Almanacco Del 17 Ottobre

0
157

E’ il 291° giorno dell’anno, 42ª settimana. Alla fine del 2020 mancano 75 giorni

A Roma il sole sorge alle 06:26 e tramonta alle 17:24 (ora solare)
A Milano il sole sorge alle 06:44 e tramonta alle 17:32 (ora solare)
Luna: 6.54 (lev.) 18.09 (tram.)
Perigeo lunare alle ore 1 – distanza: km. 356.925

Santi del Giorno

Sant’Ignazio di Antiochia (Vescovo e Martire)
San Fiorenzo di Orange (Vescovo)
Santi Catervio, Severina e Basso (Martiri)

Etimologia

 Ignazio, la radice etimologica sembra essere ignis, “fuoco”. Varianti del nome: Inigo, Ignacio, Ignatius, Nacho. Ama la ricchezza e spinto dalla sua profonda volontà riesce a scalare il successo. Molto socievole e teme moltissimo la solitudine. In amore è molto passionale ma tende a cambiare spesso partner perché non vuole né sposarsi né avere figli. L’onomastico ricorre il 1° febbraio, il 31 luglio e il 24 ottobre..

Proverbio del giorno

Chi ben dorme non sente le pulci.

Aforisma del giorno

E’ assurdo dividere le persone in buone e cattive. Le persone si dividono in simpatiche e noiose. (O. Wilde)

Oroscopo quotidiano

Oroscopo di Sabato 17 Ottobre 2020

Sei nato oggi?

I nati il 17 ottobre di solito fanno il possibile per atterrare sempre in piedi. Indipendentemente dalle difficoltà e dai pericoli che incontrano sulla loro strada, essi cercano soprattutto di mantenere l’equilibrio, il che potrebbe essere semplice, se non fosse per il fatto che amano tentare la sorte.

L’instabilità può rappresentare il loro peggior nemico, ma molto spesso è una condizione alla quale approdano da soli. Per i nati il 17 ottobre è difficile riuscire a modificare il proprio comportamento, poiché sono spesso vittime dell’orgoglio, come se si ponessero al di sopra delle leggi dell’ordinaria umana esperienza. I nati il diciassettesimo giorno del mese sono governati dal numero 8 (1+7=8) e dal pianeta Saturno. Questo pianeta porta in sé un forte senso di limitazione e restrizione, oltre a sottolineare la tendenza a giudicare.

Oggi è:

La Giornata mondiale del rifiuto della miseria: Il 17 ottobre ricorre la giornata mondiale del rifiuto della miseria. Questa ricorrenza è stata indetta, per la prima volta, nel 1987, a Parigi, quando centomila persone che volevano difendere i diritti umani di ogni paese, condizione e origine, diretti dal padre Joseph Wresinski, si riunirono sul Sagrato dei Diritti dell’Uomo, al Trocadéro.

Accadde Oggi

Al Capone condannato per evasione fiscale

sabato 17 ottobre 1931 (89 anni fa)

Al Capone condannato per evasione fiscale«Approfittatene ora, perché non mi rivedrete per un pezzo». Così Al Capone si rivolse ai cronisti che lo attendevano fuori dal tribunale, dopo che fu emessa nei suoi confronti la sentenza di condanna a 11 anni di carcere per evasione fiscale e al pagamento di un’ammenda di 80mila dollari.

Si chiudeva così la carriera di uno dei più grandi criminali della storia americana. Alphonse Gabriel Capone, noto anche con il soprannome di Scarface (lo “sfregiato”, per una cicatrice che portava sulla guancia sinistra), era stato il capo indiscusso del crimine organizzato nella Chicago degli anni Venti, diventando in poco tempo il “nemico pubblico” numero uno.

Figlio di immigrati italiani (il vero cognome era Caponi, modificato per errore dall’anagrafe statunitense), aveva iniziato prestissimo la carriera di gangster. Astuto negli affari e spietato con i nemici, Big Al riuscì in pieno proibizionismo ad accumulare ingenti ricchezze con il business degli alcolici, grazie alle protezioni politiche di cui godeva.

Ciononostante, per il fisco risultava “nullatenente”, casa e automobile erano intestati alla moglie. Pertanto, vista l’impossibilità a reperire prove per incriminarlo degli omicidi commessi, si decise di incastrarlo proprio sulle tasse.

