Almanacco Del 12 Novembre

0
279

E’ il 317° giorno dell’anno, 45ª settimana. Alla fine del 2020 mancano 49 giorni.

A Roma il sole sorge alle 06:57 e tramonta alle 16:51 (ora solare)
A Milano il sole sorge alle 07:20 e tramonta alle 16:54 (ora solare)
Luna: 3.07 (lev.) 15.35 (tram.)

Santi del Giorno

San Giosafat Kuncewycz (Vescovo e Martire)
San Livinio (Martire)

San Cuniberto di Colonia (Vescovo)
San Machar di Aberdeen (Vescovo)
San Margarito Flores Garcia (Sacerdote e Martire)
San Nilo il Sinaita (Confessore)
Sant’Emiliano della Cogolla (Monaco)

Etimologia

 Renato, deriva con ogni probabilità da una radice celtica dall’oscuro significato, che ha dato origine al latino “renatus”, “nato a nuova vita”, che conobbe molta fortuna tra le comunità cristiane. Pur essendo oggi estremamente diffuso, è stato per secoli una vera rarità.

Proverbio del giorno

L’oro non compra tutto.

Aforisma del giorno

Beltà e follia vanno spesso in compagnia. (Proverbio)

Sei nato oggi? 

Per sentirti vivo ed essere soddisfatto della tua vita hai bisogno di continue emozioni e preferisci, se occorre, affrontare situazioni difficili piuttosto che ingrigire nel tran tran quotidiano. Nel lavoro sei un ottimo manager o un grintoso imprenditore. In amore sai amare come pochi, ma non sempre le tue scelte sono razionali.

Oroscopo quotidiano

Oroscopo di Giovedì 12 Novembre 2020

Accadde Oggi

Strage di Nassiriya

mercoledì 12 novembre 2003 (17 anni fa)

Strage di Nassiriya : Alle 10,40 (8,40 ora italiana) un camion sfonda la recinzione della base italiana dei Carabinieri a Nassiriya, capoluogo della regione irachena di Dhi Qar, aprendo la strada a un’autobomba caricata con 300kg di esplosivo.

Una potenza altamente distruttiva i cui effetti vengono limitati in parte dal tempestivo intervento del carabiniere di guardia all’ingresso (Andrea Filippa), che riesce a uccidere i due attentatori, impedendo loro di arrivare all’interno della caserma. L’esplosione è tremenda e il bollettino consegna una drammatica strage: 12 militari dell’Arma, 5 dell’Esercito, 2 civili italiani e 9 iracheni (tra cui 4 bambini), cui vanno aggiunti venti feriti più o meno gravi.

La base italiana Maestrale è ridotta a un cumulo di macerie e nel punto in cui è avvenuta l’esplosione si è formato un cratere profondo 8 metri. La notizia arriva in Italia e insieme al cordoglio unanime, montano le prime polemiche sulle reali ragioni che giustificano la presenza italiana in Iraq, sulla base di inchieste giornalistiche che puntano il dito contro la presenza di numerosi pozzi petroliferi nell’area.

Sei giorni dopo si celebreranno a Roma i funerali di Stato davanti a una folla commossa. Le inchieste faranno emergere le responsabilità del gruppo terroristico Al Qaeda e del suo leader Al-Zarqawi, colpevoli di aver reclutato terroristi provenienti da diverse zone. Localmente infatti la popolazione non è ostile, visto che la missione italiana, denominata “Operazione Antica Babilonia”, prevede tra i suoi compiti principali il mantenimento della pace e il ripristino delle infrastrutture.

Tuttavia a questo seguiranno altri attentati nella stessa area, che faranno salire a 28 il numero complessivo delle vittime italiane (su un totale di 50). Ciò spingerà l’opinione pubblica a chiedere insistentemente il ritiro delle truppe italiane, che inizierà a settembre del 2006 e si completerà a dicembre dello stesso anno.

Ai caduti di Nassiriya saranno dedicate vie, piazze ed edifici in tutta Italia, mentre sull’attentato sarà girata una serie televisiva (2007) e un film (2010).

