Almanacco Del 21 Novembre

0
122

E’ il 326° giorno dell’anno, 47ª settimana. Alla fine del 2020 mancano 40 giorni.

A Roma il sole sorge alle 07:08 e tramonta alle 16:44 (ora solare)
A Milano il sole sorge alle 07:32 e tramonta alle 16:46 (ora solare)
Luna: 13.00 (lev.) 23.03 (tram.)

Santi del Giorno

Presentazione della Beata Vergine Maria
Sant’Agapio (Martire, nato a Cesarea in Palestina e morto a Roma)
San Gelasio I (Papa)

Etimologia

 Romeo, dal greco “rhomaios”, latinizzato in “romaéus”, era un termine indicante un “di Roma, romano”. Divenne quindi il soprannome per tutti coloro che, almeno una volta, si erano recati in pellegrinaggio a Roma. Per altri ha origine dl greco “rhomé”, “forza, robustezza”..

Proverbio del giorno

Novembre imbacuccato, raccolto e seminato.

Aforisma del giorno

La religione di un uomo non vale molto se non ne traggono beneficio anche il suo cane e il suo gatto (Abraham Lincoln)

Sei nato oggi? 

Le tue capacità intuitive ed una notevole intelligenza analitica ti mettono in grado di risolvere qualsiasi rebus o problema. Nel lavoro dai il meglio di te quando affronti situazioni complesse e difficili. All’amore dedichi poco tempo ed energie: se non ami la solitudine, cerca di cambiare atteggiamento e dai di più a chi ti è vicino.

Oroscopo quotidiano

Oroscopo di Sabato 21 Novembre 2020

Accadde Oggi

Esce “A Night at the Opera” dei Queen

venerdì 21 novembre 1975 (45 anni fa)

Esce “A Night at the Opera” dei Queen: Con A Night at the Opera i Queen sfornano il loro quarto album, che consacra la band britannica nel panorama del rock mondiale.

Prodotto da Roy Thomas Baker e finito di registrare a luglio del 1975, il disco era stato inizialmente concepito come parte di un doppio album, che avrebbe dovuto contenere anche il successivo “A Day at the Races” (uscito a distanza di un anno); questo perché entrambi i titoli richiamano due omonimi film dei fratelli Marx, alla cui geniale comicità Freddie Mercury e company volevano rendere omaggio.

Le 12 tracce contenute nell’album alternano glam rock e opera rock. Sono 11 inediti più una cover dell’inno britannico “God save the Queen”. I brani di punta sono principalmente due: Love of my life (dedicata alla fidanzata di Mercury) e la celebre Bohemian Rhapsody, sublime fusione tra rock e musica classica.

Quest’ultima, uscita in anteprima come singolo, conquista subito le prime posizioni delle charts inglesi ed entra a pieno titolo nella musica di tutti i tempi, sia come pietra miliare del genere rock, sia perché su di essa fu girato il primo videoclip musicale della storia.

Medesimo successo accompagna l’album che conquista il triplo disco di platino, mai raggiunto in precedenza dai Queen. Per la musica di quel periodo “A Night at the Opera” segna una nuova fase, legata alle innovazioni tecnologiche che permettono infinite possibilità nella registrazione dei brani in studio.

Inaugurato il Ponte di Verrazzano

sabato 21 novembre 1964 (56 anni fa)

Inaugurato il Ponte di Verrazzano: Colosso d’acciaio di alta ingegneria che mette in collegamento i due quartieri newyorkesi di Staten Island e Brooklyn, per gli americani è il Verrazano-Narrows Bridge o più semplicemente “The Verrazano”.

Progettata dal celebre urbanista Robert Moses (che mise la firma a diverse opere della Grande Mela), l’opera ebbe inizio nell’estate del 1959 e richiese un investimento complessivo di 320 milioni di dollari. Si decise di intitolarlo all’esploratore fiorentino Giovanni da Verrazzano (al quale fu dedicato anche un ponte sull’Arno nella sua città natale), che per primo raggiunse la baia di Hudson.

Alla sua inaugurazione, affidata all’allora sindaco di New York, Robert F. Wagner, davanti a 5mila persone, ottenne il riconoscimento del primato di ponte sospeso più lungo al mondo, record detenuto in precedenza dal Golden Gate Bridge di San Francisco e conservato fino al 1981, quando venne assegnato all’Humber Bridge, in Inghilterra.

Retto da due piloni di 27mila tonnellate di peso ciascuno e lungo 1.600 metri, è formato da due strade sovrapposte (la parte inferiore venne aperta a giugno del 1969) a sei corsie di marcia, rese popolari sui media da numerosi film (tra cui “La febbre del sabato sera”) e dalle spettacolari immagini della Maratona di New York, che qui ha il suo punto di partenza.

Edison annuncia l’invenzione del fonografo

21 novembre 1877

Thomas Edison annuncia l’invenzione del fonografo, un apparecchio che può registrare suoni. Edison prefigura la nascita della segreteria telefonica, ma non immagina il futuro che avrà la sua invenzione sul mercato della musica mondiale.

