Almanacco Dell’11 Febbraio

0
254

E’ il 42° giorno dell’anno, 6ª settimana. Alla fine del 2021 mancano 323 giorni.

A Roma il sole sorge alle 07:10 e tramonta alle 17:38 (ora solare)
A Milano il sole sorge alle 07:30 e tramonta alle 17:44 (ora solare)
Luna: 7.22 (lev.) 17.14 (tram.)
Luna nuova alle ore 20.08

Santi del Giorno

San Pasquale I (Papa)
Beata Vergine Maria di Lourdes

San Castrense (Castrese) di Sessa (Vescovo e Martire)
San Pedro De Jesus Maldonado Lucero (Sacerdote e Martire)
Sant’Ardagno (Ardano, Abate di Tournus)
Sant’Elisa (Eloisa, lat. Helvisa – Reclusa)
Santa Sotere (Vergine e Martire)
Santa Teodora di Costantinopoli (Imperatrice d’Oriente)

Etimologia

Pasquale, .il nome ha chiare origini ebraiche legate alla celebrazione della festa della Pasqua. Il nome ebraico da cui proviene è pesah, che assume il significato di “passaggio”. Infatti, come noto, ricorda il passaggio degli ebrei attraverso il Mar Rosso, in fuga dall’Egitto e, in secondo luogo, il passaggio di Gesù dalla vita alla Resurrezione. Si tratta di un nome piuttosto diffuso tra la popolazione adulta italiana, soprattutto nel centro-sud Italia, ma nel 2000 è uscito dalla top 50 dei nomi più usati per i bambini.

Proverbio del giorno

Febbraio viene colle tempeste e se ne va con il sole.

Aforisma del giorno

Non rattristare un affamato, non esasperare un uomo già in difficoltà. (Siracide)

Sei nato oggi?

 Nutri un intenso amore per il tuo lavoro che spesso poni al primo posto nella tua vita. Riveli spiccate capacità nel campo della medicina, della chirurgia e della veterinaria, ma potresti anche diventare un attore geniale. In amore sei molto indipendente, ma ad un certo punto della vita incontrerai chi saprà fare di di te il più fedele ed appassionato dei partner.

Oroscopo quotidiano

Oroscopo di Giovedì 11 Febbraio 2021

Accadde Oggi

Firmati i Patti Lateranensi

lunedì 11 febbraio 1929 (92 anni fa)

Firmati i Patti Lateranensi«La Santa Sede e l’Italia hanno riconosciuto la convenienza di eliminare ogni ragione di dissidio fra loro esistente con l’addivenire ad una sistemazione definitiva dei reciproci rapporti». Con questa premessa si aprono i Patti dei Lateranensi che, dopo sessant’anni di gelo tra le due sponde del Tevere, diedero una soluzione alla cosiddetta questione romana, aprendone un’altra altrettanto annosa.

Conclusa l’impresa unitaria, nella primavera del 1861 Cavour aprì ufficialmente la “questione romana”, proclamando Roma capitale del Regno, quando la stessa si trovava ancora sotto la giurisdizione papale. Dieci anni dopo, riconquistata la città, il governo Lanza trovò la soluzione nella Legge delle Guarentigie (maggio 1871).

Con essa il Pontefice, all’epoca Pio IX, diventava suddito dello Stato Italiano, conservando tuttavia una serie di privilegi rispetto agli altri cittadini. Il Papa non accettò la soluzione unilaterale e in segno di protesta sia lui che i suoi successori non varcarono mai la soglia delle mura vaticane.

I rapporti vennero ristabiliti quasi sessant’anni dopo, in piena epoca fascista. Dopo i vani tentativi di conciliazione nel corso dei pontificati di Leone XIII e Pio X, i primi segnali distensivi si ebbero con Benedetto XV che alimentò la partecipazione dei cattolici alla vita politica italiana, sostenendo nel 1919 la formazione del Partito Popolare Italiano (dalle cui ceneri nacque nel ’42 la DC). Sul versante opposto Giolitti apriva a una nuova stagione di rapporti, attraverso la politica delle «due parallele» e rimarcando l’autonomia di Stato e Chiesa nei rispettivi ambiti.

L’avvento della dittatura fascista mise in allarme la Santa Sede preoccupata di perdere la propria secolare autonomia. Di qui, nell’estate del 1926, si avviarono delle trattative condotte per l’Italia dal consigliere di Stato Domenico Barone e per la Chiesa dall’avvocato Francesco Pacelli. Nelle ultime fasi, agli stessi subentrarono rispettivamente il capo del governo Benito Mussolini e il segretario di Stato vaticano, cardinale Pietro Gasparri.