Ad una squadra di agenti federali del Dipartimento del Tesoro, coordinati da Eliot Ness – noti come gli “Intoccabili” – fu affidato il compito di scandagliare la vita di Capone e dei suoi contabili alla ricerca di un pur piccolo indizio che portasse a lui.
A incastrare il gangster un piccolo foglietto recante il suo nome, su cui fu costruito il piano accusatorio per incriminarlo di evasione fiscale, commessa tra il 1925 e il 1929.

Si arrivò al processo che durò sei giorni e dove la difesa di Capone tentò l’ultima disperata carta corrompendo la giuria: quest’ultima venne cambiata la sera prima della sentenza e per “Big Al” non ci fu scampo. Ebbe il massimo della pena prevista e fu rinchiuso dapprima nel carcere di Atlanta e successivamente in quello di massima sicurezza di Alcatraz.

Qui si ammalò di sifilide, che lo portò a una condizione di demenza e lo consumò fino alla morte, nel gennaio del 1947. Alla sua vita, e in particolare all’episodio del processo, sono stati dedicati numerosi film, tra cui resta celebre Gli Intoccabili del regista Brian De Palma, con Robert De Niro nella parte di Capone.

Nati in questo giorno

Eminem

data di nascita: martedì 17 ottobre 1972 (48 anni fa)

Eminem: Nato a St. Joseph, nel Missouri, è una star della musica rap mondiale, che in oltre vent’anni di carriera ha venduto più di 380 milioni di dischi nel mondo.

Ha partecipato come attore nel film 8 mile, incidendo anche un brano della colonna sonora, Lose Yourself, premiato nel 2003 con l’Oscar per la “miglior canzone originale”.

Apparso sulla scena musicale alla fine degli anni Novanta, con l’album The Slim Shady LP, si è sempre distinto per lo stile provocatorio e per il look alternativo. Tra i suoi successi: “The Real Slim Shady”, “Stan” (cantata in coppia con Dido), “Without Me” e “Love The Way You Lie” (insieme con Rihanna).

Attivo anche come produttore di dischi rap, ad agosto 2013 ha pubblicato il singolo “Berzerk”, per anticipare l’uscita dell’ottavo album, The Marshall Mathers LP 2, premiato ai Grammy Awards 2015 come “miglior album rap dell’anno”. Nel 2017 esce Revival, cui segue l’anno dopo il decimo album in studio Kamikaze. Nel gennaio 2020 pubblica l’album Music to Be Murdered By.

Salvo D’Acquisto

data di nascita: domenica 17 ottobre 1920 (100 anni fa)
data morte: giovedì 23 settembre 1943 (77 anni fa)

Salvo D’Acquisto: Uomo simbolo della secolare storia dell’Arma dei Carabinieri ed eroe nazionale, Salvo D’Acquisto nacque a Napoli da un’umile famiglia del quartiere Vomero.

Arruolatosi nell’Arma a 19 anni, combatté sul fronte libico e, dopo essere rimasto ferito, venne destinato, in qualità di vicebrigadiere, alla stazione dei Carabinieri di Torrimpietra (oggi frazione del Comune di Fiumicino).

Il 23 settembre 1943 andò incontro al suo tragico destino: si autoaccusò dell’attacco esplosivo contro i soldati tedeschi, scagionando 22 persone e facendosi fucilare al loro posto. Un sacrificio eroico che gli valse la medaglia d’oro al valor militare e il titolo di Servo di Dio, riconosciutogli nell’ambito del processo di beatificazione avviato da papa Giovanni Paolo II.

Sepolto nella Basilica di Santa Chiara, a Napoli, ha ispirato alcune trasposizioni cinematografiche, tra cui una pellicola nel 1974 (protagonista Massimo Ranieri) e una miniserie televisiva (2003).

Fabri Fibra

data di nascita: domenica 17 ottobre 1976 (44 anni fa)

Fabri Fibra: Beniamino di migliaia di teenager e amanti del rap, Fabrizio Tarducci, in arte Fabri Fibra, è considerato un po’ l’Eminem italiano, sia per i successi raccolti, sia per i contenuti forti e provocatori dei suoi testi.

Nato a Senigallia, in provincia di Ancona, ha fatto il suo ingresso nel panorama rap underground verso la metà degli anni Novanta, suonando in una band e raggiungendo la notorietà da solista nel 2004 con l’album “Mr. Simpatia”.

Vincitore di 7 dischi di platino e 2 dischi d’oro, raccolti con 7 album, ha tra i brani più popolari: “Applausi per Fibra”, “Bugiardo”, “In Italia” (con Gianna Nannini), Tranne te e “Le donne”.

