Almanacco Del 4 Dicembre

0
417

E’ il 339° giorno dell’anno, 49ª settimana. Alla fine del 2020 mancano 27 giorni.

A Roma il sole sorge alle 07:22 e tramonta alle 16:39 (ora solare)
A Milano il sole sorge alle 07:48 e tramonta alle 16:39 (ora solare)
Luna: 10.52 (tram.) 20.12 (lev.)

Santi del Giorno

Santa Barbara (Martire)
San Giovanni Damasceno (Sacerdote e Dottore della Chiesa)
Sant’Ada (chiamata anche Adreilde) di Le Mans (Badessa)

San Cristiano (Vescovo)
San Sigiranno (Cirano, Abate nel Berry)

Santa Barbara è la protettrice di architetti, artiglieri, armaioli, minatori, muratori, pompieri, campanari e quanti rischiano una morte improvvisa.
San Giovanni Damasceno è il protettore dei fanciulli malati e dei pittori di icone.

Etimologia

 Barbara, dal greco “barbaroi”, “straniero” termine onomatopeico creato per indicare l’apparente balbettio di quanti non si esprimevano nell’idioma ellenico, si trasformò in seguito in un “cognomen” romano, molto diffuso tra le classi più umili.

Proverbio del giorno

Bandiera rotta fa onore al capitano.

Aforisma del giorno

Gl’italiani non hanno costumi: essi hanno delle usanze. (Giacomo Leopardi)

Sei nato oggi?

 I nati il 4 dicembre sono persone coraggiose, aggressive e passionali, che si gettano a capofitto in ogni cosa, anima e corpo. Dolore, lotta e conflitto non sono affatto degli estranei per loro e molto spesso si trovano a sfidare ostacoli giganteschi, oppure a combattere anche se tutti i pronostici li danno perdenti. Ciononostante possono avere ottime probabilità di raggiungere i propri obiettivi utilizzando una curiosa combinazione di garbo e vitalità e, contemporaneamente, facendo attenzione a non suscitare negli altri inutili gelosie.Alcuni tra i nati in questo giorno, mostrano di essere particolarmente abili nell’insinuare la paura nel più temuto degli avversari, o per lo meno un preoccupante senso d’angoscia.

Oroscopo quotidiano

Oroscopo di Venerdì 04 Dicembre 2020

Accadde Oggi

I Led Zeppelin si sciolgono

giovedì 4 dicembre 1980 (40 anni fa)

I Led Zeppelin si sciolgono«Desideriamo rendere noto che la perdita del nostro caro amico ed il profondo senso di rispetto che nutriamo verso la sua famiglia ci hanno portato a decidere – in piena armonia tra noi ed il nostro manager – che non possiamo più continuare come eravamo».

Poche righe che scrivono la parola fine alla parabola musicale dei Led Zeppelin, una pietra miliare della storia del rock e una band tra le più innovative in assoluto, capace di far convivere generi distanti come heavy, blues e folk.

Dopo la tragica morte del batterista John Bonham (ucciso dal vizio dell’alcool), per Jimmy Page (chitarrista), Robert Plant (voce e armonica) e John Paul Jones (bassista e tastierista) si chiude un libro e non ci sono più gli stimoli per andare avanti. Un annuncio choc per milioni di fan, una grave perdita per gli amanti in genere della musica rock, che arriva a un anno esatto dall’ultimo album In Through The Out Door.

Restano negli annali della musica dodici anni di carriera vissuti alla grande, con otto album (il nono, “Coda”, verrà pubblicato dopo lo scioglimento) premiati da 10 dischi d’oro, 90 di platino e quattro “diamante” (unico gruppo assieme a Beatles e Garth Brooks).

Nella memoria collettiva restano le sonorità graffianti di brani immortali quali Black Dog e Whole Lotta Love, accanto a melodie struggenti come la mitica Stairway To Heaven. Aspetto meno memorabile dei Led Zeppelin sono i loro eccessi, su tutti la mania distruttiva sfogata soprattutto nei malcapitati alberghi che li ospitavano.

Dopo la separazione seguiranno sporadiche apparizioni, ad esempio nel 1985 in occasione del Live Aid, mentre nel 2007 ci sarà una storica reunion all’Arena di Londra, entrata nel Guinness dei primati per la maggior richiesta di biglietti per una singola esibizione dal vivo (oltre 20 milioni in 48 ore!).

