Almanacco Del 9 Dicembre 2021

0
506

Oggi giovedì 9 dicembre 2021 (06:18)

E’ il 343° giorno dell’anno, 50ª settimana. Alla fine del 2021 mancano 22 giorni.

A Roma il sole sorge alle 07:27 e tramonta alle 16:39 (ora solare)
A Milano il sole sorge alle 07:53 e tramonta alle 16:38 (ora solare)
Luna: 0.49 (lev.) 13.36 (tram.)
Venere sorge alle 5.16 e tramonta alle 15.16. Distanza: km 220.000.000 . Parte illuminata: 90,3 %

Santi del Giorno

San Siro di Pavia (Vescovo)

Etimologia

 Siro, nasce dal termine greco “Syrios”, abitante della Siria, mutuato poi nel soprannome etnico latino “Syrus” o “Syrianus”, “della Siria” che veniva dato agli schiavi provenienti dalla Siria. Il nome, frequente anche tra i liberti per tutta l’epoca imperiale, ebbe scarsa fortuna tra i cristiani, anche se è ancora oggi presente, in alcune aree del Centro Nord.

Proverbio del giorno

Bacco, tabacco e Venere riducon l’uomo in cenere.

Aforisma del giorno

Tutte le feste della Chiesa sono belle… La Pasqua, sì, è la glorificazione… Ma il Natale ha una tenerezza, una dolcezza infantile che mi prende tutto il cuore. (S. Pio da Pietrelcina)

Sei nato oggi? 

Hai un temperamento ardente, appassionato ed ingegnoso. La tua vita è ricca di avvenimenti imprevisti, a volte piacevoli a volte no, che soddisfano il tuo gusto d’avventura. Sei particolarmente portato alle professioni artistiche, dove riveli talento e creatività. Nella vita affettiva avrai dapprima molte avventure e, più tardi, un solo grandissimo amore, intenso, passionale, travagliato e “per sempre”.

Oroscopo quotidiano

Oroscopo di Giovedì 09 Dicembre 2021

Accadde Oggi

Walesa è presidente della Polonia

09 Dicembre 1990

Nelle prime elezioni parlamentari dirette della storia del paese, il capo del movimento Solidarnosc Lech Walesa conquista il 40% dei voti e diviene presidente della Polonia.

Approvata la legge Anselmi

09 Dicembre 1977

Il parlamento italiano approva la legge 903 sulla parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro. Meglio nota come “legge Anselmi”, la legge vieta ogni discriminazione di genere per l’accesso a qualsiasi tipologia di lavoro. Ministro del lavoro è la democristiana Tina Anselmi, prima donna ministro della Repubblica nel 1976.

Il Gran Consiglio del Fascismo diventa organo costituzionale

09 Dicembre 1928

Con la Regia Legge n. 2693, il Gran Consiglio del Fascismo diventa organo costituzionale del Regno d’Italia, con la funzione di “coordinare e integrare tutte le attività” del regime fascista.

Al cinema esce Scarface

venerdì 9 dicembre 1983 (38 anni fa)

Al cinema esce Scarface«Mi prendo il mondo e tutto quello che c’è dentro». In questa frase c’è tutta la determinazione di Tony Montana, il protagonista di Scarface, pellicola cult del genere gangster che debuttò nelle sale cinematografiche il 9 dicembre del 1983.

Scritto da Oliver Stone e diretto da Brian De Palma, il film consacrò definitivamente la fama di duro di Al Pacino, dopo le altrettanto straordinarie interpretazioni in Serpico e Il Padrino. Nel ruolo di Montana superò se stesso, riuscendo a trasmettere tutta la fredda e spietata determinazione del protagonista nel realizzare il suo ambizioso progetto criminale, fino a farne un modello in negativo del mito americano del self-made man.

La trama è ambientata nella Miami degli anni Ottanta, dove si rifugiarono 125mila ex galeotti cubani, liberati da Castro dopo la Rivoluzione, per risolvere il problema del sovraffollamento delle carceri. Tra loro ci sono Tony Montana e il fraterno amico Manolo Ribera (detto “Manny”) che, stanchi di fare i lavapiatti, cercano il riscatto nel giro della droga mettendosi al servizio del narcotrafficante Frank Lopez.

Innamoratosi della moglie di quest’ultimo (che ha il volto di Michelle Pfeiffer), Montana uccide Lopez e ne prende il posto, diventando in poco tempo un ricco e potente boss della droga che risiede in una villa sfarzosissima. Sarà la sua stessa ambizione ad accecarlo a tal punto da assassinare l’amico Manny e a portarlo alla morte nel corso di un agguato teso da un narcotrafficante, suo socio in affari.

