Almanacco Del 18 Ottobre

0
147

E’ il 292° giorno dell’anno, 42ª settimana. Alla fine del 2020 mancano 74 giorni

A Roma il sole sorge alle 06:27 e tramonta alle 17:23 (ora solare)
A Milano il sole sorge alle 06:45 e tramonta alle 17:31 (ora solare)
Luna: 8.14 (lev.) 18.44 (tram.)

Santi del Giorno

San Luca (Evangelista)
San Giusto (Martire)
Sant’Isacco Jogues (Sacerdote e Martire)
Santa Alda (Aldegonda, Vergine e Martire)
Santi Procolo, Eutiche e Acuzio (Martiri di Pozzuoli)

San Luca è il protettore di chirurghi, indoratori, lavoratori del vetro, medici, miniaturisti, notai, scrittori e artisti.

Etimologia: Luca, c’é forse un’origine etnica dietro questo diffuso nome, derivante dall’aggettivo latino “lucanus” che indicava un abitante della Lucania.

Proverbio del giorno:
O molle o asciutto, per San Luca semina.

Aforisma del giorno:
Il miglior modo per aiutare i poveri e’ non diventare uno di loro. (L. Hancock)

Sei nato oggi?

La natura ti ha dotato di grande energia, costanza e determinazione che, quasi sempre, dedichi al benessere dei tuoi cari, del partner e dei figli. Anche il lavoro, più che uno strumento di affermazione personale, è per te soprattutto un mezzo per garantire a chi ami sicurezza e tranquillità. La fortuna ti assiste e ti permetterà di riuscire nei tuoi propositi.

Oroscopo quotidiano

Oroscopo di Domenica 18 Ottobre 2020

Accadde Oggi

Pubblicato il libro Cuore

lunedì 18 ottobre 1886 (134 anni fa)

Pubblicato il libro Cuore: Per la casa editrice Treves, in questa data, venne pubblicato a Torino il romanzo Cuore di Edmondo De Amicis, scrittore già apprezzato per racconti, inchieste giornalistiche e resoconti di viaggi.

Perfettamente inquadrato nel clima postunitario, il libro conquistò subito pubblico e critica con il suo spaccato di una piccola Italia fatta di eroismi, buoni sentimenti, amore di patria e rispetto per istituzioni e genitori.
Protagonisti i ragazzi di una terza elementare di Torino, rappresentativi delle varie regioni d’Italia raccontate attraverso le loro personali vicende.

Strutturato in forma di diario, protagonista è l’alunno Enrico Bottini che annota i fatti salienti di ogni giorno, descrivendo quello che accade ai suoi compagni, i racconti mensili del maestro e gli insegnamenti morali dei genitori.

Da queste pagine emergono personaggi memorabili come la maestrina della penna rossa, il perfido “Franti”, il generoso “Garrone”; accanto ai protagonisti dei racconti mensili il “tamburino sardo”, la “piccola vedetta lombarda”, il “piccolo scrivano fiorentino”.

Nella sua prima pubblicazione, Cuore fu ristampato in 40 edizioni e in seguito tradotto in 25 lingue, accolto come testo educativo da far leggere ai ragazzi di ogni generazione. A partire dal secondo dopoguerra, il suo valore pedagogico fu messo in discussione per i toni moraleggianti e il facile sentimentalismo lontano dalla realtà.

Tuttavia ancora oggi è considerato uno dei migliori esempi di letteratura per ragazzi. L’opera deamicisiana ispirò due film (il primo nel 1948 con Vittorio De Sica), uno storico sceneggiato televisivo (prodotto dalla Rai nel 1984) e due cartoni animati della Nippon Animation.

Scipione l’Africano batte Annibale

18 ottobre 0202

Battaglia di Zama. Scipione l’Africano sconfigge Annibale, assicurando la vittoria alla repubblica romana. La battaglia segna la fine della seconda guerra punica e il ridimensionamento di Cartagine quale potenza militare e politica del Mar Mediterraneo.

I cartaginesi, infatti, lasciano sul campo circa 20 mila morti contro i 1500 dei romani. Annibale riesce a sottrarsi al massacro e a mettersi in salvo nella colonia fenicia di Adrumeto.

Si dimette Erich Honecker

18 ottobre 1989

Il leader della Repubblica Democratica Tedesca Erich Honecker, al potere dal 1971, si dimette. Ostile ai processi di democratizzazione portati avanti da Michail Gorbaciov nell’Unione Sovietica e travolto dai cambiamenti in atto nell’Europa dell’est, rinuncia a tutte le cariche che ricopriva.

