Almanacco Del 30 Ottobre 2021

0
392

Oggi sabato 30 ottobre 2021 (08:08)

E’ il 303° giorno dell’anno, 44ª settimana. Alla fine del 2021 mancano 62 giorni.

A Roma il sole sorge alle 06:41 e tramonta alle 17:06 (ora solare)
A Milano il sole sorge alle 07:01 e tramonta alle 17:12 (ora solare)
Luna: 14.44 (tram.)

Santi del Giorno

San Germano di Capua (Vescovo)
San Gerardo di Potenza (Vescovo)
Beato Angelo d’Acri (Frate Cappuccino)

San Teonesto (o Teonisto o Tonisto, Vescovo e Martire)
Santi Claudio, Luperco e Vittorico (Martiri di León)

Etimologia

 Germano, si tratta di un antico “cognomen” in uso presso i romani, designante le popolazioni celtiche ed i loro discendenti già nel I secolo d.C. C’è invece chi vi legge la derivazione dall’illirico “gh’herm”, “caldo”. Ha avuto sempre una discreta diffusione, sin dall’Alto Medioevo.

Proverbio del giorno

Ottobre è bello, ma tieni pronto l’ombrello.

Aforisma del giorno

Nulla è più raro della genuina bontà. (Francois de La Rochefoucauld)

Sei nato oggi? 

In passato hai forse dovuto sopportare privazioni e delusioni, ma, in compenso, hai imparato a reagire ed hai acquisito la capacità di comprendere gli altri, con i loro problemi, e di aiutarli quando ce n’è bisogno. Nel lavoro, che svolgi con grande impegno, sei apprezzato per le tue doti umane e la tua creatività. In amore sai dare molta tenerezza e devozione che verranno ricambiate dal partner.

Oroscopo quotidiano

Oroscopo di Sabato 30 Ottobre 2021

Oggi è

L’ultimo giorno di ora legale

30 ottobre

L’ultimo giorno di ora legale: Nella notte tra oggi e domani, si ritorna all’ora solare. Infatti l’ora legale, in tutta l’Unione Europea, viene adottata tra l’ultima domenica di marzo e l’ultima domenica di ottobre. Ufficialmente alle tre si riporta l’ora alle due. In pratica… potremmo dormire un’ora in più!

Negli Stati Uniti, invece, l’ora legale termina la prima domenica di novembre, per poi ripartire la seconda domenica di marzo.

Accadde Oggi

Elezioni democratiche in Argentina

30 Ottobre 1983

Dopo sette anni di dittatura militare e terrore, in Argentina si svolgono le prime elezioni democratiche. A vincerle è Raul Alfonsin. Ma il paese è prostrato da una profonda crisi economica con l’inflazione al 430%.

Perugia-Juventus: Renato Curi muore d’infarto

30 Ottobre 1977

È il quinto minuto del secondo tempo della partita Perugia-Juventus: Renato Curi, centrocampista del “Perugia dei miracoli”, muore d’infarto nello stadio che porterà il suo nome. Ha solo 24 anni.

Inaugurato il Gambrinus

giovedì 30 ottobre 1890 (131 anni fa)

Inaugurato il Gambrinus: Artisti, scultori, letterati e altri amici. È lo speciale pubblico che ammirò per la prima volta le salette del Gran Caffè Gambrinus, inaugurato a Napoli il 30 ottobre del 1890. Lo spettacolo di marmi, specchi, stucchi, bassorilievi, dipinti e dorature lasciò a bocca aperta anche il grande pittore Domenico Morelli.

La realizzazione di quest’opera fu possibile grazie all’opera di un prezioso mecenate, cioè dell’imprenditore Mariano Vacca. Quest’ultimo presentò all’amministrazione di allora la richiesta di concessione dei locali del vecchio Gran Caffè, che affacciavano su Piazza Trieste e Trento e Piazza Plebiscito.

La sua idea era di realizzare un elegante caffè concerto, che fungesse da salotto culturale della città, e per questo mise sul piatto 120mila lire da investire. Dopo una gara pubblica andata deserta, ottenne in fitto il locale per nove anni e per la sua ristrutturazione incaricò un allievo del pittore Morelli: l’ingegnere Antonio Curri, docente di Architettura nella Real Università di Napoli e professore onorario dell’Istituto di Belle Arti.

