Almanacco Del 31 Dicembre

0
311

E’ il 366° giorno dell’anno, 53ª settimana. Alla fine del 2020 mancano 0 giorni.

A Roma il sole sorge alle 07:38 e tramonta alle 16:48 (ora solare)
A Milano il sole sorge alle 08:04 e tramonta alle 16:48 (ora solare)
Luna: 11.08 (lev.) 22.03 (tram.)

Santi del Giorno

San Silvestro I (Papa)
Santa Melania la Giovane (Penitente)
Santa Colomba di Sens (Vergine e Martire)
Santa Donata e compagne (Martire a Roma)
Santa Paolina (Vergine e Martire)

San Silvestro I è il protettore di muratori, tagliapietre, animali domestici e bovini.

Etimologia

 Melania, derivante dall’aggettivo greco “melas”, “melanos”, che significa “nero, scuro” ed indica una caratteristica dei capelli o della carnagione, è diventato poi un nome, “Melanìa” o “Melane”, tradotto in latino come Melània. Si è diffuso soprattutto nel V secolo. In epoca più recente la sua popolarità è dovuta al film “Via col vento”, in cui una delle protagoniste si chiama proprio Melania.

Proverbio del giorno

Per san Silvestro tieni pieno il canestro.

Aforisma del giorno

Un inglese non scherza mai quando si tratta di una cosa importante come una scommessa. (Jules Verne)

Sei nato oggi?

 I nati il 31 dicembre possiedono una forte inclinazione verso le esperienze estetiche di diverso tipo e dedicano spesso la carriera alla promozione della bellezza e dell’armonia, in una forma piuttosto che in un’altra: molti rivelano una sorta di adorazione per la letteratura, l’arte e la musica. Tuttavia, dal momento che, per arrivare alla bellezza, il più delle volte è necessario prima disfarsi della bruttezza, può anche capitare di trovarli impegnati a individuare, isolare ed eliminare i fattori che disturbano il mondo circostante.

Oroscopo quotidiano

Oroscopo di Giovedì 31 Dicembre 2020

Oggi è:

L’ultimo dell’anno: L’ultima festa dell’anno e la prima dell’anno nuovo! Una festa a cavallo tra due anni che vede allegria e sorrisi, ricordi e speranze. Alla mezzanotte si dà il benvenuto al al nuovo anno e ci si dà gli auguri, festeggiando insieme!

Accadde Oggi

Primo capodanno festeggiato a Times Square

martedì 31 dicembre 1907 (113 anni fa)

Primo capodanno festeggiato a Times Square: Ha oltre un secolo di vita il New Year’Eve di Times Square, tra le feste di Capodanno più suggestive del pianeta. Correva l’anno 1907 quando per la prima volta venne fatta scendere, lungo un palo di ferro, una palla luminosa il cui tragitto scandiva gli ultimi istanti dell’anno appena trascorso.

La tradizione nacque in un momento cruciale della storia della celebre piazza di New York, sita all’incrocio tra Broadway e la Seventh Avenue, nel distretto di Manhattan. Lo spazio nel XIX secolo aveva preso il nome di Longcrane Square, che mantenne fino al 1904. In quell’anno, in conseguenza dell’apertura di una nuova fermata della metropolitana, diverse imprese trasferirono qui la propria sede, tra cui il principale quotidiano della città: il New York Times.

Quest’ultimo prese possesso di una torre, costruita di recente al centro della piazza. Ad aprile dello stesso anno l’area, torre compresa, fu ribattezzata in onore del prestigioso giornale: l’una Times Square, l’altra Times Tower. Per ricambiare l’omaggio, il NYT organizzò un party di fine anno, con tanto di spettacolo pirotecnico per l’arrivo dell’anno nuovo. La cosa si ripeté fino al 1907 quando il governo cittadino mise al bando i fuochi d’artificio.

