Almanacco Del 10 Ottobre 2021

0
334

Oggi domenica 10 ottobre 2021 (07:57)

E’ il 283° giorno dell’anno, 42ª settimana. Alla fine del 2021 mancano 82 giorni.

A Roma il sole sorge alle 06:18 e tramonta alle 17:36 (ora solare)
A Milano il sole sorge alle 06:34 e tramonta alle 17:45 (ora solare)
Luna: 11.02 (lev.) 20.19 (tram.)

Santi del Giorno

San Daniele e compagni (Martiri a Ceuta)
San Giovanni Leonardi (Sacerdote)

San Daniele Comboni (Vescovo)
San Cerbonio (Cerbone) di Populonia (Vescovo)
San Gereone e Compagni (Martiri)
Santi Eulampio ed Eulampia (Martiri)
Sant’Alderico (Arcivescovo di Sens)

Etimologia

Daniele, il nome deriva dall’ebraico Daniy’el, composto da dan “ha giudicato”, oppure da dayan “giudice”, e la forma abbreviata ‘el di ‘elohim “Dio”; il significato è quindi “Dio ha (così) giudicato” o “il mio giudice è Dio”. Daniele fu un profeta biblico a Babilonia e viene ricordato per essere stato gettato nella fossa dei leoni dal re persiano Dario, ma da cui miracolosamente ne uscì illeso. Il nome in Italia è piuttosto popolare tra i nuovi nati malgrado abbia subito negli ultimi anni una costante decrescita. Non appare nelle ultime classifiche dei nomi più utilizzati negli altri paesi del mondo.

Proverbio del giorno

Anche le mucche nere dànno il latte bianco

Aforisma del giorno

Sapevamo che la sola durevole felicità che ci è concessa è la morte. Ma se ne è fatto un tale parlare, che ora la detestiamo. (Ennio Flaiano)

Sei nato oggi? 

I nati il 10 ottobre tendono ad essere prudenti nelle questioni finanziarie e nei rapporti d’affari in generale. Normalmente molto esperti a trattare il denaro e gli investimenti, considerano il denaro non solo una ricompensa per il loro lavoro, ma anche una spia per valutare se stanno navigando in buone acque. I nati in questo giorno sono molto acuti e analitici e , anno dopo anno, si dimostrano di garantire un’amministrazione regolare dei propri affari, della famiglia e degli organismi in cui operano. Il loro giudizio su questioni amministrative è quasi sempre attendibile e, dal momento che l’amministrazione è quasi un dio per loro, di solito sono molto affidabili in questo senso.

Oroscopo quotidiano

Oroscopo di Domenica 10 Ottobre 2021

Accadde Oggi

Primo Nobel a un italiano

mercoledì 10 ottobre 1906 (115 anni fa)

Primo Nobel a un italiano«non solo in riconoscimento dei suoi profondi insegnamenti e ricerche critiche, ma su tutto un tributo all’energia creativa, alla purezza dello stile ed alla forza lirica che caratterizza il suo capolavoro di poetica». Con questa motivazione, nel 1906, l’Accademia svedese assegnò il “Premio Nobel per la Letteratura” a Giosuè Carducci.

Il poeta, originario del lucchese (nacque a Valdicastello, frazione del comune di Pietrasanta) fu il primo italiano a vedersi attribuito il prestigioso riconoscimento istituito nel 1901. A Carducci, che si spegnerà quattro mesi dopo, venne innanzitutto reso merito della preziosa opera di critica letteraria e di erudizione, che influenzerà generazioni di scrittori e insegnanti.

Dalle Rime Nuove alle Odi Barbare la sua poesia fu sempre improntata alla massima purezza e solennità di stile, in ciò rinverdendo l’eredità dei classici greci e latini e della lirica rinascimentale.

La sua fu anche letteratura di impegno e di contestazione politica per il tradimento degli ideali risorgimentali. Eletto al Senato nel 1890, si batté soprattutto in favore degli insegnanti e per il ruolo centrale della scuola nella società italiana.

