Almanacco Del 22 Ottobre 2021

0
183

Oggi venerdì 22 ottobre 2021 (07:51)

E’ il 295° giorno dell’anno, 43ª settimana. Alla fine del 2021 mancano 70 giorni.

A Roma il sole sorge alle 06:31 e tramonta alle 17:17 (ora solare)
A Milano il sole sorge alle 06:50 e tramonta alle 17:24 (ora solare)
Luna: 8.08 (tram.) 18.21 (lev.)
Sciame meteoritico delle Orionidi.

Santi del Giorno

San Giovanni Paolo II (Papa – Nome: Karol Józef Wojtyła)
San Donato di Fiesole (Vescovo)
Sant’Abercio di Geropoli (Vescovo)

San Bertario di Montecassino (Abate e Martire)
San Moderano di Berceto (Moderanno di Rennes, Vescovo)

Etimologia

Donata, il latino “donatus” divenne ben presto un personale in uso tra i primi cristiani, a causa del suo evidente significato beneaugurante: “regalato, donato (da Dio)”..

Proverbio del giorno

Gallina che non becca ha già beccato.

Aforisma del giorno

Amate la gente senza chiedere nulla in contraccambio. Anche quando l’altro non vi potrà dare nulla di buono, amatelo. Non vogliate bene ai vostri compagni soltanto perchè sono bravi, perchè scambiano con voi tante cose; vogliate bene anche a coloro che non vi danno nulla. (Don Tonino Bello)

Sei nato oggi? 

Se c’è una cosa che non sopporti, è che ti si dica cosa devi fare. Sei impetuoso, impulsivo, sostenuto da una eccezionale forza di volontà e sei convinto di avere sempre ragione. La tua carica è tale che, il più delle volte, riesci a sbaragliare tutti gli ostacoli. In amore sei irresistibile, ma cerca di tenere a freno la gelosia.

Oroscopo quotidiano

Oroscopo di Venerdì 22 Ottobre 2021

Accadde Oggi

Debutta Rambo

venerdì 22 ottobre 1982 (39 anni fa)

Debutta Rambo«Allora vedo che non ha capito. Io non sono qui per salvare Rambo da voi. Io sono qui per salvare voi da lui». È l’avvertimento che il colonnello Trautman rivolge allo sceriffo che ha ingaggiato una vera e propria guerra contro il soldato John Rambo, reduce dalla guerra in Vietnam e perseguitato dal poliziotto per il solo fatto di essere un vagabondo.

Arriva nelle sale cinematografiche Rambo di Ted Kotcheff, con protagonista Sylvester Stallone, già amato dal pubblico per la celebre saga del pugile “Rocky Balboa”. Ispirato al romanzo First Blood (titolo della versione originale del film, cambiato in “Rambo” nell’adattamento italiano) di David Morrell, la pellicola lancia nel mondo di Hollywood un nuovo tipo di eroe, che combatte una guerra personale contro la società.

La stessa società che lui ha difeso da berretto verde in Vietnam lo umilia e lo emargina, costringendolo a combattere per sopravvivere. Estremamente violento e sanguinario nel romanzo, il personaggio è stato riadattato nella trasposizione cinematografica, grazie al contributo dello stesso Stallone che ha collaborato alla sceneggiatura con Michael Kozoll e William Sackheim.

La produzione inizialmente si era rivolta ad altri attori, tra cui Clint Eastwood, Robert De Niro e Al Pacino, alcuni dei quali scartati per l’età, altri non disponibili a una parte ritenuta troppo violenta. Stallone si rivelerà una scelta azzeccata anche per alcuni tratti positivi che egli stesso riprenderà dal personaggio di Rocky Balboa.

In Italia, uscito a novembre dello stesso anno, la fortuna del film sarà ancora una volta legata allo storico doppiaggio di Ferruccio Amendola, voce inseparabile di Stallone e di altri mostri sacri americani.

L’enorme successo al botteghino e la fama crescente del personaggio porterà alla realizzazione di tre sequel: Rambo II: la vendetta (1985), Rambo III (1988) e John Rambo (2008).