Per rimediare, il capo elettricista del quotidiano fu incaricato di realizzare una palla luminosa da far cadere dal tetto del Times Tower (fissandola a una struttura in ferro), un minuto prima della mezzanotte. Venne realizzato un telaio di acciaio e legno, sul quale furono attaccate 100 lampadine da 25 watt. Lo spettacolo che ne derivò conquisto i cittadini e da allora divenne il fulcro dei festeggiamenti del 31 dicembre nella Grande Mela.

Rivisitata una prima volta nel 1920, la palla luminosa mutò più volte aspetto. Per salutare l’arrivo del nuovo millennio, vennero utilizzati per la prima volta i cristalli (realizzati dalla Waterford Crystal, prestigiosa società irlandese specializzata in oggettistica di vetro e cristallo), mantenuti nelle edizioni successive, insieme a un sistema di illuminazione computerizzato con luci stroboscopiche.

Parallelamente al diffondersi nella piazza di insegne commerciali sempre più creative e tecnologiche, l’evento assunse una maggiore suggestione e una liturgia ben definita: alle 23,59 veniva azionata la palla luminosa e in contemporanea su un grande schermo, posto più in basso, partiva il countdown scandito dalla voce di migliaia di persone.
Un minuto dopo si assisteva a una pioggia di luci, fuochi d’artificio e coriandoli colorati e sotto, in strada, centinaia di coppie a celebrare il tradizionale e benaugurante rito del bacio sulle labbra.

Anche dal punto di vista musicale si imposero dei brani standard: da Imagine di John Lennon, intonata prima del conto alla rovescia, alla suggestiva Auld Lang Syne (brano popolare nelle comunità angolofone, che invita a essere grati per le ore felici trascorse con i vecchi amici; in Italia è nota come “Valzer delle candele”) seguita dall’immancabile New York, New York nella versione di Frank Sinatra.

Per il centenario, coinciso con il Capodanno 2008, fu realizzata una palla speciale, coperta da 672 triangoli di cristallo che, insieme a 9.576 lampadine a basso consumo energetico, creavano straordinari giochi di luce.

Si dimette Boris Eltsin

31 dicembre 1999

Boris Eltsin, primo presidente russo, annuncia le sue dimissioni e designa suo erede Vladimir Putin. Al giovane premier Putin Eltsin affida la guida ad interim dello stato.

Primo censimento in Italia

martedì 31 dicembre 1861 (159 anni fa)

Primo censimento in Italia: Nella notte tra il 31 dicembre 1861 e il 1° gennaio 1862, a nove mesi dalla nascita del Regno d’Italia, gli italiani provarono a contarsi e a tracciare la prima radiografia della popolazione, suddivisa per sesso, età e stato civile.

Promotore dell’iniziativa fu il ministro dell’agricoltura, Filippo Cordova, che in una relazione ne sottolineò l’urgenza, visto che in molte zone del paese non si registrava un’attività di censimento da oltre trent’anni. I dati raccolti dal Censimento generale della popolazione e delle abitazioni consegnarono un quadro che appare lontano anni luce dall’Italia recente.

Residenti 22.182.377 (che salivano a circa 26 milioni, considerando le zone non ancora annesse), con un 51% di maschi. L’età media era di 27 anni, mentre la percentuale degli ultrasettantenni era ridottissima. Una popolazione, di gran lunga, più giovane di quella attuale, con un alto tasso di natalità (i bambini con meno di 10 anni rappresentavano il 24% del totale) e nuclei familiari numerosi (con 4 componenti in media).

Nell’ordine, Napoli (447mila circa), Torino (204mila) e Milano (196mila) erano le città con il maggior numero di abitanti. Il dato più allarmante era legato al livello di analfabetismo: il 78% degli italiani non era in grado di leggere e scrivere, con picchi del 90% in Calabria, Sicilia e Sardegna.

Registrato per legge ogni dieci anni, il censimento venne affidato dal 1926 all’Istituto nazionale di statistica (ISTAT). L’ultimo, completato nel 2011 (il primo a permettere la compilazione del questionario via web sul sito dell’Istat), ha interessato una popolazione residente di 59.433.744.