Il Curri a sua volta chiamò a raccolta un’equipe di scultori e pittori, che in sei mesi diedero vita a quella che per decenni rappresentò l’unica vera galleria d’arte contemporanea del capoluogo campano. Realizzato in stile liberty, il nuovo locale prese il nome di Gambrinus (dal nome del leggendario Re delle Fiandre, cui è attribuita l’invenzione della birra) aggiunta alla vecchia dicitura di “Gran Caffè”.

Qui tra un caffè e una birra presero posto le più illustri personalità della società italiana ed europea. Reali, politici e diplomatici, accanto a letterati del calibro di Benedetto Croce, Gabriele D’Annunzio e Oscar Wilde; senza dimenticare la celebre scrittrice e giornalista Matilde Serao, che in queste stanze prendeva spunto per i suoi temuti mosconi.

Annoverato tra i più importanti caffè storici d’Europa, il Gambrinus è tuttora un luogo simbolo della città e una tappa obbligata per personalità illustri e turisti.

Nasce il mito Lamborghini

mercoledì 30 ottobre 1963 (58 anni fa)

Nasce il mito Lamborghini: All’inizio degli anni Sessanta la Ferrari dominava già da un ventennio la scena automobilistica internazionale, grazie soprattutto ai trionfi sportivi di fuoriclasse del volante, come Tazio Nuvolari, Juan Manuel Fangio e Alberto Ascari.

In quel periodo, venti chilometri più a nord di Maranello, nel piccolo comune di Sant’Agata Bolognese per la precisione, un altro mito a “quattro ruote” stava prendendo forma, confermando (insieme con il marchio Ducati, nato nel 1946 a Bologna) l’Emilia-Romagna quale patria dei motori da grandi prestazioni.

Dopo aver raccolto successi e miliardi fabbricando trattori, l’industriale Ferruccio Lamborghini decise di puntare al settore delle auto sportive, lanciando la sfida al “cavallino rampante”. La molla era scattata dopo una discussione con Enzo Ferrari, al quale aveva suggerito come migliorare alcuni difetti palesati dalle “rosse”, sentendosi liquidare bruscamente così: «La macchina va benissimo. Il problema è che tu sei capace a guidare i trattori e non le Ferrari».

Per dimostrargli il contrario mise su un’officina ultramoderna, dove dalla fine del 1962 iniziò a lavorare al primo modello di auto. Un anno dopo da qui uscì la berlina a due posti 350GTV, presentata per la prima volta al Salone di Torino, il 30 ottobre del 1963: fu l’atto di nascita della nuova società, che prese il nome di Automobili Ferruccio Lamborghini SpA.

Come simbolo fu adottato il Toro, in quanto segno zodiacale di Ferruccio Lamborghini, richiamato in tutti i principali modelli della casa bolognese: dalla “Diablo” degli anni Novanta alle “Murciélago” e “Gallardo” del nuovo millennio, fino alla più recente “Huracán” (presentata al salone di Ginevra nel 2014).

Nati in questo giorno

Linus

data di nascita: mercoledì 30 ottobre 1957 (64 anni fa)

Linus: Nato a Foligno, in provincia di Perugia, è un popolare conduttore radiofonico, voce storica di Radio Deejay, di cui è l’attuale direttore artistico (ruolo che ricopre anche per Deejay TV e M2o).

Nel 1976 Linus, all’anagrafe Pasquale Di Molfetta, inizia a lavorare come disc jockey in alcune piccole radio milanesi e nel 1984 passa a Radio Deejay, ala corte di Claudio Cecchetto che scommette su di lui. Nel 2007 è nominato direttore artistico di Radio Capital ed entra a far parte del consiglio di amministrazione della stessa.

Approda, poi, anche in TV con la conduzione di diversi spettacoli musicali e s’interessa anche alla scrittura, pubblicando quattro libri. Da pochi anni cura un suo blog inserendo articoli di vario genere.