Fondato il quotidiano “Avvenire”

mercoledì 4 dicembre 1968 (52 anni fa)

Fondato il quotidiano “Avvenire”: Parlare con un’unica e autorevole voce a tutti i cattolici italiani. Con quest’obiettivo la Conferenza Episcopale Italiana, raccogliendo l’auspicio di papa Paolo VI, promosse la fusione de L’Italia di Milano e L’Avvenire d’Italia di Bologna, per dar vita a una nuova testata a diffusione nazionale.

Nacque così Avvenire, fondato a Milano e lanciato in edicola il 4 dicembre 1968. Diretto da Leonardo Valente, il nuovo quotidiano ebbe un inizio difficile, legato alla scarsa diffusione territoriale. Con la guida di Angelo Narducci (1969-80) le cose cambiarono e grazie all’opera della CEI si riuscì a raggiungere i lettori di tutte le regioni.

Altra direzione foriera di importanti cambiamenti fu quella di Dino Boffo (1994-2009), con il quale vennero lanciati un giornale per ragazzi, “Popotus”, e il sito web del quotidiano. In generale, nel nuovo millennio si è avvicinato maggiormente alla cronaca, legata ad esempio agli emarginati, ai perseguitati per motivi religiosi e alle problematiche connesse alla globalizzazione.

Fatto oggetto di una campagna denigratoria condotta da “il Giornale” di Vittorio Feltri (da cui l’espressione ricorrente “metodo Boffo”), con notizie poi ritrattate dallo stesso Feltri, nel settembre 2009 Boffo si è dimesso ed è stato sostituito da Marco Tarquinio, attuale direttore della testata.

La polizia di Chicago uccide Fred Hampton

04 dicembre 1969

Fred Hampton, ventunenne leader delle “Pantere Nere”, viene ucciso dalla polizia di Chicago. Il movimento delle Pantere Nere nasce per sostenere il processo di emancipazione e liberazione degli afroamericani, fino ad allora pesantemente discriminati, socialmente, politicamente e legislativamente.

In contrapposizione alle tesi sulla non violenza di Martin Luther King, le Pantere Nere utilizzano come strumento di lotta l’autodifesa. Il movimento entra presto nel mirino dell’FBI, che si adopera per smantellarlo attraverso l’infiltrazione di agenti sotto copertura, blitz nelle sedi del movimento, arresti e omicidi mirati, come quello di Fred Hampton.

Bokassa s’incorona imperatore

04 dicembre 1977

Jean-Bédel Bokassa, presidente della Repubblica Centrafricana, s’incorona Imperatore Bokassa I dell’Impero Centro Africano. Giustifica la sua azione affermando che creare una monarchia aiuterà il Centro Africa ad elevarsi dal resto del continente e a guadagnarsi il rispetto del mondo.

La sua mossa ha però solo conseguenze negative. Nel tentativo di imitare l’incoronazione del suo idolo, Napoleone, Bokassa spende per la cerimonia più di 20 milioni di dollari, prosciugando, di fatto, le già esigue risorse dello stato.

Nati in questo giorno

Marisa Tomei

data di nascita: venerdì 4 dicembre 1964 (56 anni fa)

Marisa Tomei: Newyorchese di nascita ma nelle sue vene scorre sangue italiano, siculo-toscano per l’esattezza.

Lanciata dalla sit-com “Tutti al college” (spin-off della più celebre “I Robinson”), dopo una piccola parte in Oscar – Un fidanzato per due figlie (1991), fa sfoggio di tutto il suo talento e sex appeal in Mio cugino Vincenzo, accanto a uno straordinario Joe Pesci, conquistando nel 1993 l’Oscar come “miglior attrice non protagonista”.

Attiva in seguito a teatro e sul grande schermo, si fa apprezzare sia in ruoli comici, vedi “What Women Want – Quello che le donne vogliono” (2000), che drammatici, su tutti In the Bedroom (2001) e The Wrestler (2008) che le valgono altrettante candidature all’Oscar.

Nel novembre 2015 è nel cast di Natale all’improvviso, commedia diretta da Jessie Nelson, l’anno dopo in quello di Captain America: Civil War, nel 2017, in Spider-Man: Homecoming e nel 2018 in La prima notte del giudizio. Nel 2019 interpreta ancora la zia del protagonista in Spider-Man: Far from Home.

Jeff Bridges

data di nascita: domenica 4 dicembre 1949 (71 anni fa)

Jeff Bridges: Figlio d’arte, cresciuto a cinema e musica, Jeffrey Leon Bridges nasce a Los Angeles, in California, e a vent’anni inizia una quarantennale carriera sul grande schermo.