Nati in questo giorno

Ben Kingsley

data di nascita: venerdì 31 dicembre 1943 (77 anni fa)

Ben Kingsley: L’uomo dai mille volti, in grado di passare dai panni di uno dei più grandi leader della storia a quelli di un gangster.

Nato a Scarborough, nel North Yorkshire, il padre è indiano, come dimostra il nome all’anagrafe, Krishna Pandit Bhanji, inglesizzato in Ben Kingsley. La madre, attrice, lo avvia alla recitazione, prima a teatro con la Royal Shakespeare Company e poi in TV.

Sul grande schermo, al secondo film va incontro alla celebrità: il ruolo del celebre leader spirituale indiano in Gandhi (1982) gli fa ottenere l’Oscar come “miglior attore protagonista”.

Il grande pubblico lo ricorda anche per altre due ruoli: il contabile ebreo, Itzhak Stern, in Schindler’s List (di Steven Spielberg) e il perfido Fagin in “Oliver Twist” (di Roman Polanski). Nel 2013 prende parte al terzo capitolo della saga Iron Man e l’anno seguente recita nel biblico Exodus – Dei e re di Ridley Scott. Negli anni seguenti è il protagonista, tra gli altri, del film di spionaggio Armi chimiche.

Nasce Giovanni Pascoli

31 dicembre 1855

Nasce a San Mauro di Romagna il poeta italiano Giovanni Pascoli. Nel 1867 il padre del Pascoli è ucciso da un colpo di fucile e questa è la prima di una lunga serie di lutti familiari che influenzano la sua produzione artistica. Grazie a Carducci, che ne intuisce il talento, Pascoli inizia a insegnare in vari istituti scolastici italiani, fino a sostituire il Carducci stesso sulla cattedra di Letteratura Italiana all’Università di Bologna. Pascoli muore nel capoluogo emiliano, per un tumore al fegato, all’età di 57 anni.

Nasce Simon Wiesenthal

31 dicembre 1908

Nasce Simon Wiesenthal. Sopravvissuto alla Shoah, nel corso della sua vita contribuisce alla cattura di circa 1100 criminali di guerra nazisti. Nel 1947 fonda il Centro Documentazione Storica Ebraica a Linz. Grazie alla sua caparbietà, riesce a far catturare dagli 007 israeliani il cittadino argentino Ricardo Klement, in realtà Adolf Eichmann. Da quel momento Wiesenthal è per tutti il “cacciatore di nazisti”. Muore a Vienna nel 2005.

Connie Willis

data di nascita: lunedì 31 dicembre 1945 (75 anni fa)

Connie Willis: Nata a Denver, Constance Elaine Trimmer Willis è una pluripremiata scrittrice di fantascienza. Ha scritto e pubblicato una cinquantina di opere tra romanzi e racconti, conquistando numerosi riconoscimenti, tra i più prestigiosi in campo letterario: dieci Premi Hugo (nelle categorie “romanzo”, “romanzo breve”, “racconto”, “racconto breve”) e sette premi Nebula (unica scrittrice a vincerli), assegnati dalla “Science Fiction and Fantasy Writers of America”.

Paolo Villaggio

data di nascita: sabato 31 dicembre 1932 (88 anni fa)
data morte: lunedì 3 luglio 2017 (3 anni fa)

Paolo Villaggio: Identificarne la quarantennale carriera solo con il più bistrattato e frustrato impiegato della televisione italiana sarebbe riduttivo, al netto della stima ricevuta da insigni registi quali Fellini e Olmi.

Genovese doc, Paolo Villaggio trascorre l’infanzia tra le devastazioni e le ristrettezze della guerra, stringendo più tardi una solida amicizia con il cantautore Fabrizio De André, per il quale scrive i testi di due canzoni. Dopo una gavetta come cabarettista a teatro grazie a Maurizio Costanzo approda in RAI prima alla radio e poi in TV, nel 1968, con Quelli della domenica.

