Alleato di Rudy Giuliani accusato di essere una spia russa

Il Dipartimento del tesoro americano ha annunciato che verranno imposte delle sanzioni ad un parlamentare ucraino che ha stretti legami con Rudi Giuliani, l'avvocato personale di Trump

0
221
Alleato di Rudy Giuliani

Andrii Derkach, alleato di Rudy Giuliani, è accusato di essere una spia Russa. Sarebbe coinvolto nell’ingerenza elettorale da parte di Mosca nelle elezioni USA 2020. Il nome di Derkach è collegato a Giuliani anche per il coinvolgimento nel trovare prove per screditare il candidato democratico Joe Biden.

Alleato di Rudy Giuliani è una spia russa

In America ancora una volta si collegano collaboratori del presidente Donald Trump con la Russia. Questa volta è coinvolto Rudy Giuliani, ex sindaco di New York City nonché avvocato personale del Presidente. Infatti, Giuliani sarebbe collegato al nome di Andrii Derkach, un parlamentare ucraino accusato di essere una spia russa.

Andrii Derkach è un ex membro del partito filo-russo in ucraina. E’ apparso su tutti i giornali quando, l’anno scorso ha incontrato in Ucraina Rudy Giuliani per raccogliere materiale anti-Biden. Inoltre Derkach è stato accolto con molto entusiasmo da molti legislatori repubblicani alleati di Trump e da media di destra come OANN. Il parlamentare ucraino è anche accusato dai democratici di aver inviato del materiale anti-Biden sia al presidente del Senato per la sicurezza interna, Ron Johnson, sia al rappresentante Davin Nunes. Secondo i Dem questo materiale arriverebbe dal governo russo con l’intento di screditare il rivale di Trump.

Ora, Derkach è accusato di essere una spia russa coinvolta negli sforzi di interferenza del governo di Mosca nelle elezioni presidenziali del 2020.

Il 7 agosto, il massimo funzionario della comunità di Intelligence, William Evaninia, ha dichiarato che la Russia lavora attivamente per denigrare Joe Biden. Inoltre ha accusato Derkach di diffondere false accuse di corruzione per minare la candidatura di Biden e il Partito Democratico.

Il Dipartimento del Tesoro ha affermato che Derkach ha avviato una campagna di influenza segreta da anni. Tale campagna sarebbe incentrata sul diffondere narrazioni false e infondate su funzionari statunitensi. In particolare vorrebbe far aprire delle indagini sulla corruzione in Ucraina e negli USA.


Il rapporto bipartisan del Senato collega la campagna di Trump con la Russia


Le dichiarazioni di Steve Mnuchin

Il segretario del Dipartimento, Steve Mnuchin, ha dichiarato: “Andrii Derkach e altri agenti russi utilizzano manipolazioni e inganni nel tentativo di influenzare le elezioni negli USA e in altre parti del mondo”. Ha inoltre aggiunto: “Gli USA continueranno a utilizzare tutti gli strumenti a disposizione per contrastare queste campagne di disinformazione russe e sostenere l’integrità del sistema elettorale”.

Mnuchin ha inoltre affermato che Derkach sarà sanzionato. I suoi beni saranno bloccati e i qualsiasi cittadino americano non potrà più trattare con lui.

In passato già altri 3 cittadini russi sono stati sanzionati, Artem Lifshits, Anton Andreyev e Darya Aslanova. L’accusa per loro è di fabbricare troll russi con lo scopo interferire nelle elezioni americane.

Il presidente Trump, tuttavia, continua a rifiutare di riconoscere le interferenza russe. Pochi giorni dopo che la comunità di Intelligence ha riferito della propaganda Russa di Derkach, Trump ha twittato il materiale di Derkach affermando che si trattava di materiale molto interessante.

Commenti