Almanacco Del 14 Maggio 2021

0
650

Oggi venerdì 14 maggio 2021 (08:03)

E’ il 134° giorno dell’anno, 20ª settimana. Alla fine del 2021 mancano 231 giorni.

A Roma il sole sorge alle 04:51 e tramonta alle 19:22 (ora solare)
A Milano il sole sorge alle 04:52 e tramonta alle 19:46 (ora solare)
Luna: 6.25 (lev.) 22.08 (tram.)

Etimologia

 Mattia, variante di Matteo, deriva dall’ebraico “Matithya”, composto di “matah”, “dono”, e “yah”, “Dio”, con il significato di “dono di Dio”.

Proverbio del giorno

Signor di maggio dura poco.

Aforisma del giorno

Perché in casa mia non ci sono appesi miei dipinti? E’ perché non posso permettermeli. (Pablo Picasso)

Sei nato oggi? 

I nati il 14 maggio sanno riconoscere molto velocemente sia le opportunità presenti sia quelle future. Estremamente moderni e all’avanguardia nella loro visione della vita, hanno un’idea anche di come sarà il mondo tra cento o duecento anni. E tuttavia vivono e lavorano decisamente nel presente; alcuni mostrano un plateale disinteresse nei confronti del passato e, più in generale, nei confronti della tradizione, vista più che latro come una raccolta di cattive abitudini: di conseguenza, ciascuno nel proprio settore, non esitano quasi mai a rompere con metodi tradizionali. Si fidano di più dei loro piani che di ciò che trovano scritto sui libri, a meno che, naturalmente, non siano stati loro stessi a scriverli.

Oroscopo quotidiano

Oroscopo di Venerdì 14 Maggio 2021

Accadde Oggi

Inaugurato il primo teatro stabile italiano

mercoledì 14 maggio 1947 (74 anni fa)

Inaugurato il primo teatro stabile italiano: Con lo slogan «Un Teatro d’arte per tutti», un attore e un impresario teatrale, entrambi non ancora trentenni, fondarono il primo teatro stabile italiano, inaugurando l’idea di teatro come “servizio pubblico”, fortemente radicato sul territorio. Preziosa palestra per generazioni di attori, è ancora oggi un simbolo della cultura italiana nel mondo.

A due anni dalla fine della Seconda guerra mondiale, l’Italia era ancora un paese da ricostruire e le priorità riguardavano la riqualificazione degli edifici abitativi e produttivi insieme al ripristino dei servizi essenziali alla persona (come elettricità, acqua, etc). La discussione che teneva banco in quel periodo verteva sull’opportunità o meno di includere, tra gli interventi d’emergenza, il recupero dei teatri.

In questo contesto s’inserì l’idea rivoluzionaria di due giovani, Giorgio Strehler, attore triestino, e Paolo Grassi, impresario d’arte milanese. Legava i due un’amicizia di vecchia data, cresciuta nel segno del comune amore per il palcoscenico e cementatasi attraverso l’impegno sociale e il dramma vissuto durante la guerra e l’oppressione del regime fascista.

La loro posizione, esposta in un articolo sulla rivista Sipario, aveva come principio cardine la visione del teatro come un «pubblico servizio nato per la collettività», che per questo necessitava di uno sforzo comune per sottrarlo alla dimensione contingente di luogo per pochi eletti, riconsegnandolo alla sua precipua funzione di «strumento di elevazione spirituale e di educazione culturale a disposizione della società».

Ciò implicava la creazione di un’impresa culturale meno vincolata alla logica degli incassi e più attenta alla funzione sociale del teatro. L’obiettivo era di garantire un cartellone di spettacoli di alto livello, rendendolo fruibile a una platea più ampia possibile (comprensiva delle fasce meno abbienti come studenti e media e piccola borghesia) attraverso forme di abbonamento più convenienti.

La traduzione pratica di questi concetti fu la fondazione del Piccolo teatro della Città di Milano, che Strehler e Grassi inaugurarono mercoledì 14 maggio del 1947, nell’ex cinema Broletto di via Rovello (a due passi dal Castello Sforzesco), convertito in sala teatrale da cinquecento posti con delibera della Giunta comunale del 26 gennaio dello stesso anno. Il sipario si alzò per la prima volta sul dramma “L’albergo dei poveri” del drammaturgo russo Maksim Gor’kij.

La sua fondazione segnò la nascita in Italia del primo teatro stabile, di proprietà del Comune e gestito come ente autonomo pubblico, a differenza dei teatri ordinari affidati alla gestione di privati. Diretto dai due fondatori per vent’anni, il repertorio proposto era di livello internazionale e alternava una rilettura dei grandi classici del passato, come Shakespeare e Goethe, al teatro impegnato del primo Novecento, come Luigi Pirandello e Bertold Brecht.

Cavallo di battaglia della programmazione del Piccolo, e suo principale biglietto da visita nel mondo, restò negli anni la commedia in maschera Arlecchino servitore di due padroni di Carlo Goldoni. L’addio di Grassi nel 1972, chiamato a dirigere la Scala, lasciò la guida a Strehler, che nel 1986 vi istituì una scuola di recitazione, destinata a diventare un pilastro fondamentale della formazione teatrale dell’Italia.