Remake dell’omonimo lungometraggio del 1932 sulla vita di Al Capone (scarface, ossia “lo sfregiato”, era il suo soprannome più noto), il film di De Palma all’inizio fu accolto freddamente dalla critica e dal pubblico, scioccati dalla crudezza del linguaggio e dalla eccessiva violenza di alcune scene (su tutte quella in cui un compare di Montana viene fatto a pezzi con una motosega, ispirato a un episodio realmente accaduto); per gli stessi motivi in Italia venne trasmesso in TV in versione censurata.

A distanza di tempo venne tuttavia riabilitato e annoverato tra i grandi classici del genere gangster. L’aspetto meno confortante del suo successo, sottolineato recentemente dallo scrittore Roberto Saviano (e riportato anche nelle pagine del suo bestseller Gomorra), è che al protagonista di Scarface si ispirarono, e continuano a farlo tuttora, esponenti di spicco della criminalità organizzata, tra cui il boss dei casalesi Walter Schiavone che si era fatto costruire una villa sul modello di quella di Montana.

Debellato il vaiolo

domenica 9 dicembre 1979 (42 anni fa)

Debellato il vaiolo«…il mondo e i suoi popoli hanno ottenuto la libertà dal vaiolo, una delle malattie più devastanti a manifestarsi con epidemie in molti paesi sin dai tempi più remoti, lasciando morte, cecità e deturpazione nella sua scia e che solo un decennio fa era dilagante in Africa, Asia e Sud America». Con questa risoluzione l’Organizzazione Mondiale della Sanità annunciò ufficialmente che il vaiolo era stato eradicato su tutto il pianeta. Fu il primo caso (e unico fino al 2011, dopo il debellamento della peste bovina) di malattia infettiva completamente eliminata.

Eppure fino alla fine degli anni Sessanta il vaiolo faceva due milioni di vittime all’anno, portando a morte rapida (tra il 10° e il 16° giorno di malattia) il 40% dei contagiati. Alla fine del XX secolo si calcoleranno tra i 300 e i 500 milioni di decessi. Un incubo iniziato 10mila anni prima di Cristo, secondo gli studiosi legato alla fase di passaggio tra il nomadismo e la stanzialità del Neolitico.

Il primo a scoprire un rimedio efficace fu il medico britannico Edward Jenner, che nel 1796 scoprì le affinità tra il vaiolo che colpiva gli esseri umani e quello dei bovini, traendo da quest’ultimo una soluzione da iniettare nell’uomo e alla quale diede il nome di vaccino (dal latino vaccinus, forma aggettivale derivante da vacca, in italiano “mucca”).

Una campagna più ampia di contrasto al virus ebbe inizio nel 1950, intensificandosi a partire dal 1967. Dal 1986 la vaccinazione antivaiolosa venne sospesa in tutti i paesi, tranne nei due centri di ricerca di Atlanta e di Mosca, che conservano gli ultimi 600 campioni del virus.

Nati in questo giorno

Bianca Berlinguer

data di nascita: mercoledì 9 dicembre 1959 (62 anni fa)

Bianca Berlinguer: Esponente di punta del giornalismo italiano, da oltre venticinque è una protagonista dell’informazione televisiva sulla rete pubblica.

Nata a Roma, il padre è Enrico Berlinguer, storico leader del Partito Comunista Italiano tra gli anni Settanta e Ottanta. Dopo gli esordi nella carta stampata con “Il Messaggero”, approda nel 1985 al TG3, conducendo l’edizione serale fino al 1991.

Per la “terza rete” cura inoltre l’approfondimento politico con le rubriche Primo Piano e Linea Notte, fino al prestigioso traguardo della direzione del TG, ottenuta nel 2009 e mantenuta fino agli inizi di agosto 2016. Dal mese di novembre successivo conduce il programma Cartabianca.
Vincitrice nel 2010 del Premio di giornalismo “L’isola che c’è”, nel suo curriculum figura anche una performance come attrice nel film “To Rome with love” (2012) di Woody Allen.

Carlo Azeglio Ciampi

data di nascita: giovedì 9 dicembre 1920 (101 anni fa)
data morte: venerdì 16 settembre 2016 (5 anni fa)

Carlo Azeglio Ciampi: Toscano di Livorno, è stato per un quarto di secolo un esponente di primo piano della vita economica e politica dell’Italia.

