Almanacco del 26 Settembre

0
145

E’ il 270° giorno dell’anno, 39ª settimana. Alla fine del 2020 mancano 96 giorni

A Roma il sole sorge alle 06:03 e tramonta alle 17:59 (ora solare)
A Milano il sole sorge alle 06:16 e tramonta alle 18:11 (ora solare)
Luna: 0.12 (tram.) 15.45 (lev.)

Santi del Giorno

Santi Cosma e Damiano (Martiri)
San Cristoforo della Guardia (Martire)
San Gedeone (Giudice d’Israele)
San Nilo da Rossano
San Senatore d’Albano (Martire)

Santi Cosma e Damiano sono i protettori di medici, chirurghi, dentisti, farmacisti, levatrici, barbieri, parrucchieri.

Etimologia

Cristoforo, deriva dall’antico nome greco Christophóros, latinizzato in Christophorus, composto da Christós e dal suffisso -phóros che deriva dal verbo phérein “portare”: il nome significa quindi “che porta in sé Cristo, portatore di Cristo”, nel senso di “chi professa la fede in Cristo”.

Proverbio del giorno

Per San Cosimo e Damiano, ogni male fia lontano.

Aforisma del giorno

Fra le armi, tacciono le leggi. (Marco Tullio Cicerone)

Sei nato oggi?

 Brilli per intelligenza e coraggio anche se, qualche volta, ti fai trascinare un po’ troppo dall’impulsività. Nel lavoro le tue possibilità di riuscita sono alte, ma bada ad aiutare la fortuna con un impegno costante. In amore i successi non mancheranno; se però cerchi un affetto stabile, devi imparare a contenere la tua volubilità.

Oroscopo Quotidiano

Oroscopo di Sabato 26 Settembre 2020

Accadde Oggi

Fidel Castro all’ONU

26 settembre 1960

Il discorso più lungo, 4 ore e mezza

Il leader cubano, Fidel Castro, interviene per la prima volta alle Nazioni Unite. Il “lider maximo” parla al palazzo di vetro per quattro ore e 29 minuti. Sarà il discorso più lungo nella storia dell’ONU. Nel suo secondo intervento, nel 1970, Castro parlerà per oltre due ore.

Supercar debutta in tv

domenica 26 settembre 1982 (38 anni fa)

Supercar debutta in tv: Michael Long, agente di Polizia di Las Vegas, ferito mortalmente e sfigurato in volto, viene salvato dalla Fondazione Knight, creata da un miliardario per combattere il crimine. Dopo l’operazione cambia completamente volto e identità diventando Micheal Knight e ha a disposizione una macchina superveloce e indistruttibile (sviluppata partendo da una Pontiac Firebird Trans Am), con dentro un supercomputer di nome KITT.

È l’antefatto che dà inizio al telefilm Supercar (titolo originale Knight Rider), serie cult degli anni Ottanta prodotta da Glen A. Larson. Lo stesso Larson insieme a Stu Philips firma la storica sigla che rimarrà un elemento identitario del telefilm. A Supercar è legata la fama del suo protagonista David Hasselhoff, sconosciuto in precedenza, che dopo avrà un discreto successo come principale attore della serie Baywatch.

Anche se la serie s’interromperà bruscamente alla quarta stagione (nel 1986, per un calo d’ascolti che non consentirà di sostenere gli altissimi costi di produzione), a decenni di distanza sarà riproposta con enorme successo di ascolto.

Non tramonterà nemmeno la moda di modificare le auto su modello di Kitt, sia esternamente che negli interni. In Italia la serie verrà trasmessa su Italia 1 dal gennaio del 1984.

Primo numero di Dylan Dog

venerdì 26 settembre 1986 (34 anni fa)

Primo numero di Dylan Dog: Una giovane vedova che vede comparire il marito con l’aspetto di uno zombie si rivolge disperata all’investigatore Dylan Dog, che inizia le indagini accompagnato da Groucho, inseparabile assistente dalla battuta fulminante.

Con il titolo L’alba dei morti viventi esce in edicola il primo numero dell’Indagatore dell’incubo, fumetto horror ideato da Tiziano Sclavi e disegnato da Claudio Villa ed Angelo Stano. Il nome del protagonista è ripreso dal poeta gallese Dylan Thomas, mentre i tratti somatici per volontà dell’autore sono ispirati all’attore inglese Rupert Everett.

Edito dalla Sergio Bonelli Editore, diventa subito un fenomeno letterario conquistando anche i critici più severi come Umberto Eco. Dylan, ex agente di Scotland Yard, è un 30enne inglese che veste sempre allo stesso modo: giacca nera, camicia rossa e jeans. È claustrofobico, odia le armi e sul suo passato si sa ben poco.

