Alleanze iraniane minacciano interessi statunitensi e israeliani

0
309
Alleanze iraniane

Nelle ultime settimane, nell’Asia sud-occidentale è cresciuto un rapporto collaborativo che ha serie implicazioni geo-strategiche preoccupanti sia per gli Usa che per Israele. Le alleanze iraniane con Cina e Russia minacciano, per ora in maniera indiretta, interessi statunitensi e israeliani nella regione. Rapporti nati da decenni di pragmatismo geopolitico e da una politica non condivisa dall’Occidente, Cina e Iran stanno lavorando per formare un patto strategico di 25 anni. Mentre allo stesso tempo Teheran ha annunciato l’intenzione di estendere un accordo ventennale con Mosca.

Alleanze iraniane riaffermano vecchie relazioni

L’impatto geo-strategico di queste relazioni su Usa e Israele potrebbe avere implicazioni di vasta portata. Le relazioni dell’Iran con la Russia e la Cina non sono nuove. Negli anni ’80, la Cina ha fornito all’Iran armi e attrezzature militari durante la guerra Iran-Iraq e rimane un investitore a lungo termine sia nelle infrastrutture iraniane che nel settore energetico. Inoltre, l’Iran è un avamposto chiave nel sud-ovest asiatico dell’iniziativa cinese One Belt One Road Initiative. Allo stesso modo, poiché la Russia si occupa delle sanzioni americane, ha poco da perdere dall’impegno con Teheran nel settore del petrolio e del gas, dell’aviazione e dell’esercito – anche indicando la sua volontà di vendere armi avanzate all’Iran quando l’embargo sulle armi dell’ONU scadrà il 18 ottobre 2020.

Russia e Cina in sostegno all’Iran

Innanzitutto, il riaccendersi di questo matrimonio di convenienza tra Iran, Russia e Cina fornisce a Teheran una rete di sicurezza contro le sanzioni economiche imposte dagli Usa. Sia la Russia che le recenti manovre della Cina in Ucraina e a Hong Kong hanno dimostrato il loro impegno a ridurre l’influenza dell’Occidente. Azione politica a sostenere l’Iran di fronte a una campagna di pressione condotta dagli Usa.

Alleanze iraniane con Russia e Cina per indebolire sanzioni contro Iran

Da un punto di vista americano e israeliano, questa nascente amicizia a tre potrebbe significare un indebolimento delle sanzioni contro l’Iran. Gli sforzi della Cina per collaborare con Iran dimostrano l’importanza dell’Asia sud-occidentale per la Cina. Un interesse cinese nel rafforzare i rapporti attraverso una strategia che enfatizza la pace per lo sviluppo rispetto alla pace democratica.

Resistere alle sanzione statunitensi

Iran è attualmente sostenuto da un crescente stimolo economico cinese. Una soluzione per ottenere un sollievo a breve termine dalle sanzioni. L’alleggerimento di Teheran dalle sanzioni a breve termine potrebbe portare indirettamente al controllo a lungo termine della Cina sui porti iraniani e, di default, sullo Stretto di Hormuz. Ciò consoliderebbe l’impronta della Cina nella regione per decenni. Questi passi avrebbero implicazioni significative per la sicurezza di Israele e degli Usa.

Liberarsi dalla dipendenza energetica saudita

Inoltre, la Cina sta cercando di ampliare le sue risorse energetiche attraverso accordi petroliferi con l’Iran. Poiché l’Arabia Saudita è attualmente il maggiore fornitore di petrolio greggio alla Cina e uno dei principali alleati degli Usa in Medio Oriente. Il crescente rapporto ritrovato della Cina con l’Iran potrebbe ridurre la dipendenza della Cina dal petrolio saudita. La crescente alleanza Iran-Cina-Russia offre all’Iran l’opportunità di ridurre l’impatto delle sanzioni statunitensi. Nonché a migliorare la capacità dell’Iran nel continuare a sviluppare un economia indipendente nella regione.


Cina e Iran due paesi sempre più vicini


Risposta USA-Israele

Nonostante la notizia del crescente rapporto dell’Iran con la Russia e la Cina, gli accordi non sono ancora finalizzati. Indipendentemente dal fatto che ciò avvenga o meno, gli Usa dovrebbero continuare a mantenere relazioni amichevoli con le nazioni arabe della regione. Continuare a lavorare sopratutto per proteggere i loro interessi a lungo termine nella regione.

Legittimare Israele con gli Stati del Golfo per un contesto anti Iran

In secondo luogo, con il sostegno degli Usa, Israele dovrebbe continuare ad impegnarsi per stabilire relazioni diplomatiche. Ultimamente e riuscito con alcuni Stati del Golfo. Ma con la speranza di riuscire non solo con l’Arabia Saudita, ma anche con il Pakistan. Inoltre, Washington dovrebbe continuare a costruire una cooperazione diplomatica, economica e militare con l’India, il Bangladesh, la Malesia e Singapore. Questo per rafforzare la cooperazione multinazionale lungo l’Oceano Indiano in funzione anti Cina.

Il nemico del mio nemico è mio amico

Il partenariato emergente tra Cina, Iran e Russia rappresenta una seria minaccia sia per gli interessi statunitensi che per quelli israeliani. Continuare a costruire una forte coalizione strategica in tutta la regione sia da parte degli Usa che di Israele. Questo contribuirà a compensare l’impatto di un accordo Cina-Iran e Russia-Iran. Un forte motore che rende possibile l’alleanza politico economica tra questi stati è anche il BRICS dove Cina e Russia sono membri fondatori.

Commenti