Almanacco Dell’11 Gennaio 2022

0
328

Oggi martedì 11 gennaio 2022 (07:31)

E’ il 11° giorno dell’anno, 3ª settimana. Alla fine del 2022 mancano 354 giorni.

A Roma il sole sorge alle 07:37 e tramonta alle 16:59 (ora solare)
A Milano il sole sorge alle 08:02 e tramonta alle 17:00 (ora solare)
Luna: 1.42 (tram.) 12.32 (lev.)

Santi del Giorno

Sant’Igino (Papa)
Santa Liberata (Vergine e Martire)

San David I (Re di Scozia)
San Leucio di Brindisi (Vescovo)
San Salvio (Martire in Africa)
San Teodosio il Cenobiarca
San Tipasio di Tigava (Martire)
Sant’Aspasio (Vescovo in Gallia)
Sant’Onorata di Pavia (Vergine)
Santa Luminosa di Pavia (Vergine)
Santa Speciosa di Pavia (Vergine)

Etimologia

Liberata, il termine trae origine dal latino Liber, e ha un significato piuttosto evidente: “non schiava, di condizione libera”.

Proverbio del giorno

A tutto c’è rimedio fuorché alla morte.

Aforisma del giorno

Non dite: l’Umanità è troppo vasta, e noi troppo deboli. Dio non misura le forze, ma le intenzioni. Amate l’Umanità. (G. Mazzini)

Sei nato oggi? 

Hai una vita solida e serena che hai saputo costruire con pazienza, tenacia ed impegno. Nel lavoro sei apprezzato per l’affidabilità e la precisione con cui svolgi i tuoi compiti. In amore punti in genere su di un partner che, come te, preferisca la tranquillità di un rapporto sicuro alle emozioni di avventure precarie.

Oroscopo quotidiano

Oroscopo di Martedì 11 Gennaio 2022

Accadde Oggi

La strage di Sidi Hamad, in Algeria

11 Gennaio 1998

Terroristi del GIA, Gruppo armato islamico, fanno irruzione nel villaggio algerino di Sidi Hamad, compiendo una strage. 130 sono i morti secondo le autorità, oltre 400, secondo i giornali di Algeri.

I britannici invadono il regno Zulu

11 Gennaio 1879

Le truppe inglesi entrano nel territorio dello Zululand, dando inizio ad uno dei più sanguinosi conflitti della storia del colonialismo europeo in Africa. Il regno Zulu rappresenta un ostacolo ingombrante sulla strada della realizzazione di una federazione di stati che garantisca agli inglesi il pieno controllo della regione sudafricana, sul modello di quanto era già avvenuto in Canada.

Il pretesto per l’invasione è la mancata accettazione da parte del re Zulu Cetshway delle condizioni imposte dall’ultimatum dell’alto commissario per l’impero britannico, Sir Henry Bartle Frere. Le iniziali e inaspettate disfatte subite dall’esercito inglese, in particolare quella di Isandlwana, frenano le trattative richieste da Cetshway per arrivare a un accordo negoziato, poiché costringono Londra a un impegno militare su vasta scala. L’inevitabile vittoria finale dei britannici sarà il preludio della dissoluzione del regno Zulu.

Primo test dell’insulina

mercoledì 11 gennaio 1922 (100 anni fa)

Primo test dell’insulina: A undici anni Leonard Thompson si trovò nella duplice parte di protagonista e testimone di un nuovo corso della medicina. Su di lui l’equipe di ricercatori dell’Università di Toronto testò per la prima volta l’insulina, salvando il piccolo diabetico da morte sicura. Una scoperta destinata a salvare le vite di milioni di pazienti.

Il primo a diagnosticare il diabete, classificandone le due forme principali (mellito di tipo 1 e mellito di tipo 2) fu Avicenna (intorno all’anno 1000 d.C), da molti considerato “il padre della medicina moderna”.

Da allora e per quasi un millennio, per questa malattia, provocata dalla scarsa presenza o totale assenza di insulina (ormone prodotto dal pancreas, la cui funzione fondamentale è di regolare il livello di glucosio nel sangue), non fu possibile trovare dei rimedi, con la conseguenza che chi ne era affetto giungeva a morte in tempi brevi.

A cambiare la storia furono due ricercatori canadesi, Charles Best e Fredrick Banting (nella foto), i cui esperimenti nel 1921 portarono, per la prima volta, ad isolare e produrre insulina, ricavandola dal pancreas del maiale e di altri animali. La prima occasione per testarne l’effetto nei casi di diabete si presentò l’anno successivo.

All’ospedale dell’Università di Toronto, venne ricoverato Leonard Thompson, un ragazzino di undici anni, in preda a una crisi glicemica in stato avanzato. La prima iniezione di insulina non ebbe l’effetto sperato provocando una reazione allergica, per cui l’equipe incaricò il giovane ricercatore James Collip di lavorare tutta la notte alla raffinazione e a un diverso dosaggio della sostanza pancreatica.