Qui miete i primi consensi con due personaggi, lo stravagante Professor Kranz (che ha un inusuale atteggiamento aggressivo verso il pubblico) e il goffo e pavido Giandomenico Fracchia, versione “ante litteram” del ragionier Ugo Fantozzi che, a partire dalla metà degli anni Settanta e attraverso 10 pellicole (l’ultima, Fantozzi 2000 – La clonazione, è del 1999), darà a Villaggio grande popolarità sul grande schermo.

Premiato, tra gli altri, con il Leone d’oro alla carriera nel 1992, oltre a collaborare con quotidiani e periodici è da sempre molto attivo come autore di romanzi e saggi; lo stesso Fantozzi nasce come protagonista di un omonimo romanzo pubblicato nel 1971.

Nell’estate del 2017 viene ricoverato presso la casa di cura “Paideia” di Roma e qui si spegne la mattina del 3 luglio.

Nati… sportivi

Jaqueline Carvalho

data di nascita: sabato 31 dicembre 1983 (37 anni fa)

Jaqueline Carvalho: Nata a Recife in Brasile e alta 186 cm, è campionessa olimpica 2012 di pallavolo. Il suo nome completo è Jaqueline Maria Pereira de Carvalho.

Anche suo marito, Murilo Endres, in Italia ex schiacciatore a Vibo Valentia e Modena, è campione del mondo 2006 e 2010 (secondo nel 2014) e argento olimpico 2008 e 2012. Il cognato Gustavo (alto 203 cm, con trascorsi da centrale a Ferrara, Latina e Treviso) è campione olimpico 2004 e due volte campione del mondo (2002 e 2006).

Jaqueline Carvalho gioca nel ruolo di schiacciatrice in una squadra brasiliana dell’area metropolitana di San Paolo. In precedenza è in A1 nella stagione 2006/07 a Jesi, in provincia di Ancona, e nel 2008/09 a Pesaro, dove conquista scudetto, Coppa Italia e Supercoppa italiana.
Con la Nazionale verdeoro vince due tornei olimpici (2008 e 2012) e due argenti (2006 e 2010) e un bronzo (2014) nei Mondiali.

Alex Ferguson

data di nascita: mercoledì 31 dicembre 1941 (79 anni fa)

Alex Ferguson: Nato a Glasgow (Scozia), è un ex attaccante e allenatore di calcio. Dopo aver allenato la Scozia, dal 1986 al maggio 2013 Sir Ferguson è stato alla guida del Manchester United.

Con i red devils ha vinto anche 13 scudetti e 2 Champions League. L’anno prima del ritiro era al quarto posto, con oltre 9 milioni di euro, nella classifica degli allenatori più pagati del pianeta.

Eventi Sportivi

Gli sportivi italiani del XX secolo

venerdì 31 dicembre 1999 (21 anni fa)

Gli sportivi italiani del XX secolo: Finisce un secolo (oggettivamente anche un millennio) nel quale lo sport ha trovato la sua piena consacrazione nella società umana, a partire dalla ripresa dei Giochi Olimpici ad Atene nel 1896. È normale quindi che ci si domandi quali siano stati gli sportivi italiani del secolo.

Un sondaggio, con oltre 14.000 voti, organizzato da kwsport (il quotidiano sportivo di Kataweb), ha indicato gli sportivi, tra quelli non più in attività, che più sono ricordati e magari identificati con la loro disciplina.

Nel ciclismo il primo è Fausto Coppi (seguito da Francesco Moser), nell’atletica Pietro Mennea (seguito da Sara Simeoni), nel calcio Valentino Mazzola (seguito dal figlio Sandro), nell’automobilismo Tazio Nuvolari, nel basket Dino Meneghin, nel tennis Nicola Pietrangeli, nello sci Alberto Tomba.

Chiudono il sondaggio, per la categoria altri sport, i fratelli Carmine e Giuseppe Abbagnale, indimenticabili campioni del canottaggio.

I Doodle di Google

Buon Fine Anno da Google!