Insignito nel 1991 dello status di Teatro d’Europa, il Piccolo venne ampliato alla fine degli anni Novanta e intitolato alla memoria di Strehler, scomparso nel 1997.

Edward Jenner sperimenta il primo vaccino antivaiolo

14 maggio 1796

Il medico inglese Edward Jenner sperimenta la prima vaccinazione antivaiolo. Dando ascolto alle credenze popolari -che credevano nell’immunità dal vaiolo umano per le persone entrate in contatto con il vaiolo bovino- Jenner estrae del materiale da una pustola di vaiolo bovino e lo inocula in un bambino di 8 anni, James Pipps. Il bambino contrae la malattia ma dopo 6 settimane di convalescenza risulta immune verso il vaiolo umano. È una grande scoperta per l’umanità.

Firmato il Patto di Varsavia

14 maggio 1955

Viene firmato il Patto di Varsavia. Il Patto, firmato da Albania, Bulgaria, Cecoslovacchia, Polonia, Romania, Ungheria e Unione Sovietica, prevede una reciproca difesa in caso di aggressione e si contrappone all’Alleanza Atlantica, la NATO. Il mondo viene a trovarsi così diviso in due blocchi ostili. Nel 1956 anche la Repubblica Democratica Tedesca entrerà a far parte del Patto. Il Patto di Varsavia venne sciolto ufficialmente il primo luglio 1991.

Nasce lo Stato d’Israele

14 maggio 1948

Nasce lo Stato d’Israele. La risoluzione 181 delle Nazioni Unite del 29 novembre 1947, sanciva allo scadere del mandato britannico, il 14 maggio 1948, la nascita di due stati sul territorio palestinese: uno arabo e l’altro ebraico. Gli arabi non accettano la risoluzione e così, con una dichiarazione unilaterale di Ben Gurion e dei leader della popolazione ebraica in Palestina, lo stato israeliano nasce con un giorno d’anticipo rispetto a quanto stabilito dalla risoluzione delle Nazioni Unite e 24 ore prima della partenza delle truppe britanniche.

Nati in questo giorno

George Lucas

data di nascita: domenica 14 maggio 1944 (77 anni fa)

George Lucas: Regista tra i più amati dal pubblico, con la celebre saga Star Wars ha inaugurato una nuova frontiera del cinema di fantascienza.

Nato a Modesto, in California, George Walton Lucas Jr. si appassionò alla fantascienza attraverso letture giovanili e serie TV che lo convinsero a studiare cinema alla University of Southern California. Alla fine degli anni Sessanta, con registi del calibro di Francis Ford Coppola, Martin Scorsese e Steven Spielberg dà vita a etichette indipendenti, cercando di contrastare il potere delle grandi case di produzione e dando vita alla cosiddetta Nuova Hollywood.

Dopo il successo di American graffiti, che lo candida all’Oscar per la “miglior regia” nel 1974, riprende il progetto di produrre un kolossal fantascientifico, attraverso una propria casa di produzione, la Lucas Film Limited. Nasce così nel 1977 la saga di “Guerre stellari” che più tardi, tra il 1999 e il 2005, Lucas amplia con tre prequel, creando così un brand miliardario che oggi lo pone tra i cineasti più ricchi al mondo.

Ricordato anche per la saga di Indiana Jones (con protagonista il suo attore feticcio Harrison Ford), realizzata con l’amico Spielberg, nel 1992 riceve l’Oscar alla memoria Irving G. Thalberg.

Mark Zuckerberg

data di nascita: lunedì 14 maggio 1984 (37 anni fa)

Mark Zuckerberg: Da giovane studente a “re Mida” dei social network, è l’uomo che ha rivoluzionato, nel bene e nel male, le relazioni umane di oltre un miliardo di utenti.

Nato a White Plains, nello stato di New York, Mark Elliot Zuckerberg entra ad Harvard per studiare informatica e qui, a 19 anni, mette in pratica un’idea che si rivelerà “epocale”. Affascinato dalla mole d’informazioni personali contenuta negli annuari universitari, decide di trasferirla sul web con il sito Facemash, chiuso dopo pochi giorni per violazione di copyright e privacy.

Il giovane programmatore non demorde e, su invito di tre colleghi di Harvard, prende parte al progetto di rete sociale, HarvardConnection.com, riservato ai soli studenti della prestigiosa istituzione accademica. Furbescamente, sfrutta l’idea per lanciare thefacebook.com, realizzato in collaborazione con Andrew McCollum ed Eduardo Saverin.

È il 4 febbraio del 2004, l’inizio dell’era di Facebook e di un nuovo modo di comunicare tra gli utenti attraverso “mi piace”, “foto profilo” e “post condivisi”. Un successo planetario che lo porta in quattro anni sul tetto del mondo, come il più giovane miliardario esistente.