Dopo l’impegno nella guerra di resistenza, tra le file del Partito d’Azione, dal 1946 ha iniziato la carriera nella Banca d’Italia, culminata con la nomina a governatore nel 1979. Chiamato a guidare un governo tecnico tra il 1993 e il 1994, è stato ministro del Tesoro (dall’aprile 1996 al maggio 1999) e si è occupato principalmente della riduzione del debito pubblico italiano, in previsione dell’ingresso del Paese nell’Euro.

Eletto Capo dello Stato al primo turno (primato condiviso con Cossiga) con 707 voti su 1010, il 13 maggio 1999, è stato il primo Presidente della Repubblica non parlamentare. Il suo settennato si è distinto per una profonda riscoperta degli ideali risorgimentali e della Resistenza, simboleggiati dall’Inno di Mameli e dal Tricolore.

Ricoverato d’urgenza in una clinica di Roma, qui è deceduto il 16 settembre 2016.

John Malkovich

data di nascita: mercoledì 9 dicembre 1953 (68 anni fa)

John Malkovich: Un fenomeno della recitazione, apprezzato dai migliori registi americani ed europei. Nato a Christopher nell’Illinois, la sua impostazione è tipica dell’attore di teatro con una lunga esperienza alle spalle.

La sua stella infatti si accende a Broadway nel 1984, quando con Morte di un commesso viaggiatore del celebre drammaturgo Arthur Miller strappa applausi e consensi, oltre a un Emmy Award per la versione televisiva dello spettacolo. Nello stesso anno debutta trionfalmente anche al cinema, conquistando una nomination agli Oscar come “miglior attore non protagonista” per Le stagioni del cuore.

Il fascino di attore impegnato si consacra nel segno di grandi firme della regia: da Steven Spielberg, con L’impero del sole (1987), all’italiano Bernardo Bertolucci di “Il tè nel deserto” (1990). Le migliori performance arrivano tuttavia con Le relazioni pericolose (1988) e Nel centro del mirino (1993), con cui ottiene la seconda nomination agli Oscar.

L’Italia diventa la sua seconda patria quando, nel 2010, inaugura a Prato la linea di abbigliamento maschile Technobohemian, confermando il suo gusto raffinato anche nella moda. Da maggio 2014 per nove episodi impersona il pirata Barbanera nella serie TV “Crossbones” della NBC. Nel gennaio 2020 è tra i protagonisti della serie TV The New Pope, in Italia in onda sulla piattaforma satellitare.

Nati… sportivi

McKayla Maroney

data di nascita: sabato 9 dicembre 1995 (26 anni fa)

McKayla Maroney: Nata a Long Beach (in California), è un’ex ginnasta statunitense. Nei campionati mondiali di Tokyo del 2011 ha vinto l’oro nel volteggio e nella gara a squadre, mentre ai Giochi Olimpici di Londra del 2012 ha vinto l’oro nella gara a squadre e l’argento nel volteggio. In quest’ultima disciplina si è classificata prima ai Mondiali di Anversa 2013. Nel febbraio 2016 ha confermato il ritiro dall’attività agonistica.

Pietro Aradori

data di nascita: venerdì 9 dicembre 1988 (33 anni fa)

Pietro Aradori: Nato a Brescia, è un cestista di 194 cm, dal 2012 al 2014 gioca come guardia e ala piccola per la Pallacanestro Cantù; in precedenza è nel roster di Milano, Biella e Siena. Nella città del Palio vince 2 scudetti e 2 volte la Coppa Italia e la Supercoppa Italiana. Nella stagione 2014/15 si trasferisce in Turchia al basket Galatasaray, dove rimane fino a dicembre. Nei cinque mesi successivi è in Spagna all’Estudiantes Madrid e successivamente a Venezia, partecipando ai play off scudetto.

Dal campionato 2015/16 è in forza alla Pallacanestro Reggiana, conquistando subito la Supercoppa Italiana. Indossa la canotta della Virtus Bologna dal luglio 2017 all’agosto 2019, quando rimane a Bologna ma con un contratto quadriennale con la Fortitudo.

Con la Nazionale partecipa agli Europei 2013, 2015 e 2017 (arrivando fino ai quarti di finale) e al torneo di Torino per la qualificazione alle Olimpiadi di Rio 2016, mancata a causa della sconfitta in finale contro la Croazia.

I Doodle di Google

Centenario Premio Nobel

9 dicembre

Centenario Premio Nobel: La prima cerimonia dei Premi Nobel si tenne alla vecchia Accademia Reale di Musica di Stoccolma, il 10 dicembre 1901, a cinque anni esatti dalla morte del suo ideatore, l’inventore svedese Alfred Nobel.

