Almanacco Del 18 Novembre 2021

0
246

Oggi giovedì 18 novembre 2021 (08:05)

E’ il 322° giorno dell’anno, 47ª settimana. Alla fine del 2021 mancano 43 giorni.

A Roma il sole sorge alle 07:04 e tramonta alle 16:46 (ora solare)
A Milano il sole sorge alle 07:28 e tramonta alle 16:48 (ora solare)
Luna: 5.58 (tram.) 16.25 (lev.)
Sciame meteoritico delle Leonidi.

Santi del Giorno

Sant’Oddone di Cluny (Abate)
San Frediano di Lucca (Vescovo)

San Noè (Patriarca)

Etimologia

 Noè, il termine proviene dall’ebraico Noah, che significa “consolatore,che porta quiete e riposo”. Si tratta per lo più di una forma francese, spagnola e portoghese di Noa o Noah, ma il nome è celebre per il noto patriarca Biblico che salvò la sua famiglia e tutti gli animali dal diluvio universale, tramite l’arca da lui costruita.

Proverbio del giorno

Chi non semina non miete.

Aforisma del giorno:

La castità è la più pericolosa di tutte le pervesioni sessuali. (George Bernard Show)

Sei nato oggi? 

Sei fantasioso, creativo, aperto alle novità ed ai cambiamenti. Nel lavoro puoi avere molto successo, ma devi tenere a freno la tua individualità e imparare ad essere più collaborativo. La vita amorosa è molto movimentata e solo con la maturità raggiungerai quella stabilità affettiva che, anche se in segreto, rincorri e sogni.

Oroscopo quotidiano

Oroscopo di Giovedì 18 Novembre 2021

Accadde Oggi

Consacrata San Pietro

mercoledì 18 novembre 1626 (395 anni fa)

Consacrata San Pietro: Dopo 120 anni di lavori, cui presero parte i più grandi geni della storia dell’architettura, il più importante tempio della cristianità venne inaugurato ufficialmente: il 18 novembre 1626 papa Urbano VIII consacrò la Basilica di San Pietro.

Sorta nel luogo di sepoltura dell’apostolo Pietro, il progetto di una nuova basilica in luogo di quella voluta dall’imperatore Costantino nel 324 (i cui resti sono oggi visibili nelle Sacre Grotte), fu promosso da Papa Niccolò V verso la metà del XV secolo, ma la posa della prima pietra si ebbe con Giulio II il 18 aprile 1506.

La direzione dei lavori fu affidata inizialmente al Bramante, che optò per la pianta a croce greca con una grande volta centrale e quattro piccole cupole, ma l’ingresso di Michelangelo diede un’impronta diversa all’opera, segnandone per sempre il profilo architettonico e la collocazione nel tessuto urbano di Roma.

Fu il Buonarroti a disegnare l’imponente cupola, oggi considerata un monumento simbolo della Capitale, realizzata dopo la sua morte dal discepolo Giacomo della Porta (tra il 1588 e il 1593). L’ultimo fondamentale ritocco al progetto originario si deve a Carlo Maderno, che prolungò la navata centrale fino all’attuale piazza San Pietro, realizzando una pianta a croce latina, ed eresse la facciata.

Dopo la consacrazione del 1626, intervenne l’insuperabile genio di Lorenzo Bernini a plasmare l’opera sia all’esterno – con il disegno dello spettacolare colonnato che delimita la piazza – che all’interno, con la realizzazione tra gli altri del maestoso Baldacchino di San Pietro che sovrasta l’Altare Maggiore.

Luogo simbolo della fede cattolica e scrigno di opere d’arte senza tempo (come la celebre Pietà di Michelangelo), la Basilica di San Pietro, insieme con l’intero centro storico di Roma, fu riconosciuta nel 1980 Patrimonio dell’Umanità e posta sotto l’egida dell’UNESCO.

Con una media di sette milioni di presenze all’anno, è, insieme al Santuario di Lourdes, al secondo posto nella classifica mondiale dei luoghi della cristianità più visitati (al primo posto c’è Nostra Signora di Guadalupe a Città del Messico).

Nati in questo giorno

Anna Marchesini

data di nascita: mercoledì 18 novembre 1953 (68 anni fa)
data morte: sabato 30 luglio 2016 (5 anni fa)

Anna Marchesini: Umbra di Orvieto, negli anni Ottanta e Novanta è stata una star della TV italiana, prima come componente del celebre Trio comico Marchesini-Lopez-Solenghi, poi come solista. Dal 2011 scrittrice molto quotata.

La formazione di attrice matura a teatro, prima all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio D’Amico dove si diploma nel 1978, poi nella compagnia del Piccolo di Milano. Nel frattempo, dà prova del suo talento eclettico segnalandosi come doppiatrice nel film Il mago di Oz (1980) e in diversi cartoni animati degli anni Ottanta.

L’incontro con Massimo Lopez e Tullio Solenghi dà vita all’efficace Trio comico, che dal 1982 al 1994 è assoluto protagonista del piccolo schermo, in trasmissioni cult come “Domenica In”, “Fantastico” e alcune edizioni di Sanremo. La massima popolarità viene raggiunta nel 1990 con la versione parodistica de I promessi sposi di Manzoni.