Il 3 dicembre successivo viene escluso dal partito e indagato per abuso d’ufficio e per alto tradimento da parte della magistratura della DDR.

Nati in questo giorno

Jean Claude Van Damme

data di nascita: martedì 18 ottobre 1960 (60 anni fa)

Jean Claude Van Damme: Tra i grandi del genere “arti marziali”, Jean-Claude Camille François Van Varenberg, in arte Van Damme, è nato a Berchem-Sainte-Agathe, in Belgio, e lavora nel mondo del cinema come attore, regista e sceneggiatore.

Ha studiato arti marziali e con quest’arte, unita al culturismo, è diventato una celebrità in Belgio. Dopo gli inizi da stuntman, ha ottenuto un ruolo da antagonista in “Kickboxers – Vendetta personale” del 1986 e due anni dopo ha raggiunto il successo con Senza esclusione di colpi!.

La sua fama di guerriero si è confermata con pellicole come “Timecop”, “Street Fighter – Sfida finale” e “The Legionary – Fuga all’inferno”. Molto amico di famosi “duri” del calibro di Sylvester Stallone e Chuck Norris, si è dichiarato vegetariano.

Norberto Bobbio

data di nascita: lunedì 18 ottobre 1909 (111 anni fa)
data morte: venerdì 9 gennaio 2004 (16 anni fa)

Norberto Bobbio: Torinese doc, è stato una delle menti più illuminate dell’Italia novecentesca. La sua attività di storico e filosofo rappresenta un elemento cardine per lo studio della storiografia e della filosofia giuridica.

Completati gli studi universitari in Giurisprudenza, lavorò in alcune università italiane come docente di filosofia del diritto e collaborò a diverse riviste scientifiche. Perseguitato dal regime fascista per la militanza in “Giustizia e Libertà”, fu un protagonista della lotta partigiana, per poi riprendere l’attività accademica nel dopoguerra.

Autore di numerosi saggi di filosofia politica, venne nominato senatore a vita nel 1984 dal presidente della Repubblica Sandro Pertini. Scomparve a Torino nel 2004.

Zac Efron

data di nascita: domenica 18 ottobre 1987 (33 anni fa)

Zac Efron: Osannato da milioni di adolescenti, Zachary David Alexander Efron è nato a San Luis Obispo, in California, ed è famoso come attore, cantante e ballerino.

La sua stella si accende in casa Disney, grazie a un film per la TV, High School Musical, trasmesso sul canale a pagamento della celebre casa di produzione. Sempre in televisione compare in serie di successo come “E.R. – Medici in prima linea” (2003), “C.S.I. – Miami” (2005) e “Summerland” (2004-2005).

Nel 2014 è nel cast di “Cattivi vicini”, commedia diretta da Nicholas Stoller, e due anni dopo nel sequel. Tra i film successivi ci sono Baywatch (2017) e Ted Bundy – Fascino criminale (2019).

Nati… sportivi

Martina Navratilova

data di nascita: giovedì 18 ottobre 1956 (64 anni fa)

Martina Navratilova: Nata a Praga (Repubblica Ceca), è un’ex tennista cecoslovacca naturalizzata statunitense, dominatrice del tennis femminile degli anni Ottanta: dal 1978 al 1990 ha conquistato 9 volte il torneo di Wimbledon.

Ha vinto 59 prove del Grande Slam (18 in singolare, 31 in doppio e 10 in doppio misto), l’ultima delle quali, gli US Open 2006 nel doppio misto, vinta all’età di quasi 50 anni.

Lindsey Kildow

data di nascita: giovedì 18 ottobre 1984 (36 anni fa)

Lindsey Kildow: Nata a Saint Paul (Minnesota), è un’ex sciatrice alpina e atleta di punta della Nazionale statunitense. Dalla stagione 2007/08 gareggia come Lindsey Vonn, avendo adottato il cognome del marito, da cui si è separatata nel 2011. Partecipa a quattro Olimpiadi invernali (2002, 2006, 2010 e 2018), vincendo un oro e due bronzi (il secondo ai XXIII Giochi Olimpici invernali di Pyeongchang 2018).