31 dicembre

Buon Fine Anno da Google!: L’ultimo giorno di dicembre coincide nel mondo cristiano con la Notte di San Silvestro, per gli altri è semplicemente la Vigilia di Capodanno. In tutto il mondo inizia il conto alla rovescia per dare il via ai festeggiamenti di fine anno, legati in ogni paese a motivi culturali, religiosi o mitologici.
Il clima da veglione ha contagiato nel 2011 anche Google che ha salutato la fine dell’anno con un doodle allegro ed originale. Ogni lettera del logo è addobbata a festa, tra papillon, cappelli a cilindro, coriandoli e palloncini.

Il Mondo degli Animali

Cardellino

mercoledì 31 dicembre 2014 (6 anni fa)

Cardellino: Il cardellino, nome scientifico Carduelis carduelis, è un piccolo uccello passeriforme appartenente alla famiglia dei fringillidi.

E’ un uccello grande appena 12 centimetri, ha una calotta nera sulla testa e una tipica mascherina rossa, il dorso è solitamente marrone, le ali sono nere con una barra gialla. Il piumaggio della femmina è solitamente a tinte più pallide.

Si nutre principalmente di semi di girasole ed, in particolare, di semi di cardo, da cui il nome cardellino.

E’ presente in Africa settentrionale, nell’Europa centrale, in Persia e nell’Arcipelago delle Canarie. In Italia è stazionario nelle regioni centro meridionali. E’ un uccello allevato anche in cattività, oltre che per il suo gradevole aspetto, per il meraviglioso canto. Il carduelis carduelis è una specie protetta in Italia ed è vietata la detenzione di soggetti non anellati e di cui non si dimostri certificazione di nascita in cattività.

Nella religione cristiana il cardellino è simbolo della passione di Gesù. Infatti, si narra che la macchia rossa sul capo dell’uccello sia dovuta al fatto che un cardellino si mise ad estrarre le spine della corona che trafiggeva Gesù crocifisso, e che si fosse ferito a sua volta macchiandosi anche con il sangue del Cristo.

Una curiosità è che, secondo la mitologia greca, il cardellino è Acalante (una delle Pieridi, muse abilissime nel canto), trasformata in uccello dalla dea Atena.

Scomparsi oggi

Gustave Courbet

data di nascita: giovedì 10 giugno 1819 (201 anni fa)
data morte: lunedì 31 dicembre 1877 (143 anni fa)

Gustave Courbet: Caposcuola del realismo, è nel novero dei pittori più autorevoli dell’Ottocento europeo, noto anche per la vena erotica di alcune opere.

Nato ad Ornans, nell’est della Francia, e morto a La Tour-de-Peilz nel dicembre del 1877, Jean Désiré Gustave Courbet diede vita a una nuova corrente pittorica che egli stesso denominò “realismo”. Amante di paesaggi terreni e marini, unitamente alla dura vita dei contadini e dei meno abbienti, concepiva l’arte come “ricerca della verità” e in ciò non caratterizzata dalla perfezione delle forme, bensì da un colore spontaneo e da linee irregolari.

Poetica che mise a frutto con opere come Funerale a Ornans (1849-50) e Le vagliatrici di grano (1853). Criticato dagli ambienti accademici, diede scandalo ed entrò nel mirino della censura con due tele di contenuto erotico, in particolare con “L’origine du monde”. Assertore della piena libertà dell’espressione artistica, nel 1870 fondò la Federazione degli artisti, cui presero parte tra gli altri André Gill ed Édouard Manet.

Muore Marshall Mc Luhan

31 dicembre 1980

Muore, a Toronto in Canada, all’età di 69 anni, il sociologo Marshall Mc Luhan. Autore de “La galassia Gutemberg” del 1976, Mc Luhan è tra i primi studiosi a sottolineare l’importanza dei media nella storia delle società moderne. Sono di Mc Luhan le espressioni “villaggio globale” e “il medium è il messaggio”, entrate ormai nell’uso comune.

Commenti