014 è protagonista con Laetitia Casta di “Una donna per amica”. Nel 2016 debutta come regista con la commedia “Tiramisù”. L’anno dopo è il protagonista con Elio Germano del film Questione di karma e nel 2018 è nelle sale con Metti la nonna in freezer. Nel 2019 arrivano 10 giorni senza mamma (nel dicembre 2020 uscirà lo spin-off 10 giorni con Babbo Natale) e Gli uomini d’oro.

Nati… sportivi

Jury Chechi

data di nascita: sabato 11 ottobre 1969 (52 anni fa)

Jury Chechi: Nato a Prato, è stato un campione di ginnastica, soprannominato il Signore degli Anelli, avendo dominato la specialità degli anelli negli anni Novanta. Ha vinto una medaglia d’oro olimpica 32 anni dopo la vittoria di Franco Menichelli nel corpo libero, ai Giochi di Tokyo del 1964.

Importante il suo medagliere. Alle Olimpiadi 1 oro ad Atlanta 1996 e, a 34 anni, 1 bronzo ad Atene 2004. Ai Mondiali 5 ori e 2 bronzi. Agli Europei 4 ori e 2 bronzi.

Dopo il ritiro dall’attività agonistica ha avuto esperienze politiche e televisive, come ospite e conduttore di programmi e, in occasione di Londra 2012, come commentatore tecnico per Sky Sport.

Carmelo Pittera

data di nascita: mercoledì 11 ottobre 1944 (77 anni fa)

Carmelo Pittera: Nato a Catania, è un allenatore di pallavolo. Dopo aver condotto la squadra della sua città natale alla vittoria del campionato di serie A 1977/78 di pallavolo maschile, passa ad allenare la Nazionale (dal 1982 al 1986 come direttore tecnico). Nell’esordio mondiale gli azzurri si classificano secondi, dopo aver sconfitto Cuba in semifinale e perso in finale con l’Unione Sovietica. Un risultato storico che apre la strada ai futuri grandi successi.

Eventi Sportivi

Esordio in A di Evani

domenica 11 ottobre 1981 (40 anni fa)

Esordio in A di Evani: Nella quinta giornata del campionato di calcio di serie A 81/82 si gioca Bologna-Milan. L’incontro finisce a reti inviolate. Con la maglia rossonera fa il suo esordio nella massima serie, come terzino sinistro e a soli 18 anni, Alberigo Evani.

Resterà a Milano fino al 1993, vincendo anche tre scudetti. Come allenatore guiderà la Nazionale italiana Under 18 (2010), Under 19 (2011) e Under 20 (2013). Nell’agosto 2017 sarà l’assistente di Gian Piero Ventura nella Nazionale maggiore, dove ritornerà, dopo qualche mese di nuovo all’U21, nel maggio 2018 per coadiuvare il nuovo allenatore Roberto Mancini.

Scomparsi oggi

Jean Cocteau

data di nascita: venerdì 5 luglio 1889 (132 anni fa)
data morte: venerdì 11 ottobre 1963 (58 anni fa)

Jean Cocteau: Artista poliedrico, fu una delle personalità più creative della letteratura del Novecento, noto soprattutto per il romanzo I ragazzi terribili del 1929.

Nato a Maisons-Laffitte, nel nord della Francia, e morto a Milly-la-Forêt nell’ottobre del 1963, Jean Maurice Eugène Clément Cocteau si dimostrò abile ad intercettare le diverse istanze avanguardiste, pur rimanendo, dal punto di vista stilistico, estraneo alle mode del tempo.

Membro dell’Académie Française dal 1955, conservò una linea originale e versatile in tutte le forme espressive sperimentate, dalla poesia al cinema, passando per la pittura.

Tra i film diretti il più celebre è La bella e la bestia del 1946, prima versione cinematografica della popolare fiaba settecentesca.

Muore Edith Piaf

11 Ottobre 1963

Muore a Parigi Edith Giovanna Gassion, per tutti Édith Piaf, “il passerotto”. Nata nel 1915, figlia di un saltimbanco e di una cantante di strada, con la sua voce diventa in pochi anni una celebrità. I francesi amano questa piccola donna, considerata “la pura incarnazione della melodia”.

E in centomila la accompagnano il 14 ottobre del 1963 al cimitero parigino, dove riposa accanto a suo padre e alla figlia Marcelle, data alla luce da Edith a diciassette anni e morta a diciotto mesi. Successi, alcool, droghe, flirt con personaggi da copertina costellano la sua esistenza. “La vie en rose” diventa una canzone di culto e l’ospedale la sua seconda casa. Quando muore, non ancora quarantottenne, dimostra molti più anni. Restano le sue canzoni romantiche e malinconiche.