A questi ultimi spettò di formare l’accordo dell’11 febbraio, nella Sala dei Papi del palazzo di San Giovanni in Laterano. Il trattato (ratificato con la legge 810 del 27 maggio 1929) riconosceva innanzitutto la personalità giuridica internazionale dello Stato della Città del Vaticano, mentre quest’ultimo riconosceva il Regno d’Italia e Roma quale sua capitale.

Tra i punti salienti, venivano regolati gli effetti civili del matrimonio religioso e stanziati circa un miliardo di lire, a titolo di risarcimento per i danni subiti con la perdita del potere temporale del Papa. I punti più controversi, che rispetto alle Guarentigie segnavano un regresso nella tutela della libertà religiosa, riguardavano l’indicazione del cattolicesimo quale religione di Stato e l’obbligatorietà dell’insegnamento della dottrina cristiana nelle scuole medie ed elementari.

Pur tra il dissenso delle correnti laiche dell’Assemblea Costituente, i Patti vennero assorbiti all’interno della Costituzione del 1948, nello specifico con l’articolo 7. Tuttavia fu avvertita a più riprese l’esigenza di modificare l’accordo, nei punti ritenuti palesemente incompatibili con i principi della Costituzione repubblicana.

Istanze raccolte più tardi nel nuovo Concordato del 1984, sottoscritto dal presidente del Consiglio Bettino Craxi e dal segretario di Stato Agostino Casaroli. Con esso da un lato si eliminavano i punti più controversi (il riconoscimento di “religione di stato” e l’insegnamento obbligatorio cambiato in facoltativo); dall’altro si facevano importanti concessioni alla Chiesa, tra cui il finanziamento attraverso il meccanismo dell’otto per mille e il diritto a istituire scuole di ogni ordine e grado.

Comincia il processo ad Eichmann

11 febbraio 1961

Inizia a Gerusalemme il processo ad Adolf Eichmann. È la prima volta che un criminale nazista viene giudicato da una corte in Israele. Nel corso del processo, uno dei maggiori responsabili dell’Olocausto ammetterà solo “la responsabilità di aver eseguito ordini come qualunque soldato avrebbe dovuto fare durante una guerra“.

È il suo atteggiamento durante le udienze a ispirare ad Hannah Arendt l’opera sulla banalità del male come prodotto di una organizzazione burocratica e dell’acquiescenza degli individui.

Scarcerato Nelson Mandela

11 febbraio 1990

Dopo 27 anni, si riaprono le porte del carcere per Nelson Mandela, leader dell’antiapartheid in Sudafrica. Mandela è l’eroe della lotta contro il razzismo, un esempio per l’Africa e per il mondo intero, premio Nobel per la pace nel 1993.

Il 18 luglio 2008, per i 90 anni di Mandela, è stato organizzato un mega concerto in Hyde Park a Londra, cui hanno assistito 46.664 spettatori. Esattamente il numero che, per 27 anni, Mandela ha portato cucito sulla propria uniforme da carcerato.

Nati in questo giorno

Nasce Mary Quant

11 febbraio 1934

Nasce Mary Quant, stilista inglese. Nel 1955 apre la sua prima boutique – il “Bazaar”  – a Londra, in King’s Road, e raggiunge presto una discreta notorietà. Ma il successo travolgente arriva nel 1965 quando, sull’onda dell’accorciamento delle gonne proposto da Courrège, lancia la minigonna.

Per il nome Mary Quant si è ispirata ad un altro simbolo degli anni sessanta, la «Mini». Nel 2009 la sua minigonna è stata celebrata in un francobollo molto glamour della Royal Mail. All’inizio del 2015 è stata onorata dalla Regina Elisabetta con il titolo di “Lady”.

Jennifer Aniston

data di nascita: martedì 11 febbraio 1969 (52 anni fa)

Jennifer Aniston: Gli ingredienti del suo successo sono la semplicità e il fascino di ragazza della porta accanto… magari che divide l’appartamento con altri “amici”.

Californiana di Sherman Oaks (distretto di Los Angeles), è figlia d’arte: ex attori la madre Nancy e il padre John Anastassakis, che una volta entrato nel mondo dello spettacolo ha americanizzato il cognome in Aniston.

Completati gli studi di recitazione alla High School for the Performing Arts di New York, recita in alcune serie televisive, debuttando al cinema nel 1993 con l’horror “Leprechaun”. L’anno seguente la sua carriera prende la giusta direzione: ottiene il personaggio di Rachel nella serie TV Friends, che le dà fama mondiale per dieci stagioni, oltre a un Golden Globe e un Emmy Awards.