Scoperta la strage di My Lai

12 novembre 1969

Il giornalista indipendente Seymour Hersh pubblica un’inchiesta sul massacro di 347 civili avvenuto in un villaggio nel Nord del Vietnam. Il mondo scopre My Lai e l’orrore di una strage taciuta per un anno dai vertici militari americani.

È il 16 marzo del 1968: dopo uno scontro a fuoco con i Vietcong, il tenente William Calley ordina la rappresaglia. I soldati americani massacrano un intero villaggio, in gran parte donne, vecchi, bambini.

Nati in questo giorno

Grace Kelly

data di nascita: martedì 12 novembre 1929 (91 anni fa)
data morte: martedì 14 settembre 1982 (38 anni fa)

Grace Kelly: Per le cronache rosa era la principessa Grace, nel mondo del cinema è stata un’attrice di straordinario fascino ed eleganza.

Nata a Filadelfia, in Pennsylvania, e morta nel 1982 a Cap-d’Ail, in Francia, iniziò come indossatrice, debuttando sul grande schermo come co-protagonista del western Mezzogiorno di fuoco (1952). Nei due anni successivi si consacrò come attrice, prima con “Mogambo” che le regalò la prima nomination all’Oscar, poi con La ragazza di campagna che le fece conquistare l’ambita statuetta di “miglior attrice protagonista”.

Il thriller si dimostrò il genere a lei più congeniale, recitando in numerose pellicole del “maestro del brivido”, al secolo Alfred Hitchcock: da “Il delitto perfetto” a “Caccia al ladro” (con Cary Grant), passando per “La finestra sul cortile”. Nel 1956, all’apice della popolarità, sposò il Principe Ranieri III di Monaco, ritirandosi dalle scene.

Dall’unione nacquero tre figli: Alberto II di Monaco (sovrano del principato monegasco dal 2005), Carolina e Stéphanie.

Mietta

data di nascita: mercoledì 12 novembre 1969 (51 anni fa)

Mietta: Nata a Taranto e registrata all’anagrafe come Daniela Miglietta, è una cantante che si distingue per la voce di soprano drammatico.

Debutta come attrice, interpretando il ruolo di un’aspirante cantante in uno sceneggiato radiofonico. Nel 1988 partecipa al Festivalbar e l’anno dopo vince il Festival di Sanremo con il brano Canzoni, ricevendo anche il Premio della Critica, il Telegatto d’argento come miglior artista emergente e il Disco d’oro per le oltre centomila copie vendute.

Nel 1990 gareggia tra i big di Sanremo, in coppia con Amedeo Minghi, arrivando al terzo posto con la canzone Vattene Amore. Partecipa poi ad altre edizioni di Sanremo e duetta con molti artisti. Nel 1997 lavora come attrice drammatica in “La Piovra 8”.

Nel 2008 partecipa al “Festival Gaber” e nel 2009 canta a Milano nel concerto delle “Amiche per l’Abruzzo”, per i terremotati dell’Aquila. Nel 2011 inizia anche la carriera di scrittrice pubblicando il suo primo romanzo intitolato “L’albero delle giuggiole”. Due anni dopo riceve il Premio Lunezia per le «qualità musical-letterarie del brano “Dubbi no” e per il talento interpretativo dimostrato nella sua carriera».

Nel 2017 pubblica il secondo romanzo: “Tra l’acqua e l’olio”. A fine giugno 2019 esce il singolo Milano è dove mi sono persa.

Anne Hathaway

data di nascita: venerdì 12 novembre 1982 (38 anni fa)

Anne Hathaway: Americana di New York, è tra i nuovi volti del grande cinema di Hollywood, dove approda recitando nelle pellicole della Disney.

Raggiunta la celebrità con Il diavolo veste Prada nel 2006, l’anno dopo si fa apprezzare interpretando la celebre scrittrice Jane Austen in “Becoming Jane”. Sfiora l’Oscar nel 2009 con il ruolo drammatico della protagonista di “Rachel sta per sposarsi”, conquistandolo nel 2013 come “miglior attrice non protagonista” per Les Miserables di Tom Hooper.