Non è dunque un eroe che vince sempre, ma un uomo con le proprie paure e fragilità che lo portano a esplorare una dimensione onirica fatta di mostri celebri (Frankenstein, Dracula, etc) e altri meno, con cui spesso si trova a solidarizzare. Le persone che si rivolgono a lui sono in maggioranza donne di cui finisce quasi sempre per innamorarsi.

Destinato a diventare il fumetto più venduto in Italia, Dylan Dog ispirerà due film entrambi stroncati dalla critica: Dellamorte Dellamore (1994) con Rupert Everett e Dylan Dog: Dead of Night (2010) con Brandon Routh.

Terremoto in Umbria e Marche

venerdì 26 settembre 1997 (23 anni fa)

Terremoto in Umbria e Marche: Alle 2,33 e alle 11,42 due forti scosse rispettivamente di magnitudo 5.8 e 6.1 della scala Richter, con epicentro a Foligno, colpirono diverse zone dell’Umbria e delle Marche. Undici le vittime e un centinaio i feriti, mentre gli edifici danneggiati risultarono circa 80mila tra cui molti e importanti luoghi d’arte.

Drammatico il crollo della volta giottesca nella Basilica di San Francesco ad Assisi in cui persero la vita quattro persone: la scena fu ripresa in diretta dall’emittente locale Umbria TV e riproposta in tutti i telegiornali del mondo.

Per la ricostruzione sono stati impiegati circa 4 miliardi di euro.

Nati in questo giorno

Nasce George Gershwin

26 settembre 1898

Compositore e pianista di musica classica e jazz. Nasce a Brooklyn George Gershwin. Compositore e pianista, la sua produzione spazia dalla musica classica al jazz. Considerato il capostipite del musical americano, firma la maggior parte dei suoi lavori con il fratello maggiore Ira. Nel 1924 compone, pare in sole tre settimane, il suo lavoro più apprezzato, “Rhapsody in blue”.

Del 1935 è il suo capolavoro: “Porgy and bess”, considerata la più grande opera americana del ventesimo secolo. Muore, per un tumore al cervello, l’11 luglio del 1937.

Olivia Newton-John

data di nascita: domenica 26 settembre 1948 (72 anni fa)

Olivia Newton-John: Nata a Cambridge, in Inghilterra, fin da piccola ha vissuto in Australia, di cui ha preso la nazionalità. È conosciuta come cantante e attrice e le due strade si sono spesso incrociate, in primis nel film-musical che l’ha resa famosa in tutto il mondo: Grease.

In coppia con John Travolta, restano indelebili nella memoria i balletti e le canzoni, tra cui “Hopelessly Devoted to You” e “Summer Nights”. In seguito ha recitato in altri musical meno fortunati, continuando la carriera di cantante (per cui è stata premiata con quattro Grammy Award, 17 dischi d’oro e 18 dischi di platino).

Curiosità: suo nonno materno è Max Born, fisico e matematico tedesco, insignito del premio Nobel per la Fisica nel 1954.

Edoardo Scarfoglio

data di nascita: mercoledì 26 settembre 1860 (160 anni fa)
data morte: sabato 6 ottobre 1917 (102 anni fa)

Edoardo Scarfoglio: Abruzzese di nascita, di Paganica (frazione dell’Aquila), visse gran parte della sua vita a Napoli, dove si spense nell’ottobre del 1917, coniugando le attività di giornalista e scrittore.

Della sua produzione restano poesie, racconti e saggi critici ma l’eredità più preziosa che ha lasciato è il quotidiano Il Mattino, da lui fondato il 16 marzo del 1892 insieme alla celebre scrittrice Matilde Serao, sua consorte. Con esso è stato un protagonista del dibattito politico nazionale, in cui ha sostenuto con determinazione la questione meridionale, all’indomani dell’Unità d’Italia.

Nati… sportivi

Serena Williams

data di nascita: sabato 26 settembre 1981 (39 anni fa)

Serena Williams: Nata a Saginaw, è una tennista statunitense, sorella minore di Venus Williams, anche lei campionessa di tennis. Considerata a ragione una delle più brave tenniste di sempre, ha conquistato (a settembre 2020) 23 tornei del Grande Slam nel singolare e 14 nel doppio (sempre in coppia con la sorella).

Nella classifica mondiale WTA, al 21 settembre 2020, è al 9° posto, ma è stata più volte in vetta per un totale di 319 settimane, la prima già nel luglio 2002. Ha vinto quattro ori olimpici e una Fed Cup (la Coppa Davis al femminile) nel 1999.