Il successo di Friends la lancia sul grande schermo come attrice del genere commedia, con pellicole come Una settimana da Dio (2003), “Io & Marley” (2008) e “Come ti spaccio la famiglia” (2013).

Thomas Edison

data di nascita: giovedì 11 febbraio 1847 (174 anni fa)
data morte: domenica 18 ottobre 1931 (89 anni fa)

Thomas Edison: Tra i più prolifici (1.093 brevetti registrati a suo nome) e geniali inventori della storia dell’umanità, molte sue scoperte hanno inciso profondamente nel progresso della società.

Nato a Milan, nell’Ohio, e morto a West Orange nel 1931, Thomas Alva Edison crebbe in una famiglia povera, al punto di dover abbandonare gli studi a dodici anni, iniziando a vendere giornali sui treni e dedicandosi nel tempo libero agli esperimenti con apparecchi elettrici e meccanici.

Dopo aver salvato il figlio del capostazione, ottenne il posto di telegrafista presso la stazione, che gli permise di mettere a punto uno strumento telegrafico a ripetizione per la trasmissione automatica dei segnali; la commercializzazione di quest’ultimo gli consentì di aprire (nel 1876) un piccolo laboratorio privato.

Dalla fine degli anni Settanta brevettò le sue invenzioni più importanti: nel 1877 inventò il fonografo, apparecchio per la registrazione meccanica del suono; nel 1879 rese pubblica la sua invenzione di una lampada elettrica e tempo dopo progettò la prima grande centrale elettrica di New York; nel 1891 brevettò il Cinetoscopio, il precursore del proiettore cinematografico.

Con la sua società, la “Edison Electric Light Company”, arrivò a produrre più di centomila lampadine all’anno e in diverse città, come Londra, New York e Milano entrarono in funzione le prime centrali elettriche per la distribuzione dell’elettricità nelle strade e nelle case.

Magda Gomes

data di nascita: sabato 11 febbraio 1978 (43 anni fa)

Magda Gomes: Nata a San Paolo, in Brasile, inizia a lavorare come modella tra l’America e l’Europa.

In Italia, nel 2002, posa nuda per il calendario Campari, due anni dopo esordisce in TV come valletta nel programma televisivo “Markette” su LA7. Nel 2006 realizza un calendario per la rivista “For Men” e lavora nel programma “Guida al campionato” su Italia Uno.

Nel 2007 interpreta un ruolo nella sit-com “Camera Cafè”. Nel 2009 sostituisce Ilary Blasi in una puntata di “Le Iene” e nello stesso anno lancia una linea di costumi.

Nati… sportivi

Christian Maggio

data di nascita: giovedì 11 febbraio 1982 (39 anni fa)

Christian Maggio: Nato a Montecchio Maggiore (in provincia di Vicenza), è un calciatore del Lecce dal febbraio 2021, dopo aver rescisso il contratto con il Benevento. Nel capoluogo sannita è arrivato nel luglio 2018, provenendo dal Napoli, dove in dieci stagioni ha vinto due Coppe e una Supercoppa italiane. In precedenza è stato un difensore destro della Fiorentina e della Sampdoria. In Nazionale ha totalizzato 34 presenze ed è stato vice-campione d’Europa nel 2012.

Negli ultimi anni Superbike, così soprannominato per la sua velocità sulla fascia, ha segnato spesso. Memorabile una rete, dopo un tiro al volo, del 24 gennaio 2010, paragonabile ad un gol di Van Basten di 22 anni prima.

Alessandro Pittin

data di nascita: domenica 11 febbraio 1990 (31 anni fa)

Alessandro Pittin: Nato a Tolmezzo (in provincia di Udine), è il primo italiano a vincere una medaglia nella storia della combinata nordica ai Giochi Olimpici. A Vancouver 2010, in Canada, conquista infatti la medaglia di bronzo nell’individuale dal trampolino normale. Quattro anni dopo nella stessa gara si ferma ai piedi del podio, suo miglior piazzamento a Sochi 2014.

La combinata nordica è lo sport invernale in cui si gareggia in due discipline dello sci nordico: lo sci di fondo e il salto con gli sci.
Nel gennaio 2012 vince, in tre giorni consecutivi, tre gare di Coppa del Mondo nella Gundersen di Chaux-Neuve, in Francia, tripletta che mancava dal 2002.

Nei Mondiali di Falun 2015 (in Svezia) conquista la medaglia d’argento nel trampolino normale e arriva quarto nella gara a squadre dal trampolino normale, quinto nella sprint a squadre dal trampolino lungo e venticinquesimo nel trampolino lungo.