Nemmeno il tempo di debuttare, con “L’ultimo spettacolo” (1971), che il suo nome compare già nelle nomination all’Oscar come “miglior attore non protagonista”; ci arriva altre cinque volte e nel 2010 fa centro con Crazy Heart, portandosi a casa l’ambita statuetta di “miglior attore protagonista” (oltre a un Golden Globe).

Il drammatico è il genere che gli è più congeniale, in cui regala interpretazioni memorabili, dal kolossal King Kong (1976) a “Il grinta” (2011), passando per “La leggenda del re pescatore” (1991). Popolari anche i ruoli in commedie cult, su tutte Il grande Lebowski dei fratelli Coen.

Nati… sportivi

Serhij Bubka

data di nascita: mercoledì 4 dicembre 1963 (57 anni fa)

Serhij Bubka: Nato a Luhans’k (nell’Ucraina sud-orientale), è un ex campione sovietico, dal 1993 ucraino, di atletica leggera nella specialità del salto con l’asta. Dal 31 luglio 1994 al 15 febbraio 2014 detiene il record mondiale con la misura di 6,14 metri, stabilito in Italia (ma dal 31 agosto 1984 con 13 primati a partire da salti di 5,94 m).

Ha esperienze come dirigente sportivo a livello internazionale (CIO e IAAF) ed è impegnato in politica.

Stan Smith

data di nascita: mercoledì 4 dicembre 1946 (74 anni fa)

Stan Smith: Ha vinto due tornei di tennis del Grande Slam (US Open nel 1971 e Wimbledon nel 1972) ed è arrivato fino al quinto posto del ranking mondiale ATP (9 aprile 1979) ma il suo nome, oltre che negli albi d’oro tennistici, è da qualche decennio sulle scarpe di milioni di terrestri, sportivi e non.

Nato a Pasadena (California), Stanley Roger “Stan” Smith è un ex tennista, in attività dal 1968 al 1981, che ha vinto nel doppio quattro volte gli US Open e una volta gli Australia Open, ma ha perso sei finali nei tornei dei Roland Garros e Wimbledon.

Eventi Sportivi

Slittino, cinquantesima vittoria di Zöggeler

sabato 4 dicembre 2010 (10 anni fa)

Slittino, cinquantesima vittoria di Zöggeler: A Winterberg, in Germania, la gara di slittino individuale, valevole per la Coppa del mondo di slittino 2011, è stata vinta dall’altoatesino Armin Zöggeler, vincitore di cinque medaglie olimpiche.

Si tratta della sua cinquantesima vittoria in gare del circuito mondiale. Con i punti conquistati in altre 4 gare vinte, Zöggeler vincerà agevolmente la Coppa di cristallo nel singolo uomini.

Il Mondo degli Animali

Vigogna

mercoledì 4 dicembre 2013 (7 anni fa)

Vigogna : La vigogna, nome scientifico “Vicugna vicugna“, è un mammifero appartenente alla famiglia dei Camelide.

Questo animale è il più piccolo dei camelidi sudamericani, infatti, può raggiungere un’altezza di 110 centimetri alla spalla, una lunghezza di un metro e mezzo e il peso non supera i 50 chili. Il corpo è lungo e muscoloso, il collo è sottile, la testa è piccola e il muso fine. Ha una dentatura peculiare in quanto gli incisivi inferiori crescono continuamente. La sua caratteristica è il meraviglioso manto.

La vigogna vive in Cile, Ecuador, Argentina, Perù e Bolivia. Prevalentemente si trova sugli altopiani, ad un’altitudine che varia dai 3000 ai 5000 metri. Sono animali erbivori e si nutrono di erba e foglie di malva. Come i lama anche le vigogne si difendono sputando una vigorosa espulsione di aria e saliva.

Gli Inca allevavano questo camelide fin dal 1200 d.c., infatti, i tessuti di vigogna erano prerogativa esclusiva del re. La tosatura stagionale era una cerimonia, chiamata “Chaco“, che coinvolgeva l’intera comunità. Migliaia di uomini formavano una catena intorno all’area scelta per catturare le vigogne. Il cerchio gradualmente si stringeva fino a chiudersi, gli animali erano costretti in un recinto per la tosa. Il re Inca assisteva al gran finale della caccia.

Tutt’oggi la vigogna è famosa in occidente come la più fine e la più rara fibra del mondo, a volte il tessuto di vigogna è chiamato “vello d’oro“. Negli anni passati questo animale ha rischiato l’estinzione a causa della caccia indiscriminata dovuta alla sua lana pregiata.