Nel 2011 si è misurato con la scrittura, pubblicando per Rizzoli il saggio Dietrologia – I soldi non finiscono mai, con la prefazione di Marco Travaglio. S’intitola Fenomeno, il nono album pubblicato nel 2017 e trascinato dall’omonimo singolo.

Arthur Miller

data di nascita: domenica 17 ottobre 1915 (105 anni fa)
data morte: giovedì 10 febbraio 2005 (15 anni fa)

Arthur Miller: Stimato come il maggior drammaturgo americano, attraverso le sue opere portò avanti un’idea di teatro impegnato e perfettamente calato nel contesto storico, offrendo una lettura critica del “sogno americano”.

Nato a New York da famiglia benestante, di origine ebraiche, scoprì la vena di scrittore negli anni Trenta, durante gli studi universitari, esordendo come autore a Broadway nel 1944. I primi consensi li strappò con Erano tutti miei figli (1947), in cui denunciava il cinico affarismo di guerra.

Nel 1949 firmò il suo capolavoro riconosciuto, Morte di un commesso viaggiatore, che gli valse un “Premio Pulitzer” e prestigiosi riconoscimenti in tutto il mondo. Il dramma in due atti racconta il fallimento di una classica famiglia americana, dietro cui si cela la crisi del “mito americano” del benessere a tutti i costi.

Apprezzato anche per altre opere come Il crogiuolo (1953), ispirato alla personale disavventura di vittima del maccartismo, per le sue idee socialiste, e Uno sguardo dal ponte (1955), sulla condizione degli immigrati, fu per molto tempo protagonista delle cronache rosa per la lunga relazione con Marilyn Monroe.

Per quest’ultima scrisse la sceneggiatura de Gli spostati (1961), ultimo film recitato dalla Monroe prima della tragica e misteriosa fine. Autore di diversi racconti e reportage di viaggio, Miller scomparve nel febbraio del 2005.

Kimi Räikkönen

data di nascita: mercoledì 17 ottobre 1979 (41 anni fa)

Kimi Räikkönen: Nato ad Espoo (Finlandia), è un pilota automobilistico. Ha vinto il Mondiale piloti di Formula Uno nel 2007, alla prima stagione con la scuderia di Maranello (terzo nel 2008). È il pilota che ha cominciato a correre in F1 con il più basso numero di gare ufficiali disputate: 23 corse.

Prima delle tre stagioni con la Ferrari ha guidato le McLaren per cinque anni (con due secondi posti nel 2003 e 2005). Dopo due anni nel rally (2010 e 2011), è tornato per correre con la Lotus, arrivando terzo. Ha stabilito il record di 27 gare consecutive a punti, dal Gran Premio del Bahrein 2012 a quello di Ungheria 2013.
Dalla stagione 2014 è tornato con la scuderia del cavallino, classificandosi al 12°, 4°, 6°, 4° e 3° posto nel campionato 2018. L’anno dopo è passato alla scuderia Alfa Romeo Racing, concludendo il Mondiale piloti al dodicesimo posto.

André Villas-Boas

data di nascita: lunedì 17 ottobre 1977 (43 anni fa)

André Villas-Boas: Considerato l’erede di José Mourinho, è soprannominato The Special Two. A 33 anni ha vinto con il Porto l’Europa League 2010/11, diventando il più giovane allenatore a conquistare un trofeo europeo.

Nato ad Oporto (Portogallo), André Villas-Boas è un allenatore di calcio, da marzo 2014 a maggio 2016 sulla panchina dello Zenit di San Pietroburgo, conquistando uno scudetto, una coppa e una Supercoppa nazionali. All’inizio di novembre 2016 diventa il tecnico dello Shangai SIPG, con un compenso di 13 milioni a stagione, fino alle dimissioni del 30 novembre 2017. A fine maggio 2019 diventa l’allenatore dell’Olympique Marsiglia con un contratto biennale.

La sua storia conferma che è un allenatore predestinato. Le prime esperienze di tattica calcistica, come moltissimi giovani nati nel nuovo millennio, maturano tramite i videogiochi. A 17 anni si trova ad avere come vicino di casa il neo allenatore del Porto Bobby Robson. Villas-Boas non esita a lasciare sotto la sua porta messaggi contenenti consigli tattici per riparare a degli errori.

Colpito dalle sue capacità, Robson gli spiana la strada nel mondo dorato del calcio, facendogli subito incrociare José Mourinho, membro del suo staff. Solo due anni dopo, nel 1996 e a 19 anni, è al Barcellona con Robson e Mourinho.