Ciro Ferrara

data di nascita: sabato 11 febbraio 1967 (54 anni fa)

Ciro Ferrara: Nato a Napoli, è un ex calciatore, cresciuto nelle giovanili del Napoli, poi allenatore. In maglia azzurra colleziona, in serie A dal 1984 al 1994, 247 presenze (con 12 reti) e vince due scudetti, una Supercoppa italiana e una Coppa Uefa.

Nel 1994, per oltre nove miliardi di lire, è ceduto alla Juventus, dove continua ad essere un difensore di livello mondiale e conclude la carriera nel 2005 (253 le partite in serie A con 15 reti), conquistando anche cinque scudetti (più uno revocato), quattro Supercoppe italiane, una Champions League e una Coppa Intercontinentale.

Con 500 presenze (in 21 stagioni) è al quattordicesimo posto nella classifica delle presenze in serie A di tutti tempi, ma il portiere dell’Inter, Samir Handanovič, dal 14 febbraio 2020 lo può raggiungere e successivamente superare. Per la sua partita di addio al calcio, scendono in campo il Napoli dei due scudetti e i campioni d’Italia della Juventus, richiamando al San Paolo Diego Armando Maradona e 70.000 spettatori.

In Nazionale arriva a 20 anni e totalizza 49 presenze. Partecipa ai Mondiali del 1990, con una sola presenza proprio nella finale vinta per il terzo posto, e agli Europei del 1988 e del 2000, quando a 33 anni gioca l’ultima volta contro la Svezia.

La sua prima panchina è quella della Juventus (per un anno a partire dal maggio 2009) poi quella dell’U21, guidata nelle qualificazioni all’Europeo di categoria. Nel campionato 2012/13, dopo 17 giornate è esonerato dalla Sampdoria. In seguito diventa commentatore televisivo sulla piattaforma digitale a pagamento. È il tecnico del Wuhan Zall, società del secondo campionato cinese, da luglio 2016 a marzo 2017.

José María Callejón

data di nascita: mercoledì 11 febbraio 1987 (34 anni fa)

José María Callejón: Nato a Motril in Andalusia (Spagna), è un calciatore, cresciuto nelle giovanili nel Real Madrid. Dal 2008 al 2011 gioca nell’Espanyol, per poi ritornare nel club madridista fino all’estate 2013 quando si trasferisce al Napoli. Da svincolato nell’ottobre 2020 si trasferisce alla Fiorentina.

Con la squadra partenopea, di cui diventa subito una pedina fondamentale (con gli allenatori Benitez, Sarri, Ancelotti e Gattuso), conquista le Coppa Italia 2013/14 e 2019/20 e la Supercoppa 2014. Solo cinque le presenze in Nazionale.

I Doodle di Google

May Ziade e la Rinascita Araba

11 febbraio

May Ziade e la Rinascita Araba: La poetessa palestinese May Ziade fu una dei principali rappresentanti della cosiddetta Rinascita Araba (in arabo Nahda), grande stagione di riformismo politico e di fioritura culturale che, dalla seconda metà del XIX secolo ai primi anni del XX, interessò tutti i paesi di lingua araba, in particolare l’Egitto. In quel clima, Ziade si fece portavoce, attraverso i suoi scritti giornalistici e letterari, delle rivendicazioni sociali delle donne.

È ricordata ancora oggi come una pioniera del femminismo nel mondo arabo e per la fitta corrispondenza avuta con il celebre scrittore libanese Khalin Gibran. Google nel 2012 le ha dedicato un doodle (visibile in Egitto e in altri paesi di lingua araba) in occasione del 126° anniversario della sua nascita

Il Mondo degli Animali

Pinguino dai piedi neri

mercoledì 11 febbraio 2015 (6 anni fa)

Pinguino dai piedi neri: Il pinguino dai piedi neri o “pinguino africano”, nome scientifico Spheniscus demersus, è un uccello appartenente alla famiglia dei pinguini o Spheniscidae.

Il dorso degli Spheniscus demersus è di un colore grigio scuro tendente al nero, il ventre ed il collo sono bianchi, una banda nera si estende dal petto ai piedi dell’animale. I pinguini africani hanno le zampe palmate di un colore nero e, come tutti i pinguini, non sono in grado di volare ma sono molto agili nel nuoto, infatti, hanno piccole ali, tenute rigide e tese, che assomigliano alle pinne dei nuotatori vertebrati. Questa specie di pinguino può raggiungere i settanta centimetri di lunghezza e i tre chili di peso. Il maschio è leggermente più grande della femmina. Una caratteristica di tutti i pinguini è che tra maschio e femmina non c’è dimorfismo sessuale, cioè hanno lo stesso aspetto.