Carlson inventa la fotocopiatrice

sabato 22 ottobre 1938 (83 anni fa)

Carlson inventa la fotocopiatrice: Una matrice caricata elettrostaticamente che, al posto del normale inchiostro, utilizza una polvere nera (più tardi denominata “toner”) per imprimere su un foglio di carta i caratteri neri di un documento originale, precedentemente impressi su di essa.

Funzionava così il dispositivo messo a punto dal fisico americano Chester Carlson nel garage della sua abitazione, nel quartiere newyorchese del Queens. Dopo vari tentativi, il 22 ottobre 1938 riuscì a farlo funzionare, producendo la prima fotocopia chiamata allora “elettrofotografia”.

Il metodo di Carlson, ribattezzato xerografia (dal greco xeros, “secco”, ossia non basato sull’utilizzo di inchiostro liquido), fu portato al successo dalla Haloid, una piccola società di Rochester che entrò in possesso del brevetto; la stessa più tardi, insieme alla società inglese Rank Organization, diede vita a Rank Xerox, storico marchio nel settore delle fotocopiatrici.

Genova bombardata

22 Ottobre 1942

Seconda guerra mondiale: aerei inglesi compiono un devastante bombardamento sulla città di Genova, che si protrae per tutta la notte, uccidendo parecchie centinaia di civili, colpendo gli antichi sestieri e danneggiando gravemente parte del patrimonio artistico della città. Viene rasa al suolo la Galleria delle Grazie e i 354 rifugiati al suo interno.

Nati in questo giorno

Valeria Golino

data di nascita: sabato 22 ottobre 1966 (55 anni fa)

Valeria Golino: Nata a Napoli, da un germanista italiano e una pittrice greca, ha iniziato la carriera di attrice ad Atene per poi approdare in Italia, scoperta dalla regista Lina Wertmüller.

A soli vent’anni, grazie al film Storia d’amore, ha ottenuto il primo prestigioso riconoscimento: premio come “migliore attrice” alla Mostra del Cinema di Venezia. Ha lavorato anche in America e vissuto a Los Angeles. Nel 2002 ha vinto il Nastro d’Argento al Taormina Film Festival come miglior attrice protagonista (per il film “Respiro”) e nel 2006 ha vinto il David di Donatello con La guerra di Mario.

Altre pellicole famose che l’hanno vista protagonista: Rain Man (accanto a Dustin Hoffman e Tom Cruise), La kryptonite nella borsaCaos calmo. Nel 2014 ha conquistato il secondo David per Il capitale umano di Paolo Virzì, mentre l’anno seguente trionfa nuovamente a Venezia, vincendo la “Coppa Volpi” per la “migliore interpretazione femminile” nel drammatico Per amor vostro.
La sua carriera prosegue con tanti altri film. Il 24 ottobre 2019 arriva nelle sale Tutto il mio folle amore per la regia di Gabriele Salvatores. Nel 2021 è nel cast del film La scuola cattolica.

Robert Capa

data di nascita: mercoledì 22 ottobre 1913 (108 anni fa)
data morte: martedì 25 maggio 1954 (67 anni fa)

Robert Capa: Considerato il padre del fotogiornalismo, è stato il più grande fotoreporter di guerra di sempre e con le sue foto ha raccontato i vent’anni che più hanno segnato la storia dell’Europa e del mondo intero.

Ungherese di Budapest, Endre Ernő Friedmann (la sua vera identità) scelse lo pseudonimo Robert Capa (ispirato al noto regista americano Frank Capra) per sfondare nel campo della fotografia. Ci riuscì prestissimo.

Poco più che ventenne prese parte alla Guerra civile spagnola (1936-39), realizzando uno degli scatti più rappresentativi del Novecento: “Il miliziano colpito a morte”. Di qui fu in prima linea in tutti i principali conflitti, dalla Seconda guerra mondiale (1941-1945) alla Prima guerra d’Indocina (1954).

Nel 1947, insieme con altri famosi colleghi, tra cui Henri Cartier-Bresson, fondò l’agenzia fotografica Magnum, ancora oggi una delle più rinomate al mondo.