Altri film degni di nota: “Alice in Wonderland” (2010) e “Il cavaliere oscuro – Il ritorno” (2012), in cui veste i panni di Catwoman. Nel 2015 figura nel cast del sequel di “Alice in Wonderland” e della commedia “The intern” (al fianco di Robert De Niro), nel 2018 in “Ocean’s 8”.

Nel 2019 è tra i protagonisti di tre film: Serenity – L’isola dell’ingannoAttenti a quelle due e Dark Waters.
L’anno dopo è la protagonista di Il suo ultimo desiderio e interpreta la strega suprema in Le streghe.

Nati… sportivi

Nadia Comaneci

data di nascita: domenica 12 novembre 1961 (59 anni fa)

Nadia Comaneci: Nata a Oneşti (Romania), è stata una famosa ginnasta. Considerata una delle più brave atlete del XX secolo, è di certo la più grande ginnasta.

Ha ottenuto per prima, a soli 14 anni, il 10 (il massimo punteggio) alle Olimpiadi del 1976 nella gara delle parallele asimmetriche.

Il suo medagliere è ovviamente ricchissimo. Ai Giochi Olimpici (1976 e 1980) ha vinto 5 ori, 3 argenti e 1 bronzo; ai Mondiali (1978 e 1979) 2 ori e 2 bronzi; agli Europei (1975, 1977 e 1979) ha vinto 9 ori, 2 argenti e 1 bronzo. Si è ritirata dall’attività agonistica nel 1984.

Ignazio Abate

data di nascita: mercoledì 12 novembre 1986 (34 anni fa)

Ignazio Abate: Nato a Sant’Agata de’ Goti (in provincia di Benevento), è un calciatore, di ruolo difensore destro, figlio dell’ex portiere Beniamino. A soli 13 anni indossa per la prima volta la maglia del Milan, partecipando ai campionati giovanili. A 18 anni va in prestito al Napoli in serie C.

Nelle stagioni successive gioca a Piacenza, Modena, Empoli e Torino. Dalla stagione 2009/10 torna al Milan, conquistando la stima degli allenatori (prima Leonardo e poi Allegri). Con i rossoneri vince lo scudetto 2010/11 e la Supercoppa 2011. Scaduto il contratto, dal 30 giugno 2019 è un calciatore svincolato.

In Nazionale esordisce l’11 novembre 2011 nell’amichevole contro la Polonia. Conquista in seguito l’argento agli Europei 2012 e il bronzo alla Confederations Cup 2013.

I Doodle di Google

Hua Luogeng

12 novembre

Hua Luogeng: Nel 2011 con un doodle locale, visibile in Cina e ad Hong Kong, Google ha ricordato il 101° compleanno di Luogeng, matematico cinese noto per il suo lavoro su uno dei più vecchi problemi irrisolti nella Teoria dei Numeri: la congettura di Goldbach, esposta dallo studioso tedesco Christian Goldbach ad Eulero nel 1742. Il pensiero di quest’ultimo viene rappresentato in una nuvoletta dov’è scritta la semplice operazione “1+1=?”, che richiama la teoria di Goldbach secondo cui ogni numero pari, maggiore di 2, può essere scritto come somma di due numeri primi.

Nel doodle viene richiamato anche il suo metodo di “coordinamento generale” per raggiungere l’efficienza, che Luogeng spiegò a piccoli scolari portando come esempio le diverse operazioni… per preparare il tè.

Il Mondo degli Animali

Gura di Vittoria

mercoledì 12 novembre 2014 (6 anni fa)

Gura di Vittoria: La gura di Vittoria o “colomba coronata di Vittoria”, nome scientifico Goura victoria, è un uccello appartenente alla famiglia dei Columbidi.

Questo uccello, pur essendo simile ai colombi, ha un aspetto molto elegante. Piume di colore grigio-blu ricoprono il corpo, le ali sono bordate di viola scuro, il petto è decorato da un piumaggio rosso porpora, infine, una cresta signorile, costituita da lunghe piume con punta bianca, decora la testa.