Il pinguino africano vive in colonie molto numerose sulla costa sud-occidentale dell’Africa, nelle isole che si trovano tra la Namibia e Algoa Bay. Si nutre prevalentemente di gamberetti e piccoli invertebrati. E’ una specie monogama.

Una curiosità che caratterizza i pinguini dai piedi neri è che vivono al caldo, la temperatura nelle zone in cui abitano varia tra i 20 e i 40 gradi.

Purtroppo i pinguini africani sono una specie sempre di più a rischio, a causa del concomitante effetto dovuto ai cambiamenti climatici e all’eccesso di pesca. La popolazione dei pinguini dai piedi neri è diminuita del 60% dal 2004, la loro specie, nel corso degli anni, è stata declassata dallo status di vulnerabile a quello di minacciata.

Scomparsi oggi

Cartesio

data di nascita: domenica 31 marzo 1596 (424 anni fa)
data morte: venerdì 11 febbraio 1650 (371 anni fa)

Cartesio: Universalmente riconosciuto come il padre della filosofia moderna, il suo metodo d’indagine ha rivoluzionato le diverse forme del sapere, dalla matematica alla letteratura.

Insieme a Pascal è considerato anche il fondatore della prosa francese; caratteristiche essenziali del suo stile sono la chiarezza e la linearità, che ispirarono i successivi sviluppi della letteratura illuministica.

Nato a La Haye (in seguito ribattezzata Descartes in suo onore) nel cuore della Francia, René Descartes (italianizzato in Renato Cartesio) formò il suo vasto bagaglio culturale presso il Collegio dei Gesuiti, iscrivendosi in seguito alla Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Poitiers. Durante gli anni da militare, strinse amicizia con il medico Isaac Beeckman, dal quale derivò la passione per le scienze matematiche.

Dopo aver viaggiato per l’Europa, soggiornò per lungo periodo in Olanda, dove, tra il 1637 e il 1641, pubblicò le sue due opere fondamentali: Discorso sul metodo e Meditazioni metafisiche. Da esse se ne ricostruisce il pensiero, che ha come metodo d’indagine il “dubbio metodologico” e come fondamento la massima «Cogito ergo sum», ossia “Penso dunque sono”.

Attraverso il dubbio il filosofo ricerca la verità, che ha come criterio base l’evidenza, cioè le idee che appaiono certe ed evidenti alla ragione e che non possono essere soggette al dubbio. Sostenendo la maggiore validità della conoscenza razionale rispetto a quella sensibile, Cartesio gettò le basi del razionalismo filosofico che influenzò l’Illuminismo e l’evoluzione del pensiero moderno.

Ingaggiato come precettore dalla regina Cristina di Svezia, Cartesio morì di polmonite nel febbraio del 1650, a Stoccolma.

Whitney Houston

data di nascita: venerdì 9 agosto 1963 (57 anni fa)
data morte: sabato 11 febbraio 2012 (9 anni fa)

Whitney Houston: Nata a Newark, in New Jersey, Whitney Elizabeth Houston è stata una cantante e attrice statunitense, ricordata come una delle voci più belle della storia della musica.

Dominò la scena musicale degli anni Ottanta con singoli indimenticabili, come Saving All My Love for YouGreatest Love of All e All at Once. Nel decennio seguente si affermò come interprete di colonne sonore, su tutte I Will Always Love You per il film Guardia del corpo del 1992 (che la vide recitare accanto a Kevin Costner).

Dopo il ritiro dalle scene, cadde in uno stato di depressione fino alla tragica morte, avvenuta nel 2012 per annegamento accidentale nella vasca da bagno. Con oltre 200 milioni di copie vendute è seconda solo a Madonna nel primato di artista femminile dal maggior successo di sempre.

Léon Foucault

data di nascita: sabato 18 settembre 1819 (201 anni fa)
data morte: martedì 11 febbraio 1868 (153 anni fa)

Léon Foucault: Nei manuali scolastici è ricordato principalmente per l’invenzione del famoso pendolo di Foucault, con cui riuscì a dimostrare la rotazione terrestre, mai i suoi contributi alla Fisica sono molteplici.

Nativo di Parigi, e qui spentosi nel febbraio del 1868, dopo i primi studi sulla dagherrotipia, Jean Bernard Léon Foucault si dedicò alla misurazione della luce, dimostrando la maggiore velocità di propagazione nell’aria rispetto che nell’acqua.

Premiato, per l’invenzione del pendolo, dalla “Royal Society” di Londra con la medaglia Copley nel 1855, diede negli anni successivi un prezioso contributo al miglioramento degli strumenti ottici e in particolare dei telescopi.

Commenti