Morì nel maggio del 1954, durante la Prima Guerra d’Indocina, posando il piede su una mina mentre stava per scattare una foto.

Shaggy

data di nascita: martedì 22 ottobre 1968 (53 anni fa)

Shaggy: All’anagrafe è Orville Richard Burrel, ma per gli amici (a cui si deve il soprannome, ispirato all’omonimo personaggio di Scooby Doo) e i fan è Shaggy.

Nativo di Kingston, capitale della Giamaica, si distingue per la sua musica in cui si fondono rap e reggae, spesso in chiave dance. Noto per hit come Boombastic, “It Wasn’t Me” ed “Angel”, ha venduto più di 18 milioni di dischi nel mondo!

Doris Lessing

data di nascita: mercoledì 22 ottobre 1919 (102 anni fa)
data morte: domenica 17 novembre 2013 (7 anni fa)

Doris Lessing: Fedele testimone del proprio tempo, è stata una scrittrice di grande passione civile che non ha mai mancato di prendere posizione sulle grandi questioni del secondo Novecento.

Nata a Kermanshah, nell’Iran occidentale, Doris May Tayler (il vero nome) è vissuta fra tre continenti, da giovane nell’Africa britannica, raccontata attraverso le vite dei coloni inglesi e le miserie degli indigeni, in capolavori come L’erba canta (1950).

Negli anni ha denunciato la dittatura staliniana, la corruzione dei regimi africani, come quello di Mugabe, e in ultimo le guerre al terrore dell’America di Bush. Con Il taccuino d’oro (1962), divenuto un caposaldo della letteratura femminista, ha sfiorato il Nobel per la Letteratura, che l’è stato assegnato nel 2007, in quanto «cantrice dell’esperienza femminile che con scetticismo, passione e potere visionario ha messo sotto esame una civiltà divisa».

Apprezzata anche per il ciclo di romanzi di fantascienza “Canopus in Argos”, è scomparsa Londra nel novembre del 2013.

Nati… sportivi

Martina Miceli

data di nascita: lunedì 22 ottobre 1973 (48 anni fa)

Martina Miceli: Nata a Roma, è un’ex pallanuotista, dal 2012 allenatrice dell’Orizzonte Catania con cui ha vinto la Coppa Italia 2012/13. Ha giocato nella difesa della società etnea in due periodi (1993/97 e 2005/12), vincendo complessivamente nove scudetti, una Coppa Italia e tre LEN Champions Cup.

Nel Setterosa, dal 1991 al 2008, ha vinto due Mondiali (con un secondo e un terzo posto), un’Olimpiade, quattro Europei (con due argenti e un bronzo).

Dražen Petrović

data di nascita: giovedì 22 ottobre 1964 (57 anni fa)
data morte: lunedì 7 giugno 1993 (28 anni fa)

Dražen Petrović: Considerato tra i più bravi cestisti europei di sempre, il Mozart dei canestri, così era chiamato, ha giocato dal 1979 al 1993 in squadre jugoslave, nel Real Madrid e in due società dell’NBA.

Nato a Sebenico (Croazia) e morto a Denkendorf (Baviera, Germania) il 7 giugno 1993, Dražen Petrović è stato un cestista jugoslavo, dal 1991 croato.

Con la Nazionale jugoslava ha vinto un bronzo (1984) e un argento (1988) alle Olimpiadi, un bronzo (1986) e un oro (1990) ai Mondiali, un bronzo e un oro agli Europei. Con la Croazia ha vinto un argento ai Giochi Olimpici di Barcellona ‘92.

Vittorio Gallinari

data di nascita: mercoledì 22 ottobre 1958 (63 anni fa)

Vittorio Gallinari: Nato a Sant’Angelo Lodigiano (in provincia di Lodi), è un ex cestista di 204 cm. Ha giocato dal 1976 al 1994 a Milano, Pavia, Bologna, Verona e Livorno. Nelle dodici vittorie del suo palmarès (quasi tutte a Milano) ci sono anche quattro scudetti e due Coppe delle Coppe. È il padre e procuratore del cestista Danilo (di 208 cm), in NBA dal 2011 con i Denver Nuggets, dal luglio 2017 con i Los Angeles Clippers, dal luglio 2019 con gli Oklahoma City Thunder e dal novembre 2020 con gli Atlanta Hawks.