Tenuta lontana dai riflettori dall’artrite reumatoide (malattia cronica che colpisce le articolazioni), nel 2011 scopre la sua vena narrativa con il romanzo Il terrazzino dei gerani timidi che vende oltre 60mila copie, al quale seguono Di mercoledì (2012) e Moscerine (2013).

Le peggiorate condizioni di salute la costringono a ricoverarsi all’ospedale di Orvieto, dove scompare il 30 luglio del 2016.

Amanda Lear

data di nascita: sabato 18 novembre 1939 (82 anni fa)

Amanda Lear: Nata ad Hong Kong, è un personaggio tra i più originali e trasgressivi della televisione italiana e francese, sfruttando e giocando in maniera ironica sulla sua presunta transessualità, poi definitivamente smentita.

Ha iniziato la carriera come modella ed ha avuto l’onore di fare da musa ispiratrice al celebre pittore Salvador Dalí. Dopo aver riscosso successi in Germania, Sud America e Giappone come cantante, è arrivata in Italia alla fine degli anni Settanta, lanciandosi come showgirl, prima sulle reti commerciali e poi sulla TV pubblica.

Ricordata come conduttrice di programmi popolari, tra cui “W le donne”, “Il brutto anatroccolo” e “Cocktail d’amore”, in tutta la carriera ha venduto più di quindici milioni di album nel mondo.

Nati… sportivi

Aldo Montano

data di nascita: sabato 18 novembre 1978 (43 anni fa)

Aldo Montano: Se non nel corredo genetico, sicuramente la scherma, in particolare la sciabola, scorre nel sangue dei Montano di Livorno. Una dinastia composta dal nonno, dal padre e da tre cugini di quest’ultimo, tutti vincitori di una medaglia olimpica in gare a squadre.

Aldo Montano è un olimpionico della sciabola individuale ai Giochi Olimpici di Atene 2004, dove conquista anche l’argento nella gara a squadre. Arriva terzo nella gara olimpica a squadre di sciabola sia a Pechino 2008 che a Londra 2012. In Brasile, a Rio 2016, si ferma agli ottavi. A Tokyo 2020, il 28 luglio 2021 partecipa alla conquista dell’argento nella sciabola a squadre. Al termine della gara e a oltre 42 anni annuncia il ritiro dall’attività agonistica.

Ai Mondiali di Catania 2011, sempre nella sciabola individuale, vince l’oro, che si aggiunge ai precedenti argento (2007) e bronzo (2003). Le gare a squadre mondiali arricchiscono il suo palmarès con un oro (nel 2015), cinque argenti (l’ultimo ai Mondiali di luglio 2018) e tre bronzi (l’ultimo a Budapest 2019). Di rilievo anche i successi a livello continentale: un oro individuale (2005) e quattro ori (dal 2009 al 2013) e cinque argenti (l’ultimo nel 2019) in gare a squadre.

Tanti successi sportivi, e la relazione sentimentale con una nota attrice, lo espongono anche mediaticamente; numerose sono infatti le sue partecipazioni a programmi televisivi, inclusi reality, come dal settembre 2021 al Grande Fratello Vip 6.

Ivan Pelizzoli

data di nascita: martedì 18 novembre 1980 (41 anni fa)

Ivan Pelizzoli: Nato a Bergamo, è un ex portiere di calcio. Nel campionato 2014/15 colleziona 12 presenze (subendo 15 reti) con la Virtus Entella, squadra ligure di Chiavari alla sua prima e storica stagione in serie B. Una sola presenza con il Vicenza, dopo il trasferimento di fine marzo 2016. Da fine novembre 2016 a metà giugno 2017 difende la porta del Piacenza in Lega Pro. Un mese dopo, e fino a dicembre, è un portiere del Foggia. Rimasto svincolato, appende i guanti al chiodo.

In precedenza è l’estremo difensore di Triestina, Atalanta, Roma (conquistata nel 2001 la Supercoppa italiana), Reggina, Lokomotiv Mosca, AlbinoLeffe, Padova e Pescara.

Conquista il terzo posto con la Nazionale olimpica (sei le presenze totali) ai Giochi di Atene 2004, mentre sono solo due le apparizioni in quella maggiore.

L’IFFHS (Istituto Internazionale di Storia e Statistica del Calcio), nel redigere la classifica dei migliori portieri del decennio 2001/2010, lo colloca al quarantaquattresimo posto, come Cudicini e preceduto dagli italiani Buffon e Toldo.

Eventi Sportivi

Coppa del mondo di volley, vincono le azzurre

venerdì 18 novembre 2011 (10 anni fa)

Coppa del mondo di volley, vincono le azzurre : La Coppa del mondo di pallavolo è l’omologa della Confederations Cup del calcio, ovvero un trofeo in palio tra le Nazionali vincitrici dei tornei continentali, con la partecipazione delle seconde classificate, di quella organizzatrice e di due invitate dalla federazione internazionale.

