Allevamento di cani smantellato in Corea del Sud

0
176

La parola che i volontari di Humane Society International hanno usato appena entrati nell’allevamento di cani è una sola: scioccante. E’ accaduto in Corea del Sud. Scopriamone di più.

Allevamento di cani salvati dal macello: cosa è successo?

L’Organizzazione Internazionale per la Salvaguardia Animale ha effettuato un’operazione di salvataggio in un allevamento di cani. Per documentare ciò che hanno visto e trovato, hanno girato delle immagini. Il luogo è Gimpo, nella provincia di Gyeonggi. Un gruppo animalista locale, LIFE, in collaborazione con l’Humane Society e alcuni funzionari regionali, stava seguendo le tracce di un allevamento illegale. Le informazioni davano i cani detenuti in condizioni disumane, così è scattato l’intervento. E ciò che si sono trovati davanti, come detto, è stato definito scioccante, pure se alla fine gli animali sarebbero stati mandati al macello.

Cani detenuti

I cani detenuti erano circa un centinaio, tutti di razze diverse: barboncini, jindos, yorkshire, terrier, chihuahua, schnauzer, pomerani, tra gli altri. Molti erano chiusi in gabbie minuscole, altri già morti, i corpi abbandonati a terra. Alcuni cani, a detta del gruppo, presentavano già segni di cannibalismo.

Qual è la situazione adesso?

Pare che l’allevatore, sorpreso dal team, abbia cercato di giustificarsi. Secondo le sue parole, le precarie condizioni economiche non gli permettevano di sfamare tutti gli animali: da cui il problema del cannibalismo, l’unico mezzo che i cani avessero di nutrirsi.Dopo il blitz, e il conseguente salvataggio dei cani, l’allevamento è stato chiuso e il terreno riqualificato. Ad oggi, Humane Society International in Corea del Sud ha fatto chiudere almeno diciassette allevamenti di carne di cane.

Hidden: Animals in the Anthropocene

Commenti