Proprietario dall’aprile 2012 del social network Instagram e dal gennaio 2014 della popolare applicazione WhatsApp, nel 2020 possiede, secondo una stima della rivista Forbes, un patrimonio di 54 miliardi di dollari (in un anno quasi 8 in meno) ed è il 7° uomo più ricco del mondo.

Valeria Marini

data di nascita: domenica 14 maggio 1967 (54 anni fa)

Valeria Marini: Attrice, showgirl e stilista, è una protagonista delle cronache rosa italiane per i suoi rapporti con personaggi noti, il più recente dei quali si è concluso nel 2014 a meno di un anno dal matrimonio.

Romana di nascita ma originaria della Sardegna, dopo il diploma inizia a lavorare come modella con lo pseudonimo di Lolly. Lanciata a teatro dalla commedia “I ragazzi irresistibili” come attrice “sexy e svampita”, diviene popolare in questo ruolo grazie a Pier Francesco Pingitore che la sceglie come primadonna del Bagaglino.

Protagonista nel 1996 di un calendario sexy (che con tre milioni di copie vendute detiene il record di copie vendute) e del film erotico “Bambola” di Bigas Luna, nel 2005 esordisce anche nel mondo della moda con una propria linea di intimo e una di Prêt-à-Porter.

Nel 2008, firma il libro autobiografico “Lezioni intime”, che anticipa la docu-story del 2009 sulla sua vita privata e artistica, “Essere Valeria”, andata in onda sul canale satellitare Sky. Nel 2010, si cimenta anche nel mondo musicale con un CD contenente la cover di “Volare” di Modugno e con una compilation nella quale canta due canzoni scritte per lei dal cantante, e amico, Gigi D’Alessio. Nel marzo 2018 partecipa, per la terza volta, al reality show “L’isola dei famosi”.

Nati… sportivi

Elisa Togut

data di nascita: domenica 14 maggio 1978 (43 anni fa)

Elisa Togut: Nata a Gorizia (Friuli-Venezia Giulia), è un’ex pallavolista alta 192 cm. Nella stagione 2013/14 conclude la carriera in B1 con la Pallavolo Pinerolo. Dal 1994 gioca, come opposto o schiacciatrice, in diverse società, tra le quali Modena, Busto Arsizio, Jesi e Perugia, vincendo una Supercoppa italiana, una Coppa delle Coppe e una Coppa Cev.

In Nazionale, dal 1999 al 2006, totalizza 305 presenze ed è campionessa del mondo 2002. Nei campionati europei si classifica due volte seconda (2001 e 2005) e una volta terza (1999).

Scomparsi oggi

B.B. King

data di nascita: mercoledì 16 settembre 1925 (95 anni fa)
data morte: giovedì 14 maggio 2015 (6 anni fa)

B.B. King: Nell’olimpo del rhythm and blues, che ha dominato la scena negli anni Cinquanta, c’è sicuramente Riley B. King, nato a Itta Bena, nel Mississippi e conosciuto con il nome d’arte di B.B. King.

Con l’inseparabile “Lucille”, chitarra modello Gibson, ha scritto la storia della musica blues, duettando con i grandi della “musica nera”, come Aretha Franklin, James Brown, Little Richard e Ray Charles, e del rock, quali Eric Clapton, David Gilmour e Mark Knopfler.

Vincitore di 14 Grammy, è stato indicato come il “sesto chitarrista più bravo di tutti i tempi” dalla rivista Rolling Stone. Esibitosi per l’ultima volta al New Orleans Jazz Festival del 2013, nel maggio del 2015 si è spento nella sua residenza di Las Vegas.

Frank Sinatra

data di nascita: domenica 12 dicembre 1915 (105 anni fa)
data morte: giovedì 14 maggio 1998 (23 anni fa)

Frank Sinatra: Leggi The Voice e il pensiero corre subito a lui, a quella che per molti è stata la voce più bella del secolo scorso e a quegli “occhi azzurri” che hanno ammaliato milioni di spettatori al cinema.

Un mito in parte italiano, visto che il padre era siciliano e la madre originaria della Liguria. Nato ad Hoboken, nel New Jersey, e morto a West Hollywood nel 1998, da giovanissimo si arrangiò a fare i lavori più umili, coltivando nel contempo la passione per il canto con una propria band, i “Turk”.

Negli anni Quaranta si costruì la fama di “The Voice”, diventando popolare sul grande schermo come protagonista di musical, grazie a film come Due marinai e una ragazza (1945) e Un giorno a New York (1949), in coppia con il celebre Gene Kelly.

Premiato con l’Oscar di “miglior attore non protagonista” nel 1953 con Da qui all’eternità, dopo un periodo di crisi, negli anni Sessanta, tornò in auge incidendo i cavalli di battaglia più noti, da “Strangers in the Night” a My Way, canzone manifesto della sua carriera, ancora oggi tra le più eseguite al mondo.

Premiato nel 1971 con un secondo Oscar per meriti umanitari, in oltre sessant’anni di carriera vendette 150 milioni di dischi nel mondo, primato che pochi altri possono vantare.