Ai Mondiali vince due ori (discesa libera e super gigante nel 2009), tre argenti e due bronzi (l’ultimo a Sankt Moritz 2017). Conquista quattro Coppe del Mondo (2008, 2009, 2010 e 2012). È l’unica sciatrice ad aver vinto sei Coppe del Mondo consecutive nella stessa specialità (in discesa libera dal 2008 al 2013), conquistandone altre due nel 2015 e nel 2016. In campo maschile solo Ingemar Stenmark la supera con sette coppe consecutive (in slalom e gigante).

Ai Campionati mondiali di sci alpino di Åre 2019 vince la medaglia di bronzo nella discesa libera e conclude la carriera agonistica.

Eventi Sportivi

Beamon vola per 8,90 m

venerdì 18 ottobre 1968 (52 anni fa)

Beamon vola per 8,90 m: Città del Messico, sono in corso i Giochi Olimpici del 1968 ad un’altitudine di circa 2.300 metri sul livello del mare. Molte performance degli atleti possono avvantaggiarsi dell’altura, tra queste quella che vede come protagonista lo statunitense Bob Beamon nel salto in lungo.

È il quarto nell’elenco degli atleti iscritti alla gara. Dopo la rincorsa, lo stacco, il volo e l’atterraggio, tutti comprendono subito di aver assistito ad un evento sportivo memorabile. A riscontrarlo in maniera evidente è il giudice incaricato della misurazione: lo strumento ottico è troppo corto ed è necessario ricorrere ad un decametro a nastro.

Dopo questa operazione, il tabellone luminoso annuncia l’incredibile record, un salto di 8 metri e 90 centimetri (ben 55 centimetri in più del precedente primato), suscitando l’ovazione del pubblico e l’incredulità dello stesso Beamon.

Solo il 30 agosto 1991 (ovvero quasi 23 anni dopo), in occasione dei Mondiali di Tokyo, lo statunitense Mike Powell riesce a saltare a 8,95 metri, battendo quel primato che ancora resiste a livello olimpico e come seconda miglior prestazione mondiale all time.

Mondiali Calcio a 5, Italia terza

sabato 18 ottobre 2008 (12 anni fa)

Mondiali Calcio a 5, Italia terza: Nella finale per il terzo posto ai Mondiali di calcio a 5 che si sono svolti in Brasile, l’Italia, sconfitta in semifinale dalla Spagna, ha battuto la Russia 2 a 1.

Nella finale per il titolo iridato, i padroni di casa hanno superato ai rigori la Spagna. La Nazionale verdeoro di futsal (il nome internazionale del calcio a 5) è diventata campione del mondo per la quarta volta su sei edizioni.

Il Mondiale piloti è di Button

domenica 18 ottobre 2009 (11 anni fa)

Il Mondiale piloti è di Button: Nell’Autodromo José Carlos Pace, nel sobborgo di Interlagos della città di San Paolo in Brasile, si è corsa la penultima gara del 60° campionato mondiale piloti di Formula Uno. Al traguardo, dopo 71 giri, è passato per primo Mark Webber, mentre Felipe Massa ha sventolato la bandiera a scacchi.

Pur arrivando quinto e con una gara di anticipo, è diventato campione del mondo piloti Jenson Button. La sua scuderia, la Brawn-Mercedes, ha vinto il titolo costruttori.

Scomparsi oggi

Thomas Edison

data di nascita: giovedì 11 febbraio 1847 (173 anni fa)
data morte: domenica 18 ottobre 1931 (89 anni fa)

Thomas Edison: Tra i più prolifici (1.093 brevetti registrati a suo nome) e geniali inventori della storia dell’umanità, molte sue scoperte hanno inciso profondamente nel progresso della società.

Nato a Milan, nell’Ohio, e morto a West Orange nel 1931, Thomas Alva Edison crebbe in una famiglia povera, al punto di dover abbandonare gli studi a dodici anni, iniziando a vendere giornali sui treni e dedicandosi nel tempo libero agli esperimenti con apparecchi elettrici e meccanici.

Dopo aver salvato il figlio del capostazione, ottenne il posto di telegrafista presso la stazione, che gli permise di mettere a punto uno strumento telegrafico a ripetizione per la trasmissione automatica dei segnali; la commercializzazione di quest’ultimo gli consentì di aprire (nel 1876) un piccolo laboratorio privato.