Clinton annuncia la pace

21 novembre 1995

Pace in Bosnia [servizio tg: Clinton annuncia l’accordo di pace fra Serbia, Bosnia e Croazia.

Giornata mondiale della TV

21 novembre 1996

Si celebra la giornata mondiale della televisione. La ricorrenza, proclamata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, ricorda il giorno in cui nel 1996 si è svolto a New York il primo “World television forum”, evento che ha riunito i principali rappresentanti del mondo televisivo per discutere degli sviluppi presenti e futuri del mezzo.

Oggi la ricorrenza rappresenta l’occasione per riflettere anche sui processi evolutivi che tale media sta vivendo: da semplice apparecchio posto nei salotti delle case a strumento interattivo collegato a web, a smartphone, pc e tablet.

Nonostante la globale diffusione di internet, la televisione continua ad avere un peso rilevante nella vita di milioni di persone per quanto concerne informazione, intrattenimento e cultura, rivestendo, come ribadito dalle Nazioni Unite, un ruolo fondamentale per la democrazia e la libertà di informazione.

Nati in questo giorno

Nasce Giorgio Amendola

21 novembre 1907

Nasce a Roma Giorgio Amendola. Aderisce al Partito Comunista Italiano nel 1929, qualche anno dopo la brutale uccisione del padre Giovanni da parte dello squadrismo fascista. Durante il regime, nel 1932, viene inviato al confino nell’isola di Ponza.

Nel 1943, partecipa alla Resistenza dirigendo l’attività dei GAP comunisti. Con quest’incarico, nel 1944 autorizza l’attentato di via Rasella, dove un gruppo di gappisti romani attacca un camion militare tedesco uccidendo 32 soldati. Dopo la guerra, viene eletto all’Assemblea Costituente. Muore a Roma nel 1980.

Björk

data di nascita: domenica 21 novembre 1965 (55 anni fa)

Björk: È la regina del pop islandese, portavoce nel mondo della cultura e della storia della sua terra. Nata a Reykjavík, il suo nome significa betulla e sui documenti risulta come Björk Guðmundsdóttir.

Da piccolissima studia pianoforte, prendendo a modello Karlheinz Stockhausen e John Cage, due eccelsi compositori del secolo scorso. La sua caratteristica voce da soprano e la capacità di mescolare generi diversi, dal jazz al folk, dal rock alla musica classica, la lanciano nel panorama internazionale.

Con hit del calibro di “All Is Full of Love” e “Innocence” vende 40 milioni di dischi in tutto il mondo, ottenendo prestigiosi riconoscimenti, tra cui quattro BRIT Award, tredici nomination ai Grammy Award e una nomination agli Academy Award per la migliore canzone.

Apprezzata anche come attrice, nel 2001 Cannes la premia con la Palma d’oro per il ruolo da protagonista in “Dancer in the Dark”. Nel 2015 pubblica il nono album Vulnicura e, due anni dopo, Utopia.

Voltaire

data di nascita: domenica 21 novembre 1694 (326 anni fa)
data morte: sabato 30 maggio 1778 (242 anni fa)

Voltaire: Quando si pronuncia il suo nome, si pensa a tutto lo scibile umano e alla sete di conoscenza che ha animato le grandi menti della storia, tra le quali è annoverato il filosofo, drammaturgo, storico, poeta (e molto altro ancora) Voltaire.

Nato a Parigi e qui morto nel 1778, il vero nome era François-Marie Arouet. Pienamente calato nel clima culturale del secolo dei lumi, è stato un esponente di rilievo dell’Illuminismo, mostrando interesse per ogni forma del sapere. Ciò lo spinse a collaborare all’Encyclopédie di Diderot e D’Alembert, primo esempio di moderna enciclopedia.

Le opere e il pensiero di Voltaire hanno ispirato i grandi pensatori dei decenni successivi, formando l’humus ideologico e culturale da cui fiorirono le due grandi rivoluzioni del Settecento, quella americana (1775-83) e francese (1789-99).

Tra le sue opere, quella che ha avuto maggiori influenze sui posteri è il Candido, un racconto filosofico che mira a confutare le dottrine ottimistiche.

Inés Sastre

data di nascita: mercoledì 21 novembre 1973 (47 anni fa)

Inés Sastre: Modella e attrice, nata a Valladolid, in Castiglia. Inizia la sua carriera partecipando ad alcuni spot pubblicitari e dal 1996 lavora, per tre anni, come testimonial per Lancôme, succedendo ad Isabella Rossellini.

A 22 anni debutta al cinema con Al di là delle nuvole, pellicola d’autore firmata da Michelangelo Antonioni e Wim Wenders. Seguono altri film, tra cui due con il regista italiano Pupi Avati.