Ezra Pound

data di nascita: venerdì 30 ottobre 1885 (136 anni fa)
data morte: mercoledì 1° novembre 1972 (48 anni fa)

Ezra Pound: Un protagonista di primo piano della letteratura novecentesca ma anche e soprattutto un prezioso mecenate per grandi scrittori del calibro di James Joyce, T.S. Eliot e l’italiano Pier Paolo Pasolini.

Nato ad Hailey, nell’Idaho, e morto a Venezia nel 1972, trascorse gran parte della vita in Europa e in particolare in Italia, dove fu molto vicino al regime fascista e per questo, alla fine della guerra, rinchiuso in un manicomio criminale.

Esponente di spicco del modernismo letterario, pubblicò numerose raccolte di poesie e saggi, tra i cui temi ricorreva spesso quello sul conflitto tra economia e finanza, considerato ancora oggi di profonda attualità.

Henry Winkler

data di nascita: martedì 30 ottobre 1945 (76 anni fa)

Henry Winkler: Uno schiocco di dita per far accorrere splendide ragazze, un pugno per azionare il jukebox. Gesti rituali del mitico Fonzie, alias Arthur Fonzarelli, personaggio con cui viene da sempre identificato.

Newyorkese doc, Henry Franklin Winkler porta a termine una brillante carriera di studi conseguendo un Master nelle Belle Arti alla Yale School of Drama, nel 1970. Quattro anni dopo inizia il decennio d’oro con la sitcom Happy Days (1974-1984), che gli vale due Golden Globe come “miglior attore in una serie commedia o musicale”.

Pur comparendo in altri film, decide di dedicarsi principalmente alla produzione cinematografica investendo nel talento dell’amico e collega Ron Howard (Richie Cunningham in “Happy Days”), del quale produce il primo film di successo, “Night Shift – Turno di notte”, nel 1982.

Impegnato in diverse serie TV, dal 2003 è noto anche come scrittore di libri per ragazzi, grazie alla serie di Hank Zipzer, ragazzino affetto da dislessia (come lo stesso Winkler).

Nati… sportivi

Diego Armando Maradona

data di nascita: domenica 30 ottobre 1960 (61 anni fa)
data morte: mercoledì 25 novembre 2020

Diego Armando Maradona: Nato a Lanús, già celebre calciatore argentino, è stato anche un allenatore di calcio. Attaccante e capitano della Nazionale argentina di calcio, vincitore del Mondiale del 1986, gioca e segna in quattro diverse edizioni dei Mondiali: 1982, 1986, 1990, 1994, totalizzando 91 presenze e 34 gol.

El Pibe de Oro (il ragazzo d’oro) milita dal 1976 al 1997 nell’Argentinos Juniors, nel Boca Juniors, nel Barcellona, nel Napoli (che trascina alla vittoria di due scudetti), nel Siviglia e nel Newell’s Old Boys.

Nel 2000, un sondaggio popolare promosso dalla FIFA lo elegge miglior calciatore del secolo, con una percentuale schiacciante del 53,6% dei voti. I “Grandi Elettori della FIFA”, invece, fanno condividere il titolo con l’altrettanto famoso campione brasiliano Pelé.

La rete messa a segno contro la Nazionale inglese, nei quarti di finale del 1986, è considerato il più grande gol del secolo. La sua carriera di allenatore, intrapresa dopo varie vicissitudini fisiche e familiari, ha il culmine dal 2008 al 2010 quando siede sulla panchina della Nazionale argentina.

Durante la convalescenza dopo un intervento chirurgico alla testa, è morto per arresto cardiocircolatorio a Tigre, in Argentina, il 25 novembre 2020.

Piero Gros

data di nascita: sabato 30 ottobre 1954 (67 anni fa)

Piero Gros: Nato a Sauze d’Oulx (comune occitano in provincia di Torino), è un ex sciatore alpino, uno dei protagonisti della Valanga azzurra, vincitore della Coppa del Mondo 1974 e della medaglia d’oro nello slalom speciale ai XII Giochi Olimpici invernali di Innsbruck 1976.

Il Mondo degli Animali

Coccodrillo americano

mercoledì 30 ottobre 2013 (8 anni fa)

Coccodrillo americano: Il coccodrillo americano, nome scientifico “Crocodylus acutus“, è un rettile carnivoro appartenente alla famiglia dei Crocodylidae.