Michael Ballack

data di nascita: domenica 26 settembre 1976 (44 anni fa)

Michael Ballack: Nato a Görlitz (Germania), è un ex calciatore. Nel marzo del 2004 Pelé l’ha inserito nella FIFA 100, l’elenco dei 125 migliori giocatori viventi.

È stato un centrocampista, prima del ritiro dell’ottobre 2012, di Bayern Monaco, Chelsea e Bayer Leverkusen, conquistando quattro scudetti in Germania, uno nella Premier League e sei Coppe nazionali.

Con la Nazionale ha totalizzato 98 presenze e ha segnato 42 volte. Dal 2004 al 2010 ha indossato la fascia di capitano. È vice-campione del mondo 2002, mentre nel 2006 è arrivato terzo. Un altro secondo posto della Germania l’ha visto in campo agli Europei del 2008.

Eventi Sportivi

Australia II vince l’America’s Cup

lunedì 26 settembre 1983 (37 anni fa)

Australia II vince l’America’s Cup: L’America’s Cup del 1983 merita un posto particolare nella storia della vela e dello sport in generale. Nelle regate eliminatorie da questa edizione c’è in palio la Louis Vuitton Cup per selezionare lo sfidante del detentore del prestigioso trofeo velico, dal 1851 sempre vinto da un’imbarcazione statunitense.

Per la prima volta c’è anche una barca italiana: Azzurra dello Yacht Club Costa Smeralda, affidata allo skipper Cino Ricci e al timoniere Mauro Pelaschier, che si classifica terza ma porta la vela e questa competizione alla ribalta nazionale.

Vincono gli australiani di Australia II, del Royal Perth Yacht Club. Le sette regate dell’America’s Cup iniziano il 14 settembre e, il 26 settembre, il risultato finale arride col punteggio di 4-3 agli sfidanti del New York Yacht Club, interrompendo dopo 132 anni l’imbattibilità statunitense

Il Mondiale Superbike è di Biaggi

domenica 26 settembre 2010 (10 anni fa)

Il Mondiale Superbike è di Biaggi: Dopo il Gran Premio di Superbike di Imola, Max Biaggi, con una gara di anticipo, conquista il titolo mondiale in sella all’Aprilia.

In gara due l’emozionante duello iridato con l’inglese Haslam è improvvisamente interrotto dal suo ritiro per un problema al motore della Suzuki, così il Corsaro (questo è il soprannome del pilota italiano), ormai matematicamente campione, conclude la gara al quinto posto.

Max Biaggi è il primo italiano campione del mondo in Superbike, ma è il suo quinto titolo iridato (a 13 anni di distanza dal quarto), ed è il secondo pilota vincitore di un titolo sia in Superbike sia nel Motomondiale, dopo lo statunitense John Kocinsky.

Scomparsi oggi

Paul Newman

data di nascita: lunedì 26 gennaio 1925 (95 anni fa)
data morte: venerdì 26 settembre 2008 (12 anni fa)

Paul Newman: Gli occhi blu più famosi di Hollywood sono i suoi. Lui è uno degli attori più affascinanti della storia del cinema.

Nato a Shaker Heights, nell’Ohio, e morto a Westport nel 2008, ha debuttato nel 1953 in teatro a Broadway con “Picnic”, per poi approdare al cinema nel 1954, offrendo un primo assaggio del suo talento, due anni dopo, con Lassù qualcuno mi ama, nel ruolo del pugile Rocky Graziano.

Con La gatta sul tetto che scotta del 1958 ha conquistato la prima nomination agli Oscar, guadagnando la ribalta con film come “Lo spaccone”, “Exodus”, “Intrigo a Stoccolma” e “Nick mano fredda”. Le tre statuette sono arrivate molto più tardi: prima alla “carriera”, poi come “miglior attore protagonista” (per “Il colore dei soldi”), infine per meriti umanitari.

Appassionato di automobilismo, ha preso parte a diverse gare, su tutte la 47ª edizione della 24 ore di Le Mans, in cui è arrivato secondo. Tra i riconoscimenti ottenuti, sei Golden Globe, l’Orso d’argento al Festival di Berlino 1995 e la mitica stella sulla Walk of Fame.

Anna Magnani

data di nascita: sabato 7 marzo 1908 (112 anni fa)
data morte: mercoledì 26 settembre 1973 (47 anni fa)

Anna Magnani«Lasciamele tutte le rughe, non me ne togliere nemmeno una, che ci ho messo una vita a farmele!». In questa frase c’è la vera, grande, anima di Nannarella (suo nome d’arte), che aveva la stessa spontaneità e forza drammatica sul set come nella vita reale.