Nel 2000 sale sul palco dell’Ariston, affiancando Fabio Fazio nella conduzione del Festival di Sanremo. È ambasciatrice dell’UNICEF e parla quattro lingue: spagnolo, francese, inglese e italiano.

Nati… sportivi

Vincenzo Iaquinta

data di nascita: mercoledì 21 novembre 1979 (41 anni fa)

Vincenzo Iaquinta: Nato a Crotone, è un ex calciatore, campione del mondo 2006. Ha partecipato anche ai Mondiali 2010, arrivando a 40 presenze e 6 gol con la maglia azzurra.

Ha giocato come attaccante di Udinese e Juventus (86 presenze con 30 reti), con una breve parentesi (7 presenze e un gol) a Cesena da gennaio a giugno 2012. Tornato nella rosa bianconera, non è mai stato convocato.

Nel luglio 2014 ha comunicato il ritiro dall’attività agonistica, durante la quale ha segnato 89 reti in serie A.
Il 31 ottobre 2018 ha subito una condanna in primo grado a due anni di reclusione per violazione delle leggi sul possesso di armi.

Jesús Navas

data di nascita: giovedì 21 novembre 1985 (35 anni fa)

Jesús Navas: Nato a Los Palacios y Villafranca (in Andalusia, Spagna) è un calciatore, centrocampista della Nazionale spagnola e, dalla stagione 2013/14 a quella 2016/17, del Manchester City, dove aggiunge al suo palmarès uno scudetto e due Coppe di Lega.

Jesús Navas González gioca nel Siviglia dal 2003 al 2013, vincendo due Coppe e una Supercoppa spagnole e due Coppe UEFA (2006 e 2007), e dall’agosto 2017.

Con le furie rosse è campione del mondo nel 2010 ed europeo nel 2012, e conquista l’argento alla Confederations Cup di Brasile 2013

Eventi Sportivi

Alla Roma l’ultimo derby del Novecento

domenica 21 novembre 1999 (21 anni fa)

Alla Roma l’ultimo derby del Novecento: Il derby capitolino è sempre una partita con caratteristiche uniche, capace di appassionare, anche oltremisura, i tifosi delle due fazioni. Il 21 novembre del 1999 Roma e Lazio scendono in campo per quello che è l’ultimo confronto del secondo millennio.

I laziali hanno i favori del pronostico, sono primi in classifica con 21 punti, mentre i cugini sono quarti, con un ritardo di 5 punti. Dopo appena 31 minuti, però, sono sotto di quattro gol, grazie alle doppiette dei romanisti Del Vecchio e Montella. Solo all’inizio del secondo tempo arriva il gol della bandiera degli ospiti con Mihajlovic.

Sulle panchine sono seduti Capello (Roma) ed Eriksson (Lazio). Tra i calciatori in campo, con la maglia giallorossa Aldair, Cafu, Di Francesco e Totti; con quella biancoceleste Marchegiani, Nesta, Veron, Nedved e Boksic.

La Lazio, comunque, si rifarà vincendo la partita di ritorno per 2 a 1, ma principalmente conquistando il suo secondo scudetto, con la Roma al sesto posto.

Tutti i derby rimangono nella mente dei tifosi, soprattutto se c’è in palio un trofeo o se c’è una sonora vittoria/sconfitta. Il 4 a 1 della stagione 1999/2000 è noto al grande pubblico, per il fatto che il risultato e la data sono segnati su una piccola lavagnetta dietro il bancone della bottiglieria de I Cesaroni, nota fiction Mediaset.

La Pallavolo Ravenna sul tetto del mondo

sabato 21 novembre 1992 (28 anni fa)

La Pallavolo Ravenna sul tetto del mondo: Si è conclusa nelle Marche, a Fabriano, Ancona e Jesi, la seconda edizione della Coppa del Mondo per club di pallavolo femminile. Hanno vinto le italiane de Il Messaggero Ravenna. Al quarto posto si sono classificate le ragazze di Ancona.

I Doodle di Google

René Magritte

21 novembre

René Magritte«Non vediamo che un solo lato delle cose. È proprio l’altro lato che io cerco di esprimere». In questa riflessione di René Magritte c’è la chiave interpretativa della sua peculiare pittura, che muove dal cubismo per approdare presto alle forme surreali e immaginifiche del trompe l’oeil.

Sconvolgere i sensi dello spettatore sovvertendo ogni logica è il fine ultimo dell’artista belga nato il 21 novembre del 1898 e le cui opere sono oggi sparse tra collezioni private e prestigiosi musei (su tutti il MOMA di New York).

Nel 2008, nel centodecimo anniversario della sua nascita, Google gli ha dedicato un doodle globale che richiama due celebri quadri: Il figlio dell’uomo, dove c’è la figura umana con bombetta e vestito (ricorrente in molte opere) che al posto del volto ha una mela verde, e Golconda, in cui la stessa figura umana appare in tanti piccoli cloni simulando una pioggia o un’ascesa verso il cielo, sullo sfondo di un tipico paesaggio belga.

Commenti