Il Nobel per la Letteratura è stato assegnato altre cinque volte all’Italia: Grazia Deledda (nel 1926, prima e unica donna italiana a riceverlo), Luigi Pirandello (1934), Salvatore Quasimodo (1959), Eugenio Montale (1975) e Dario Fo (1997).

Ritrovato il memoriale di Aldo Moro

10 Ottobre 1990

Milano, via Monte Nevoso. A dodici anni di distanza dalla prima irruzione nell’appartamento al civico 8, viene ritrovato il memoriale di Aldo Moro. Si tratta delle fotocopie degli originali scritti dal presidente della Democrazia Cristiana nei giorni del suo sequestro ad opera delle Brigate Rosse. I documenti, i verbali le e lettere di Moro si trovano all’interno di una intercapedine nel muro. Il pannello non viene notato dagli uomini dei Nuclei speciali dell’Arma durante la prima irruzione dell’ottobre del 1978 e viene scoperto nel corso di lavori di ristrutturazione all’interno dell’appartamento.

Nati in questo giorno

Giuseppe Verdi

data di nascita: domenica 10 ottobre 1813 (208 anni fa)
data morte: domenica 27 gennaio 1901 (120 anni fa)

Giuseppe Verdi: Nato a Roncole Verdi (frazione di Busseto, in provincia di Parma) e morto a Milano nel 1901. È stato uno dei più grandi compositori di sempre, autore di melodrammi famosi in tutto il mondo.

Pur provenendo da una famiglia umile e disagiata, Giuseppe Verdi riuscì ad intraprendere la carriera che desiderava. Eletto deputato nel primo Parlamento dell’Italia Unita, il carattere schivo e timido lo portò a condurre una vita semplice.

Il “cigno di Busseto” (come viene ricordato) compose moltissime opere, ancora oggi eseguite nei templi della lirica mondiale, su tutte l’Aida e il Nabucco, di cui fa parte il celebre coro del Va, pensiero, divenuto un inno di liberazione durante il Risorgimento e tuttora eseguito insieme all’inno di Mameli in alcune occasioni ufficiali.

Antonio Albanese

data di nascita: sabato 10 ottobre 1964 (57 anni fa)

Antonio Albanese: Nato a Olginate, in provincia di Lecco, ma di origini siciliane, lavora nel mondo dello spettacolo come attore e comico.

Formatosi alla “Civica Scuola d’Arte Drammatica” di Milano, esordisce nel cabaret al teatro Zelig, storica fucina di comici, presentando una galleria di personaggi (come Epifanio ed Alex Drastico) che nel 1993 lo rendono celebre grazie alla trasmissione televisiva Mai dire gol.

Nel cinema si dimostra abile anche in ruoli seri, dando le migliori prove in “Vesna va veloce” (1996) di Carlo Mazzacurati e Uomo d’acqua dolce (1997), con cui debutta alla regia.

Dopo il successo del personaggio Cetto La Qualunque, protagonista della pellicola “Qualunquemente”, nel 2013 Gianni Amelio lo vuole come attore principale de “L’intrepido”, presentato alla 70ª edizione della Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia e con cui conquista il Globo d’oro come “miglior attore”.

Nel 2016 recita nella commedia L’abbiamo fatta grossa, diretta e interpretata da Carlo Verdone. Nei due anni successivi seguono le pellicole Come un gatto in tangenziale e Contromano, del quale firma anche la regia. Nel dicembre 2020 arriverà il sequel Come un gatto in tangenziale – Ritorno a coccia di morto.

Harold Pinter

data di nascita: venerdì 10 ottobre 1930 (91 anni fa)
data morte: mercoledì 24 dicembre 2008 (12 anni fa)

Harold Pinter: Drammaturgo tra i più valenti del secondo Novecento, dopo Samuel Beckett, che prese a modello, è l’autore più rappresentativo del cosiddetto teatro dell’assurdo.