La colomba coronata vive nelle regioni settentrionali della Nuova Guinea, principalmente in zone paludose e in foreste di palme. Mangia molluschi e frutta e passa le giornate prevalentemente sul terreno alla ricerca di cibo. Questo uccello costruisce un grande nido a forma di piattaforma tra i rami degli alberi. Le coppie sono monogame e entrambi i genitori si prendono cura dei piccoli.

Una curiosità è che la guru di Vittoria è uno dei piccioni più grandi del mondo, raggiunge un’altezza di 75 centimetri, senza contare la cresta, e può pesare più di 2 chili e mezzo.

Purtroppo è una specie vulnerabile inclusa nella convenzione CITES, che è la convenzione, firmata a Washington nel 1973, sul commercio internazionale delle specie di fauna e flora minacciate di estinzione.

Scomparsi oggi

Mario Merola

data di nascita: venerdì 6 aprile 1934 (86 anni fa)
data morte: domenica 12 novembre 2006 (14 anni fa)

Mario Merola: Che sia stato il re della sceneggiata non ci sono dubbi, com’è altrettanto indiscutibile che sia uno dei “figli di Napoli” più conosciuti all’estero, in particolare tra gli italiani di Manhattan.

Nato a Napoli e morto a Castellammare di Stabia nel novembre del 2006, figlio di un ciabattino, per sbarcare il lunario iniziò a lavorare come scaricatore di porto, figura che riprese in alcuni suoi film. Durante una festa patronale salì sul palco, spinto dai colleghi, e da lì prese avvio la carriera di cantante, che dopo il primo disco nel 1962 lo portò a viaggiare negli Stati Uniti, chiamato dall’amico Claudio Villa.

Talent scout del celebre Massimo Ranieri, prese parte a numerose edizioni del Festival di Napoli, senza mai vincerlo. Tra gli anni Settanta e Ottanta portò alla ribalta nazionale il genere teatrale della sceneggiata, grazie a pellicole come Zappatore, “Lacrime napulitane” e “I figli… so’ pezzi ‘e core”.

Giulio Carlo Argan

data di nascita: lunedì 17 maggio 1909 (111 anni fa)
data morte: giovedì 12 novembre 1992 (28 anni fa)

Giulio Carlo Argan: Insigne storico dell’arte e accademico, prestato per un periodo alla politica, è stato l’autore di un manuale sulla storia dell’arte su cui si sono formate generazioni di studenti dal dopoguerra ad oggi.

Nato a Torino e scomparso a Roma nel novembre del 1992, Giulio Carlo Argan passò l’intera esistenza a far conoscere e promuovere l’arte in tutte le sue forme, dalla pittura all’architettura. Dalle prove giovanili di pittore passò all’attività di critico per le più eminenti riviste del settore, guadagnandosi con numerosi articoli e pubblicazioni un livello di autorevolezza riconosciuto a livello internazionale.

Come politico entrò nella storia come primo sindaco non democristiano della Roma repubblicana dal 1976 al 1979. Ideologicamente vicino alla Sinistra Indipendente, nelle liste di quest’ultima venne eletto al Senato nel 1983 e 1987.

Muore Guido Piovene

12 novembre 1974

Muore a Londra Guido Piovene, scrittore e giornalista. Nato nel 1907, lavora come inviato dalla Germania, da Londra e da Parigi, prima per L’Ambrosiano e poi per il Corriere della Sera. Passa poi a La Stampa con cui collabora fino al 1974, quando accetta di collaborare alle pagine culturali de il Giornale Nuovo diretto da Montanelli.

La narrativa di Piovene, a partire dai racconti de “La vedova allegra” conserva in tutte le sue opere un moralismo acuto e amaro, sullo sfondo di una provincia veneta descritta nei suoi costumi, dominati da una rigida tradizione cattolica estremamente repressiva. “Lettere di una novizia” del 1941 è considerato il suo capolavoro.

Commenti