Nel 2001 è commissario tecnico della Nazionale di calcio delle Isole Vergini britanniche, ruolo da cui viene esonerato dopo uno 0-9 contro le Isole Bermude. In seguito è assistente di Mourinho al Porto, al Chelsea e all’Inter.

Nelle prime due società torna poi come tecnico, vincendo i tre titoli portoghesi (scudetto, Coppa e Supercoppa) nella stagione 2010/11. Fa rumore il suo passaggio nella stagione successiva alla squadra inglese, perché i Blues pagano una clausola rescissoria di 15 milioni di euro. Dal luglio 2012 al dicembre 2013 è l’allenatore del Tottenham.

Eventi Sportivi

Fondata l’Atalanta

giovedì 17 ottobre 1907 (113 anni fa)

Fondata l’Atalanta: Nel mese di ottobre del 1907, alcuni studenti liceali fondano la Società Bergamasca di Ginnastica e Sports Atletici “Atalanta”. Atalanta è il nome di una dea della mitologia greca. Nel 1913 nasce la sezione calcio e il 1914 è l’anno del riconoscimento ufficiale della società calcistica.

Negli stessi anni la Società Bergamasca di Ginnastica e Scherma assorbe il Football Club Bergamo e nel marzo 1913 inizia l’attività ufficiale.

La federazione nazionale nel 1919 pone fine, però, alla crescente rivalità tra Bergamasca e Atalanta, imponendo l’esistenza nella città di Bergamo di una sola squadra nella prima categoria. Uno spareggio in campo neutro decide che sarà l’Atalanta a rappresentare i tifosi orobici nel mondo del calcio.

Nel febbraio 1920, comunque, i due sodalizi si fondono, arrivando nel tempo alla definitiva denominazione di “Atalanta Bergamasca Calcio”. Anche la maglia di gioco diventa neroazzurra, prendendo il nero dalla bianconera a fasce dell’Atalanta e l’azzurro dalla Bergamasca.

La storia del sodalizio sportivo è di tutto rispetto: è la squadra di una città non capoluogo di regione con il maggior numero di partecipazioni in serie A, da qui il titolo di “Regina delle Provinciali”; raggiunge la semifinale di Coppa delle Coppe nel 1988 e vince la Coppa Italia nel 1963; conquista 13 promozioni in serie A, di cui sei vincendo il torneo cadetto. Il terzo posto in classifica al termine del campionato 2018/19 costituisce il miglior piazzamento in serie A e qualifica i bergamaschi per la prima volta all’UEFA Champions League. Traguardi che l’Atalanta raggiunge anche nel campionato successivo.

Scomparsi oggi

Fryderyk Chopin

data di nascita: giovedì 22 febbraio 1810 (210 anni fa)
data morte: mercoledì 17 ottobre 1849 (171 anni fa)

Fryderyk Chopin: Maestro del romanticismo musicale, dalle sue immortali melodie trasudano poesia ed eleganza, al punto da meritargli l’appellativo di “poeta del pianoforte”.

Nato a Żelazowa Wola, nel centro-est della Polonia, e morto a Parigi nell’ottobre del 1849, è ricordato tra i più eccelsi compositori e pianisti della storia della musica. Dopo la repressione russa della Rivolta di Novembre (1830), si trasferì con la famiglia in Francia e non ritornerà mai più in patria.

In Francia scrisse le composizioni per pianoforte solista e i due concerti per pianoforte, le più celebri tra le sue opere che si distinguono tecnicamente per la complessità e la grande profondità espressiva. Tra i suoi meriti, l’aver inventato il genere musicale della ballata strumentale e modificato la sonata per pianoforte, la mazurca, il valzer.

La salute cagionevole (soffriva di frequenti attacchi di bronchite purulenta, laringite ed emottisi) lo portò ad una morte precoce, a soli 39 anni.

Muore Beppe Viola

17 ottobre 1982

Muore a quarantatré anni Beppe Viola. Giornalista sportivo alla Rai di Milano dal 1961, conduttore della Domenica Sportiva ai tempi di De Zan e Stagno, autore dell’intervista a Rivera sul tram numero 15, per molti anni tiene una rubrica sulla rivista “Linus”.

Scrive decine di canzoni con Enzo Jannacci, con cui condivide l’infanzia in un cortile di via Lomellina a Milano, fra cui “Quelli che”, e “Vincenzina e la fabbrica” che accompagna il film “Romanzo popolare” del quale Jannacci e Viola sono co-sceneggiatori. E come autore lavora anche per il cabaret, scrivendo testi per attori comici come Cochi e Renato, Boldi, Abatantuono.

Commenti