Il secondo test e quelli successivi arrestarono la crisi e salvarono la vita al piccolo paziente. La terapia fu ripetuta ad agosto dello stesso anno su Elizabeth Hughes, coetanea di Leonard, con identici risultati. In poco tempo la nuova cura antidiabete conquistò la ribalta in tutta la comunità scientifica, proiettando Banting e Best alla vittoria del Nobel per la Medicina, nel 1923; un riconoscimento che i due, con grande onestà intellettuale, scelsero di condividere con Collip.

Da quel momento il diabete smise di essere una malattia incurabile, offrendo una speranza di vita migliore alle innumerevoli persone che ne sono affette. Solo in Italia, secondo recenti stime, ne soffrono oltre 3 milioni di persone.

Nati in questo giorno

Mary J. Blige

data di nascita: lunedì 11 gennaio 1971 (51 anni fa)

Mary J. Blige: Newyorchese doc, è considerata la regina del soul e del R&B contemporanei, con all’attivo oltre 50 milioni di album venduti nel mondo e nove Grammy Awards.

Dopo un’infanzia difficile e un’adolescenza consumata tra alcool e droga, all’inizio degli anni Novanta s’impone sulla scena con il primo album What’s the 411?, prodotto dal noto rap Puff Daddy.

Autrice del singolo Be Without You (2005), diventata la canzone R&B di maggior successo nella storia della musica, vanta duetti con numerose star della musica, da Stevie Wonder a Whitney Houston, da George Michael a Sting, dagli U2 ad Aretha Franklin (per la quale ha anche scritto dei brani).

Tra gli italiani: Tiziano Ferro (nel singolo “Each Tear”) e Andrea Bocelli con cui si esibisce ai Grammy Awards, nel 2010, per raccogliere fondi a favore di Haiti.
Nell’aprile 2017 pubblica Strength of a Woman, suo tredicesimo album in studio.

Christine Kaufmann

data di nascita: giovedì 11 gennaio 1945 (77 anni fa)
data morte: martedì 28 marzo 2017 (4 anni fa)

Christine Kaufmann: Nata a Lengdorf (nella Baviera), per circa un ventennio è stata una delle attrici tedesche più note.

Da adolescente ha debutta nel cinema in una pellicola di Camerini, “Primo amore”, specializzandosi in seguito nel genere “peplum”, ossia il filone storico legato ai contesti biblici o al periodo delle civiltà greca e romana.

Insignita del Golden Globe per la “migliore attrice debuttante” nel 1962, ha recitato anche accanto al Principe della risata nella famosa commedia “Totò, Fabrizi e i giovani d’oggi”.

Tra i migliori film in cui ha lavorato: “Enigma rosso” (1978, regia di Alberto Negrin), “Egon Schiele, Exzess und Bestrafung” (1981), “Bagdad Café” (1987). In seguito è diventata una donna d’affari, creatrice di una linea di prodotti per la bellezza e il benessere. Il 28 marzo 2017 è morta a Monaco di Baviera, stroncata dalla leucemia.

Nati… sportivi

Andrea Bertolacci

data di nascita: venerdì 11 gennaio 1991 (31 anni fa)

Andrea Bertolacci: Nato a Roma, è un calciatore della Sampdoria dall’ottobre 2019 al dicembre 2020, quando si trasferisce nella massima serie turca al Fatih Karagümrük. Cresciuto nelle giovanili della società giallorossa della Capitale, gioca nel centrocampo di Lecce (2010/12) e Genoa (2012/15 e 2017/18). Dal 2015 al luglio 2017 e nella stagione 2018/19 indossa la maglia del Milan.
Con i rossoneri vince la Supercoppa italiana 2016.

Dopo aver indossato la maglia azzurra della Nazionale nelle selezioni giovanili, il 18 novembre 2014 esordisce in quella maggiore, scendendo in campo nell’amichevole con l’Albania.

Jens Nowotny

data di nascita: venerdì 11 gennaio 1974 (48 anni fa)

Jens Nowotny: Nato a Malsch (Germania), è un ex calciatore. Dal 1996 al 2006 ha giocato come difensore nel Bayer Leverkusen, totalizzando 231 presenze in Bundesliga e 34 in Champions League (tra cui la finale del 2002).

In Nazionale ha totalizzato 48 presenze, con una rete, e ha vinto il bronzo nei Mondiali di Germania 2006, giocando però soltanto i 90 minuti della finale per il 3° posto contro il Portogallo.

Eventi Sportivi

Fondata la Reggina

domenica 11 gennaio 1914 (108 anni fa)

Fondata la Reggina: Alcuni appassionati di calcio di Reggio Calabria fondano l'”Unione Sportiva Reggio Calabria“, che nei successivi tre decenni subisce vari cambi di denominazione, disputando campionati a livello interregionale.

Il campionato 1965/66 vede gli amaranto calcare, per la prima volta, i campi della serie B. Dopo un’altalena tra la cadetteria e la serie C (anche C1 e C2) e diversi problemi economici, la società nel 1986 assume l’attuale denominazione di Reggina Calcio.