Dal 4 al 18 novembre 2011, in Giappone, 12 formazioni si sono contese la nona Coppa di pallavolo femminile. L’Italia per la seconda volta vince il torneo classificandosi al primo posto, seguita da USA e Cina.

Iniziano i Mondiali di futsal

sabato 18 novembre 2000 (21 anni fa)

Iniziano i Mondiali di futsal: In Guatemala comincia il quarto FIFA Futsal World Championship. Alla fase finale del Mondiale per le Nazionali di calcio a 5 non partecipa l’Italia, perché è arrivata seconda nel girone europeo di qualificazione, vinto dal Portogallo.

Al termine delle 40 partite che coinvolgeranno le 16 formazioni partecipanti, sarà la Spagna (campione europeo 1996) a vincere per la prima volta il titolo mondiale, battendo in finale i campioni in carica del Brasile. Occuperanno il terzo e il quarto posto Portogallo e Russia.

I Doodle di Google

Indipendenza del Marocco

18 novembre

Indipendenza del Marocco: In questo giorno i cittadini del Marocco celebrano, con la Festa dell’Indipendenza, la fine del protettorato francese e la riunificazione del paese liberato dalla dominazione colonialista, iniziata nei primi anni del Novecento.

Google l’ha ricordato più volte, pubblicando un doodle locale nel 2008 (con al centro l’ingresso del palazzo reale), nel 2010 (formato da una lanterna e sullo sfondo la Torre di Hassan a Rabat, la capitale del Marocco) e nel 2011 (sagomato alla maniera di un mosaico a piastrelle, tipico degli edifici di Casablanca). Oggi il Marocco è una monarchia parlamentare e conta più di 33 milioni di abitanti.

Angolo Lettura

“Cristo si è fermato ad Eboli” di Carlo Levi

domenica 18 novembre 2012 (9 anni fa)

“Cristo si è fermato ad Eboli” di Carlo Levi: Carlo Levi nel periodo fascista fu confinato in Basilicata e dopo anni, nel 1943, scrisse questo romanzo autobiografico. L’autore ci mostra una realtà arcaica ed esasperata, paradossale nella sua semplicità. Un universo, quello dei contadini lucani, che si svela lentamente con i suoi personaggi, le credenze, le ingiustizie e la profonda umanità che caratterizza questi “non cristiani”, quasi uomini bestia, da qui il titolo “Cristo si è fermato ad Eboli”. Uno tra i passaggi più noti dello scritto spiega in modo eloquente il sentirsi esseri inferiori: Noi non siamo cristiani, non siamo uomini, non siamo considerati come uomini, ma bestie, bestie da soma, e ancora meno che le bestie, i fruschi, i frusculicchi, … perché noi dobbiamo invece subire il mondo dei cristiani, che sono al di là dell’orizzonte, e sopportarne il peso e il confronto. In alcuni punti il racconto è farsesco, in altri tragico, ma è sicuramente una testimonianza importante di un recente passato.

Scomparsi oggi

Marcel Proust

data di nascita: lunedì 10 luglio 1871 (150 anni fa)
data morte: sabato 18 novembre 1922 (99 anni fa)

Marcel Proust: Nato a Parigi e ivi morto nel 1922, scrittore, saggista e critico letterario. La sua opera più importante è il romanzo Alla ricerca del tempo perduto, di oltre tremila pagine suddivise in sette volumi, scritto tra il 1909 e il 1922, fino alla sua morte.

Strutturato come un monologo interiore, il libro ritrae un efficace affresco della società francese d’inizio Novecento, sullo sfondo della quale si sviluppa un percorso autobiografico, nel tentativo di recuperare una dimensione passata attraverso l’arte.

Gli ultimi tre dei sette volumi vennero pubblicati postumi, per la fulminea morte, causata da bronchite, che colpì l’autore il 18 novembre 1922. La salma venne sepolta nel cimitero parigino del Père-Lachaise.

Niels Bohr

data di nascita: mercoledì 7 ottobre 1885 (136 anni fa)
data morte: domenica 18 novembre 1962 (59 anni fa)

Niels Bohr: Scienziato tra i più insigni della Danimarca, con i suoi studi sulla struttura dell’atomo e sulla meccanica quantistica si meritò il Nobel per la Fisica nel 1922.

Nato a Copenaghen e qui scomparso nel novembre del 1962, Niels Henrik David Bohr per un periodo indossò pantaloncini e scarpette, giocando come portiere dilettante nell’Akademisk Boldklub, insieme al fratello (quest’ultimo convocato anche in Nazionale). I problemi matematici lo rapirono dal rettangolo verde, proiettandolo nelle più prestigiose istituzioni scientifiche del suo Paese.

Amico di Albert Einstein, arrivò al Nobel grazie al “modello atomico” pubblicato sulla base delle teorie del chimico neozelandese Rutherford (Nobel per la Chimica nel 1908), in cui dimostrava che gli elettroni si muovono secondo orbite ben definite.

Eletto presidente dell’Accademia reale danese delle scienze nel 1939, a lui è intitolato il Bohrio, elemento chimico indicato con la sigla “Bh”.