Massima espressione della “romanità” (come lei forse solo Aldo Fabrizi), a Roma venne alla luce e trascorse gran parte della vita, fino alla morte nel settembre del 1973. Come tanti cominciò anche lei a teatro, con l’avanspettacolo, passando dal 1934 sul grande schermo con parti secondarie e sette anni dopo con il ruolo di protagonista in Teresa Venerdì di Vittorio De Sica.

Ad Hollywood iniziarono ad apprezzarla con la sublime interpretazione di Pina nel capolavoro neorealista di Roberto Rossellini (che le fu compagno di vita per un periodo), Roma città aperta, che le valse il Nastro d’argento e venne premiato alla prima edizione del Festival di Cannes, e successivamente con Bellissima (1951) del grande Luchino Visconti.

Affascinato dalle sue qualità recitative il regista Daniel Mann la scritturò per interpretare la giovane immigrata negli USA, Serafina Delle Rose, ne La rosa tatuata. Fu un trionfo per la Magnani, che ricevendo nel 1956 l’Oscar (anticipato dal Golden Globe) come “miglior attrice protagonista”, entrò nella storia come prima attrice italiana a conquistare la “statuetta”.

Anti-diva per eccellenza, pensò a uno scherzo quando glielo comunicarono e rinunciò a partecipare alla grande “notte di Los Angeles”. Tra le poche personalità italiane a vedersi dedicata una stella nella celebre Hollywood Walk of Fame, nella sua quarantennale carriera artistica vinse tra gli altri due David di Donatello e una Coppa Volpi (per “L’onorevole Angelina”) alla Mostra del Cinema di Venezia del 1947.

Alberto Moravia

data di nascita: giovedì 28 novembre 1907 (112 anni fa)
data morte: mercoledì 26 settembre 1990 (30 anni fa)

Alberto Moravia: Un assoluto protagonista della letteratura italiana del Novecento, esponente di punta dell’esistenzialismo, cui aderì guardando all’insuperabile modello di Dostoevskij.

Nato a Roma e ivi morto nel 1990, il vero nome era Alberto Pincherle, ma scelse come pseudonimo il cognome della nonna paterna, Moravia. Dopo alcuni racconti, esordì con il romanzo Gli indifferenti, considerato a tutt’oggi il suo massimo capolavoro. Ne seguirono altri, come “La ciociara“, “La romana” e “La noia“, portati sul grande schermo da registi del calibro di Vittorio De Sica (che con “La ciociara” portò all’Oscar Sophia Loren).

Col suo tipico stile, semplice e al contempo elegante, affrontò il difficile cammino dell’uomo verso la felicità, l’ipocrisia nei rapporti sociali e l’aridità morale. Tra i riconoscimenti ottenuti, il Premio Strega nel 1952 per “I racconti” e il Premio Viareggio nel 1960 per “La noia”.

Jacques Chirac

data di nascita: martedì 29 novembre 1932 (87 anni fa)
data morte: giovedì 26 settembre 2019 (un anno fa)

Jacques Chirac: Protagonista per quasi mezzo secolo della scena politica francese, è nato a Parigi e da qui è partita la carriera istituzionale, con la carica di sindaco della Capitale ricoperta dal 1977 al 1995.

È considerato un “padre nobile” dai conservatori francesi, in quanto fondatore dei due principali partiti di centrodestra, Raggruppamento per la Repubblica e Unione per un Movimento Popolare (UMP). Dopo due esperienze come primo ministro, la sua ascesa ha toccato il vertice con l’elezione a Presidente della Repubblica francese nel 1995.

Tra i principali atti assunti in quegli anni, l’ammissione delle responsabilità dello Stato francese nell’aver favorito la politica antisemita dell’occupante nazista e l’abolizione del servizio militare obbligatorio. Rieletto nel 2002 alla massima carica istituzionale, il secondo mandato lo ha visto protagonista in negativo di scelte discutibili e insuccessi elettorali del centrodestra, fino alle inchieste giudiziarie che, nel 2011, hanno portato alla sua condanna a due anni di reclusione per diversi reati, tra cui “sviamento di fondi pubblici” e “abuso di potere”.

È stato membro del Consiglio costituzionale, incarico assegnato di diritto a tutti gli ex presidenti della Repubblica. Colpito da un ictus, dopo diversi ricoveri in ospedale, è scomparso il 26 settembre 2019.

Commenti