Dalla fine degli anni Settanta brevettò le sue invenzioni più importanti: nel 1877 inventò il fonografo, apparecchio per la registrazione meccanica del suono; nel 1879 rese pubblica la sua invenzione di una lampada elettrica e tempo dopo progettò la prima grande centrale elettrica di New York; nel 1891 brevettò il Cinetoscopio, il precursore del proiettore cinematografico.

Con la sua società, la “Edison Electric Light Company”, arrivò a produrre più di centomila lampadine all’anno e in diverse città, come Londra, New York e Milano entrarono in funzione le prime centrali elettriche per la distribuzione dell’elettricità nelle strade e nelle case

Antonio Meucci

data di nascita: mercoledì 13 aprile 1808 (212 anni fa)
data morte: venerdì 18 ottobre 1889 (131 anni fa)

Antonio Meucci: La sua fama di inventore è legata a uno degli “scippi” più clamorosi della storia, di cui, seppur con un ritardo di oltre un secolo, gli è stata resa giustizia.

Nato a Firenze e morto a Staten Island (isola di New York) nell’ottobre del 1889, si appassionò alla chimica e alla meccanica, in particolare alla parte dedicata all’acustica e all’elettrologia, alla “Scuola di Elementi di Disegno di Figura” all’Accademia di Belle Arti. Assunto come macchinista al Teatro della Pergola, qui attrezzò un piccolo laboratorio dove mise a punto un telefono acustico per comunicare all’interno del teatro.

Scritturato insieme alla moglie Maria da una compagnia teatrale attiva a Cuba, qui divenne una sorta di eroe per i preziosi contributi al sistema di disinquinamento dell’acqua e per aver introdotto la galvanostegia, una pratica che permette di ricoprire un metallo non prezioso con un sottile strato di un metallo più nobile per impedirne la corrosione.

Nel 1849, nel corso di esperimenti di elettroterapia, Meucci scoprì la trasmissione della voce per via elettrica e diede al sistema il nome di “telegrafo parlante”, ribattezzato telettrofono. Perfezionò l’invenzione a New York, anche e soprattutto per poter comunicare con la moglie costretta a letto da una grave malattia.

Depositato il caveat (una sorta di brevetto provvisorio) con il titolo “Sound Telegraph” nel 1871, per ristrettezze economiche non riuscì a rinnovarlo a partire dal 1874. Ciò spalancò la strada all’ingegnere scozzese Alexander Graham Bell che nel 1876 ottenne il brevetto del telegrafo elettrico, noto come il primo telefono della storia.

L’episodio aprì una lunga contesa tra Italia e Stati Uniti a colpi di carte bollate e sentenze, risolta in parte nel 2002, quando il Congresso degli Stati Uniti riconobbe la priorità dell’italiano nell’invenzione del telefono. In quel contesto emerse che lo stesso Meucci aveva presentato i suoi disegni all’American District Telegraph, la società per cui lavorava Bell, prima che quest’ultimo depositasse il brevetto.

Tra gli altri brevetti depositati dall’inventore fiorentino: le “Bevande frizzanti” a base di frutta e vitamine, i “Fogli di carta bianca e resistenti”, un “Nuovo modo di fabbricare candele” e gli “Oli per vernici e pitture”.

Giuseppe Panini

data di nascita: lunedì 9 novembre 1925 (94 anni fa)
data morte: venerdì 18 ottobre 1996 (24 anni fa)

Giuseppe Panini: Imprenditore famoso e fondatore, con i fratelli Franco Cosimo e Umberto, della Edizioni Panini, è nato a Pozza di Maranello (frazione del noto centro emiliano), e morto nel 1996 a Modena.

Inizia ad avvicinarsi al mondo dell’editoria tramite la famiglia che acquista un’edicola e nel 1956 fonda un’agenzia di distribuzione di quotidiani: Agenzia Distribuzione Giornali Fratelli Panini. L’idea che lo rende ricco e famoso gli viene per caso: avendo trovato un lotto di vecchie figurine delle “edizioni milanesi Nannina”, le confeziona in bustine bianche con la cornice rossa e le mette in vendita.

Il successo è notevole! Da quel momento la famiglia Panini decide di stampare e vendere le figurine, con i relativi album, ottenendo risultati clamorosi. Tra i suoi meriti, l’istituzione di una scuola per dirigenti d’azienda e di un liceo linguistico.

Prima di morire dona alla città le proprie collezioni di figurine, ricevendo in cambio dall’Amministrazione comunale l’intitolazione di due musei: il Fotomuseo Giuseppe Panini ed il Museo della Figurina.

Commenti