I primi a ricevere il prestigioso riconoscimento furono Wilhelm Röntgen (per la Fisica); Jacobus Henricus van’t Hoff (per la Chimica); Emil Adolf von Behring (per la Medicina); Sully Prudhomme (per la Letteratura). Vennero consegnati a Oslo, nella sede del Parlamento norvegese, i due Nobel per la Pace assegnati a Henry Dunant e Frédéric Passy.

Il 9 dicembre 2011, in occasione del centenario della cerimonia dei Nobel, Google ha pubblicato un doodle globale in cui sono ritratte la medaglia d’oro consegnata ai vincitori e una colomba con un ramoscello d’ulivo, simbolo della pace.

Angolo Lettura

“Pian della Tortilla” di John Steinbeck

domenica 9 dicembre 2012 (9 anni fa)

“Pian della Tortilla” di John Steinbeck: Il libro che vi proponiamo questa domenica è “Pian della Tortilla”, il primo romanzo del premio nobel John Steinbeck, pubblicato nel 1939. La storia, ambientata negli anni trenta in California durante il periodo della grande depressione, narra di un gruppo di paisanos, cioè californiani di origine ispanica, che vive a Monterey. Danny è un paisanos che inaspettatamente eredita una casa da un suo parente e con un gruppo di amici va a vivere in questa casa formando una comunità eccentrica e indisciplinata. Le giornate procedono allegramente, tra feste, ubriacature e riflessioni sulla tranquillità di una giornata in galera e su come procurare qualche moneta per un goccio di vino.

Un umorismo tagliente e riflessivo quello di Steinbeck. Man mano che la lettura procede i personaggi acquistano una identità sempre più profonda, ci si affeziona a queste personalità piuttosto eccentriche, si prova tenerezza per loro e anche ammirazione. Non sono personaggi che hanno bisogno di compassione, sono solo personaggi che devono essere compresi e quasi si condivide la loro scelta di ozio e non volontà di affrontare le rigide regole di una vita fatta di impegni e gravosità. Un libro che non ha età, che può essere letto diverse volte in diverse fasi della vita, dal quale si possono trarre sempre nuovi spunti di riflessione.

Scomparsi oggi

Antoon van Dyck

data di nascita: lunedì 22 marzo 1599 (422 anni fa)
data morte: lunedì 9 dicembre 1641 (380 anni fa)

Antoon van Dyck: Pittore e ritrattista legato alla corrente barocca, fu tra i maggiori esponenti dell’arte fiamminga in Italia.

Nato ad Anversa, in Belgio, e morto a Londra nel dicembre del 1641, fu il primo pittore di corte in Inghilterra. Principale discepolo di Rubens, viaggiò molto per l’Italia, studiando i Maestri italiani del Quattrocento e Cinquecento e assimilando diverse maniere e diverse tipologie di pittura.

I suoi ritratti della nobiltà genovese, di Carlo I re d’Inghilterra e della sua famiglia influenzarono i ritrattisti inglesi. La sua pittura rilassata ed elegante emerse nei dipinti a tema religioso, che lo introdussero a corte dell’arciduchessa Isabella d’Asburgo, reggente dei Paesi Bassi. Molti dei ritratti sono conservati in Italia, tra la Galleria Sabauda a Torino, Palazzo Pitti e gli Uffizi a Firenze, Palazzo Rosso a Genova.

Franco Franchi

data di nascita: martedì 18 settembre 1928 (93 anni fa)
data morte: mercoledì 9 dicembre 1992 (29 anni fa)

Franco Franchi: Siciliano doc, di Palermo, Francesco Benenato, in arte Franco Franchi, è a ragione inserito nel novero dei più bravi comici del cinema italiano. La sua carriera artistica si è sviluppata principalmente attorno al felice sodalizio con l’attore Ciccio Ingrassia (la coppia è nota come Franco e Ciccio).

Di umilissime origini, si fece apprezzare per le strade della sua regione come artista di strada, segnalandosi per la straordinaria mimica facciale e per le imitazioni di noti personaggi, come Totò e Benito Mussolini.

Con Ingrassia raggiunse la fama al cinema negli anni Sessanta, girando 132 film e facendo registrare incassi da record al botteghino. Amati dal pubblico di ogni età (tuttora lo sono), vennero spesso snobbati dalla critica ma il loro talento ebbe illustri estimatori, tra cui Domenico Modugno, Vittorio De Sica e Pier Paolo Pasolini.

Misuratosi anche con la canzone, sia da solista che in coppia con Ingrassia, Franco Franchi scomparve a Roma, il 9 dicembre del 1992, e venne sepolto al cimitero “Ai rotoli” di Palermo.