Nella stagione 1999/2000 si avvera il sogno di generazioni di tifosi reggini: la serie A. L’esordio è a Torino il 25 agosto 1999 contro la Juventus, partita terminata 1-1. Dopo nove campionati nella massima serie, la Reggina milita in serie B dal 2009/10 al 2013/14, quando retrocede in Lega Pro. Un anno dopo, notevoli problemi finanziari portano la società al fallimento, pur mantenendo l’iscrizione alla FIGC ma solo per il settore giovanile.

L’Associazione Sportiva Dilettantistica Reggio Calabria è la nuova società che disputa il campionato 2015/16 di serie D, ma la stagione seguente, dopo una serie di passaggi giudiziari, è la Urbs Sportiva Reggina 1914 a partecipare al campionato di Lega Pro e, dalla stagione 2017/18, a quello di serie C. Dal campionato 2020/21 milita in serie B.

Esordio di Beckham in Italia

domenica 11 gennaio 2009 (13 anni fa)

Esordio di Beckham in Italia: La diciottesima giornata del campionato di serie A 2008/09, penultima del girone di andata, propone un grande match: Roma vs Milan.

All’Olimpico di Roma, nel posticipo serale, tra i milanisti c’è un’importante novità: fa il suo esordio nel campionato italiano, in prestito dai Los Angeles Galaxy, il famoso (e tra i più pagati al mondo) calciatore inglese David Beckham.

Lo Spice boy rimane in campo fino all’89°, quando l’allenatore Carlo Ancelotti lo chiama in panchina e lo sostituisce con Flamini. Fino a giugno 2009 totalizzerà 18 presenze con due reti.

I Doodle di Google

Niccolò Stenone

11 gennaio

Niccolò Stenone: Il vescovo danese Niels Stensen, più noto nella forma italianizzata di Niccolò Stenone, è considerato il padre della geologia e della stratigrafia. I suoi studi hanno fornito un contributo fondamentale alla classificazione dei fossili, utilizzando come criterio le modalità in cui gli stessi sono contenuti all’interno di rocce più grandi. Sepolto nella Basilica di San Lorenzo a Firenze, Stenone è stato beatificato nel 1988 da Giovanni Paolo II.
In occasione del 374° anniversario della sua nascita, nel 2012, Google gli ha dedicato un doodle che ritrae un pezzo di territorio di Mountain View (che ospita il quartier generale di Google) suddiviso in strati colorati e al cui interno sono riconoscibili i resti di fossili terrestri e marini.

Scomparsi oggi

Fabrizio De André

data di nascita: domenica 18 febbraio 1940 (81 anni fa)
data morte: lunedì 11 gennaio 1999 (23 anni fa)

Fabrizio De André: Maestro riconosciuto di generazioni di cantautori italiani, “Faber” viene ricordato come il poeta degli emarginati, della libertà e dell’ironia dissacrante.

Genovese doc, del quartiere Pegli per la precisione, Fabrizio Cristiano De André scoprì il sacro fuoco della musica ascoltando Georges Brassens, uno dei più grandi cantautori di sempre, da cui fu influenzato anche nell’avvicinamento agli ideali anarchici.

Esponente di spicco della gloriosa Scuola genovese, che include artisti del calibro di Luigi Tenco e Gino Paoli (con cui condivise gli anni della gavetta), s’impose sulla scena musicale a partire dal 1964, grazie al brano La canzone di Marinella, primo sublime esempio del suo stile poetico fatto di metafore ed immagini pittoriche.

Altri capolavori di profondo realismo e ricercatezza lessicale, come “Il pescatore”, La guerra di Piero e “Creuza de mä”, scandirono i suoi circa 40 anni di carriera artistica, vissuta all’insegna dell’anticonformismo e dei temi del pacifismo e della nonviolenza. Vittima nel 1979 insieme con Dori Ghezzi (sposata in seconde nozze nel 1989) di un rapimento, conclusosi positivamente, si spense a Milano nel gennaio del 1999, per l’aggravarsi del carcinoma polmonare, diagnosticatogli cinque mesi prima.
Nel febbraio 2018 su Rai 1 è andato in onda il film biografico Francesco De André – Principe libero.

Mariangela Melato

data di nascita: venerdì 19 settembre 1941 (80 anni fa)
data morte: venerdì 11 gennaio 2013 (9 anni fa)

Mariangela Melato: Nata a Milano, è stata una delle più apprezzate attrici teatrali e cinematografiche nel panorama italiano degli anni Settanta.

Entrò nel mondo dell’arte attraverso la porta del teatro, lavorando con Dario Fo e Franca Rame e con il grande Luchino Visconti. Al cinema, dopo l’esordio in “Thomas e gli indemoniati” del 1969, raggiunse la popolarità recitando in coppia con Giancarlo Giannini, nelle famose pellicole “Mimì metallurgico ferito nell’onore” (1972) e “Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto” (1974), entrambi diretti da Lina Wertmuller.

Vincitrice tra gli altri di otto David di Donatello e cinque Nastri d’argento, nel 2010 recitò accanto a Massimo Ranieri in un rifacimento per la TV di Filomena Marturano, capolavoro di Eduardo De Filippo. L’11 gennaio di tre anni dopo scomparve a Roma, consumata da un tumore al pancreas.