Questo enorme rettile ha un aspetto piuttosto inquietante, infatti, può raggiungere i sei metri di lunghezza e superare i novecento chili di peso. Il suo aspetto è simile a quello del “coccodrillo gigante”, suo antenato preistorico. Il Crocodylus acutus ha un muso appuntito e allungato, due lunghi denti presenti sulla mascella inferiore, zampe corte e divaricate e una coda lunga e potente. Può vivere settanta anni.

Abita nelle zone costiere, in quelle paludose o nei pressi dei fiumi di Florida e America centrale, Messico e Caraibi. Questo coccodrillo si nutre principalmente di piccoli mammiferi, granchi, insetti e pesci. Ha abitudini notturne. Anche se è un animale di acqua dolce, a volte si spinge anche in acqua salata.

Una grande comunità di coccodrilli americani vive nel lago Enriquillo, lago salato della Repubblica Dominicana. Questo lago non ha sbocchi sul mare e si trova a 40 metri sotto il livello del mare.

Una curiosità è che le femmine di coccodrillo, in caso di pericolo, trasportano le uova tenendole nelle fauci. Questa abitudine in passato fu interpretata, erroneamente, come prova di cannibalismo. Da questa falsa interpretazione e dal fatto che i coccodrilli secernono lacrime quando muovono le mascelle deriva il modo di dire “versare lacrime di coccodrillo”.

Purtroppo il coccodrillo americano è una specie a rischio di estinzione a causa della distruzione del suo habitat naturale.

Scomparsi oggi

Luigi Einaudi

data di nascita: martedì 24 marzo 1874 (147 anni fa)
data morte: lunedì 30 ottobre 1961 (60 anni fa)

Luigi Einaudi: Annoverato tra i padri della Repubblica Italiana, la sua personale declinazione del pensiero liberale resta ancora attuale.

Nato a Carrù, in provincia di Cuneo, e morto a Roma nell’ottobre del 1961, fu attivo come economista, politico e giornalista italiano. E’ stato il secondo Presidente della Repubblica Italiana e gli sono state conferite lauree “honoris causa” dall’Università di Oxford, dall’Università di Parigi, da quella di Trieste e dall’Università di Algeri.

Laureatosi in Giurisprudenza presso l’Università di Torino, si avvicinò in quegli anni al movimento socialista, dalle cui idee si distaccherà a partire dai primi anni del Novecento. Nella sua lunga carriera ricoprì la cattedra di “Scienza delle finanze” all’università torinese, di “Legislazione industriale ed Economica politica” al Politecnico di Torino e “Scienza delle finanze” all’Università Bocconi di Milano.

Fu, inoltre, membro dell’”Accademia dei Lincei”, socio dell’”Accademia delle Scienze” di Torino e membro del Consiglio Direttivo dell'”Istituto Italiano per gli Studi Storici” fondato da Benedetto Croce, oltre che presidente onorario della “International Economic Association” e di molte altre accademie e associazioni internazionali.

Costretto a fuggire in Svizzera dal regime fascista, dopo la caduta di quest’ultimo rientrò in Italia ricevendo la nomina a Rettore dell’Università di Torino nel 1943 e, due anni dopo, a Governatore della Banca d’Italia.

Eletto senatore nel 1948, ricoprì gli incarichi di Presidente del Consiglio dei Ministri e Ministro delle Finanze e del Tesoro nel IV Governo De Gasperi. Grazie alla sua politica economica, caratterizzata dalla diminuzione delle tasse e dei dazi doganali, egli pose la basi per il boom economico che caratterizzò la nazione negli anni ’50 e ’60. Nel 1948 completò la carriera istituzionale con l’elezione a Capo dello Stato.

Einaudi era convinto assertore del liberalismo, applicato in tutti gli aspetti della vita politica, sociale ed economica. Secondo l’economista, l’uomo è spinto a perfezionarsi solo se è libero di realizzarsi secondo le proprie attitudini e, più è competente o creativo, più rende migliore la sua opera. Era anche fautore di un’unica politica economica europea, basata sulla libertà economica, in grado di reggere le pressioni provenienti da oriente e confrontarsi con quelle americane.