Scomparsi oggi

Thomas Hobbes

data di nascita: martedì 5 aprile 1588 (432 anni fa)
data morte: lunedì 4 dicembre 1679 (341 anni fa)

Thomas Hobbes: Considerato dalla gran parte degli studiosi come il maggiore pensatore politico dell’età moderna, propugnò una visione della realtà materialistica in contrasto con la metafisica cartesiana.

Nato a Westport, nel sud-ovest dell’Inghilterra, e morto ad Hardwick Hall nel dicembre del 1679, Thomas Hobbes completò gli studi nel prestigioso ateneo di Oxford, conseguendo il diploma in baccellerie delle arti. La sua formazione culturale si costruì anche attraverso i numerosi viaggi in Europa, nel corso dei quali entrò in contatti con grandi filosofi come Galilei, Francesco Bacone e lo stesso Cartesio.

Partendo dalle tesi matematiche ed empiristiche di questi ultimi, approdò a un sistema filosofico fondato su leggi materialistiche e meccanicistiche, in base alle quali si nega l’esistenza di tutto ciò che è incorporeo e quindi dell’idea di Dio o dell’anima che siano solo spirito.

Nel capolavoro assoluto, Il Leviatano, espose la sua filosofia politica, sintetizzata nella celebre espressione latina “Homo homini lupus” (ossia l’uomo è un lupo per l’uomo): in sostanza l’uomo è per natura votato all’egoistica conservazione di sé e dunque a non nutrire amore naturale per il proprio simile; gli uomini si uniscono in gruppi (società, Stati) spinti soltanto dal bisogno di procurarsi i beni necessari, vivendo, per la stessa ragione, in una perenne condizione di “guerra di tutti contro tutti”.

Hannah Arendt

data di nascita: domenica 14 ottobre 1906 (114 anni fa)
data morte: giovedì 4 dicembre 1975 (45 anni fa)

Hannah Arendt: Nata a Linden, nel cuore della Germania, e morta a New York nel 1975, è stata una figura eminente del secolo scorso. È ricordata per la sua opera di filosofa e storica, focalizzata sulla natura del potere e l’autoritarismo.

Di famiglia ebraica, dopo essersi laureata in filosofia all’Università di Marburg, come allieva del celebre filosofo Martin Heidegger, fu costretta a riparare prima in Francia e poi negli Stati Uniti d’America per scampare alla persecuzione antisemita di Hitler.

Per il quotidiano “New Yorker” seguì in Israele il processo al criminale nazista Adolf Eichmann, dal quale trasse ispirazione per La banalità del male, il suo capolavoro più noto, dove spiega le ragioni di come un popolo (quello tedesco, nella fattispecie) possa rendersi complice dei più efferati crimini contro l’umanità, senza un minimo di autocoscienza.

Nel 2012 è uscito un film ispirato alla sua vita, diretto dalla regista tedesca Margarethe von Trotta e proiettato in Italia il 27 gennaio 2014, in occasione della Giornata della Memoria.

Frank Zappa

data di nascita: sabato 21 dicembre 1940 (79 anni fa)
data morte: sabato 4 dicembre 1993 (27 anni fa)

Frank Zappa: Artista di straordinario talento, nato a Baltimora, nel Maryland, e morto a Los Angeles nel 1993, è annoverato tra i maggiori compositori del Novecento.

Noto per la sua attività di chitarrista e direttore d’orchestra, ha lavorato anche nel mondo del cinema come regista, sceneggiatore ed attore. Con la sua band The Mothers of Invention ha scritto un pezzo di storia del rock, grazie ad album come Freak Out!, pubblicato nel 1966.

Dal carattere poliedrico e dall’arte eclettica, si districava in contesti musicali vari, come rock, blues, jazz e musica classica.

Muore Alberto Manzi

04 dicembre 1997

Muore a Pitigliano il maestro Alberto Manzi. Nato a Roma nel 1924, dopo l’esperienza in guerra come sommergibilista, Manzi inizia l’attività didattica, portando avanti “sul campo” le sue ricerche di psicologia didattica.

Manzi cura sussidiari, libri di lettura, diari scolastici e pubblica 30 titoli tra racconti, romanzi, fiabe, traduzioni e testi di divulgazione scientifica. Manzi deve la sua notorietà, però, soprattutto alle collaborazioni televisive. Con “Non è mai troppo tardi”, in onda fra il 1959 e il 1968, contribuisce alla lotta all’analfabetismo in Italia.