Eventi Sportivi

Alonso fa il bis

domenica 22 ottobre 2006 (15 anni fa)

Alonso fa il bis: Le 18 gare del Mondiale di Formula Uno hanno confermato campioni del mondo Fernando Alonso per i piloti e la Renault per i costruttori. I piloti della Ferrari, Michael Schumacher e Felipe Massa, sono arrivati secondo e terzo nella classifica del Mondiale piloti.

I Doodle di Google

Deltawerken

22 ottobre

Deltawerken: Nel 1953 in Olanda ci fu una terribile inondazione che causò la morte di ben 1.835 persone e portò all’evacuazione di altre 70.000. Per evitare tali tragedie fu lanciato il piano Delta (in nederlandese Deltawerken).

L’obiettivo del piano era quello di aumentare, con dighe e altre opere, la sicurezza delle aree più depresse (più di un terzo dei Paesi Bassi si trova sotto il livello del mare!). Il 22 ottobre 1958 ci fu l’inaugurazione della prima diga (sul fiume Hollandse IJssel) e 50 anni dopo Google ha ricordato l’evento con un doodle locale.

Il Mondo degli Animali

Rospo Comune

mercoledì 22 ottobre 2014 (7 anni fa)

Rospo Comune: Il “rospo comune”, nome scientifico bufo bufo linnaeus, appartiene alla famiglia degli Bufonidae. È l’anfibio più grande d’Europa! Può raggiungere la lunghezza di 20 centimetri, generalmente il maschio è più piccolo della femmina. La colorazione del dorso varia dal bruno rossastro al bruno giallastro mentre il ventre è tendenzialmente bianco.

La femmina depone, in acqua, circa diecimila uova che vengono fecondate esternamente dal maschio. Quando le uova si schiudono nascono i girini, esseri acquatici. La metamorfosi da girino a rospo dura uno o due giorni. Ai girini spuntano inizialmente le zampe posteriori e successivamente le zampe anteriori, da questo momento iniziano a digiunare, perché il loro apparato digerente inizia a trasformarsi, infatti da onnivori diverranno insettivori.

L’habitat del rospo comune è costituito prevalentemente da zone paludose o comunque molto umide con vegetazione fitta. Si trova in Europa, nel nord Africa e in Asia centro-settentrionale.

Una curiosità è che la pelle di questo anfibio è ricoperta da verruche che espellono, in caso di aggressione, un liquido vischioso e tossico. La sostanza che secerne può avere localmente effetto anestetico e se arriva al sistema nervoso può provocare allucinazioni o stati di trance. Il liquido è attualmente oggetto di studio per un possibile utilizzo contro il cancro e la leucemia.

Scomparsi oggi

Albert Szent-Györgyi

data di nascita: sabato 16 settembre 1893 (128 anni fa)
data morte: mercoledì 22 ottobre 1986 (35 anni fa)

Albert Szent-Györgyi: Un’istituzione nel mondo scientifico ungherese, cui diede lustro con i suoi studi sull’acido ascorbico, meglio noto come vitamina C.

Nato a Budapest e morto a Woods Hole (Massachusetts) nell’ottobre del 1986, Albert Szent-Györgyi de Nagyrápolt concentrò la sua attività di medico ricercatore sulla chimica della respirazione cellulare, ricevendo il dottorato presso la prestigiosa Università di Cambridge. Lavorando sui peperoncini, riuscì ad estrarre l’acido ascorbico e a meritarsi il Nobel per la Medicina nel 1937, riconosciutogli per le «scoperte in relazione ai processi di combustione biologica con specifico riferimento alla vitamina C ed alla catalisi dell’acido fumarico».

Perseguitato dalla Gestapo per aver aiutato alcuni amici ebrei, dopo la guerra fu eletto al parlamento e s’impegnò nel rilancio dell’accademia della scienza. Il clima illiberale del regime comunista lo spinse a trasferirsi negli USA, dove prese la cittadinanza e trascorse il resto della vita.