Nato a Londra e qui scomparso nel dicembre del 2008, mosse i primi passi nella poesia passando poi alla scrittura e alla recitazione teatrale. Consacrato da successi come The Caretaker (1960), nelle sue commedie si ripete costantemente il passaggio da un’iniziale condizione di normalità al caos più totale, con i personaggi condannati dai loro stessi comportamenti assurdi.

Autore prolifico, scrisse per la radio, la TV e il cinema, denunciando a partire dagli anni Settanta le violazioni dei diritti umani e condannando diverse guerre combattute dagli USA, ultima quella in Iraq del 2003. Nel 2005 ottenne l’ambito Nobel per la Letteratura, riconosciutogli «perché nelle sue commedie scopre il baratro che sta sotto le chiacchiere di tutti i giorni e spinge ad entrare nelle stanze chiuse dell’oppressione»

Nati… sportivi

Alberto Cisolla

data di nascita: lunedì 10 ottobre 1977 (44 anni fa)

Alberto Cisolla: Nato a Treviso, è un campione di pallavolo di 197 cm. È stato uno schiacciatore di Treviso, Macerata, Roma, Latina, Vibo Valentia e Ortona. Dalla stagione 2015/16 è andato a Brescia, che partecipa al campionato di A2.

In carriera ha vinto 7 scudetti, 4 Coppe Italia, 3 Champions League. In 10 anni di Nazionale ha vinto l’argento alle Olimpiadi di Atene 2004 e l’argento agli Europei del 2005, dov’è stato premiato come miglior giocatore del torneo (MVP).

Edoardo Reja

data di nascita: mercoledì 10 ottobre 1945 (76 anni fa)

Edoardo Reja: Nato a Lucinico, frazione di Gorizia (ma comune autonomo fino al 1927), è un ex calciatore italiano di origine slovena e poi allenatore. Edy Reja, com’è più noto, è stato un centrocampista, dal 1963 al 1977, di Spal, Palermo, Alessandria e Benevento.

Da allenatore ha guidato Cosenza, Brescia, Torino, Vicenza, Cagliari, Napoli e Lazio. Dal marzo 2015 al maggio 2016 è stato il tecnico dell’Atalanta. Per le qualificazioni a Euro 2020 dall’aprile 2019 è il commissario tecnico della Nazionale albanese.

Eventi Sportivi

L’Italvolley è quarto ai Mondiali

domenica 10 ottobre 2010 (11 anni fa)

L’Italvolley è quarto ai Mondiali: Dopo aver vinto tre mondiali consecutivi (90, 94, 98), la Nazionale italiana di pallavolo non sale sul podio per la terza volta. Ai due quinti posti del 2002 e del 2006, è seguito il quarto posto di questi XVII Mondiali organizzati in Italia, in dieci diverse località (tra le quali Ancona, Catania, Firenze).

Gli azzurri, infatti, hanno perso per 3-1 contro la Serbia nella finale per il terzo posto. Il titolo iridato è stato vinto dal Brasile, terzo successo consecutivo, che ha battuto in finale per 3-0 la Nazionale cubana.

Nei successivi Mondiali in Polonia, nel settembre 2014, l’Italia si classifica al 13° posto, posizione migliore solo del deludente piazzamento del 1982, quattordicesimo, dopo l’argento del 1978. Nell’edizione 2018 in Italia e Bulgaria, l’Italvolley ferma la sua corsa al quinto posto.

I Doodle di Google

Giuseppe Verdi

10 ottobre

Giuseppe Verdi: Un altro doodle tutto italiano! Nel 2009 con un doodle locale, Google commemora la nascita del celebre compositore italiano nato, appunto, il 10 ottobre (nel 1813). Nell’immagine oltre ad essere rappresentati elementi che ricordano le sue opere (come lo spartito o il violino), troviamo lo stesso Giuseppe Verdi raffigurato così come è impresso nella memoria di molti (con cappello, sciarpa, baffi e barba bianca).

Scomparsi oggi

Orson Welles

data di nascita: giovedì 6 maggio 1915 (106 anni fa)
data morte: giovedì 10 ottobre 1985 (36 anni fa)

Orson Welles: Regista tra i più geniali della storia del cinema, di cui innovò il linguaggio mostrando nel contempo le infinite possibilità dei mezzi di comunicazione.

Nato a Kenosha, nel Wisconsin, e morto ad Hollywood nell’ottobre del 1985, mosse i primi passi “artistici” con il teatro, andando poi incontro alla celebrità grazie alla radio, dove nel 1938 mandò nel panico migliaia di ascoltatori durante il programma “Mercury Theatre on the Air”: leggendo alcuni passi de La guerra dei mondi, romanzo di fantascienza di H. G. Wells, fece credere a molti che la Terra fosse realmente sotto attacco di extraterrestri.

Il suo sconfinato talento di regista e attore si espresse in Quarto potere (1941), premiato con l’Oscar per la “miglior sceneggiatura originale” e considerato dalla critica “il più bel film della storia del cinema”. Ad esso seguirono altri capolavori, quali Macbeth (1948), Otello (1952), L’infernale Quinlan (1958), Il processo (1962), che nel 1971 lo condussero verso l’Oscar alla carriera.

Yul Brynner

data di nascita: domenica 11 luglio 1920 (101 anni fa)
data morte: giovedì 10 ottobre 1985 (36 anni fa)

Yul Brynner: Nato a Vladivostok, nella Russia Orientale, il vero nome era Julij Borisovič Bryner, americanizzato in Yul Brinner quando iniziò la carriera di attore cinematografico.

A sette anni dal debutto sul grande schermo, raggiunse la fama con il ruolo del re del Siam in Il re ed io (1956), per cui ottenne l’Oscar come “miglior attore protagonista”. Nello stesso anno interpretò quello che, forse, è il suo personaggio più popolare: il faraone Ramesse II nel colossal I dieci comandamenti di Cecil B. DeMille.

Ricordato anche per la partecipazione nel noto western I magnifici sette (1960), scomparve il 10 ottobre 1985 e venne sepolto nel cimitero francese di Saint-Michel-de-Bois-Aubry.

Édith Piaf

data di nascita: domenica 19 dicembre 1915 (105 anni fa)
data morte: giovedì 10 ottobre 1963 (58 anni fa)

Édith Piaf: La Marsigliese sta al popolo francese, come lei sta alla storia della canzone transalpina… un monumento nazionale! “Madame passerotto” (traduzione del francese “piaf”), così soprannominata per il fisico minuto e la straordinaria abilità vocale nel passare dai toni dolci a quelli più aspri, compose e interpretò brani memorabili, divenuti colonne sonore dello spirito indomito e passionale di Parigi e della Francia intera.

Nata al civico 72 di Rue Belleville, quartiere operaio di Parigi, da due artisti di strada, Édith Giovanna Gassion visse un’infanzia travagliata, dalle condizioni di degrado familiare (fu allevata dalla nonna paterna, tenutaria di un bordello) e da una grave patologia agli occhi. Insieme al padre, contorsionista, a otto anni cominciò a esibirsi in strada dimostrando tutta la potenza della sua voce.

Nel 1936 registrò la prima canzone, Les Mômes de la cloche, e con il nome d’arte Edith Piaf cominciò a imporsi nel panorama nazionale come interprete anticonformista e passionale, costruendo il mito dell’«usignolo» che, dagli anni Quaranta ai Sessanta, avrebbe incantato le platee di tutto il mondo. Dall’immortale La vie en rose (1946) alla grintosa Non, je ne regrette rien (1960), cantò l’amore per gli uomini e la vita, vissuta senza rimpianti e con la capacità di ripartire ogni volta da zero.

Talent scout di artisti di fama internazionale, quali Charles Aznavour e Leo Ferré, fu molto amata nell’ambiente dello spettacolo (la grande attrice Marlene Dietrich le fece da testimone di nozze). Consumata dall’artrite reumatoide e dall’abuso di antidepressivi, fu stroncata da un aneurisma a Grasse, il 10 ottobre del 1963. Alla sua vita è dedicato il film La vie en rose, diretto da Olivier Dahan, premiato nel 2008 con due Oscar.