Allarme no vax negli USA mentre i contagi aumentano

Ora UE e Canada hanno più vaccinati degli Stati Uniti

0
365
Allarme no vax negli USA

Negli USA cresce l’allarme no vax. Dopo essere stati il Paese in cui la vaccinazione correva, ora si trovano superati da Canada e Unione Europea. Il presidente Biden, mentre il virus sta tornando a diffondersi soprattutto tra i non vaccinati, ha puntato il dito contro i social media, colpevoli di diffondere la disinformazione. Ancora una volta l’America si trova divisa. Anche i vaccini sono diventati un’ideologia e gli Stati a guida repubblicana stanno registrando un basso tasso di vaccinazione e un aumento del numero dei contagi.

Cresce l’allarme no vax negli USA?  

Gli USA stanno registrando un aumento di casi di coronavirus. Il virus, specialmente la variante Delta, sta circolando soprattutto nelle zone dove i tassi di vaccinazione sono bassi. Ora negli USA cresce l’allarme no vax. Il presidente americano Joe Biden ha attaccato i social media, colpevoli secondo lui di diffondere troppa disinformazione. Un’accusa condivisa anche dal chirurgo generale, Vivek Murthy, che ha definito la disinformazione di natura sanitaria “una minaccia urgente e una priorità per il Paese”. Anche l’immunologo Anthony Fauci ha puntato il dito contro la disinformazione. Durante un’intervista alla CNN, Fauci ha affermato che se “cinquant’anni fa avessimo avuto le informazioni false che circolano oggi sui vaccini avremmo ancora malattie come il vaiolo e la poliomielite”.  

La disinformazione ormai sta dilagando e non ha permesso al presidente Biden di raggiungere l’obiettivo di immunizzazione entro il 4 luglio. Inoltre gli USA, che prima erano il Paese con più vaccinati, e soprattutto dove le dosi non mancano, ora si trovano superati dal Canada e dall’UE.

Il vaccino diventa un’ideologia

Anche il vaccino è diventato un’ideologia. Infatti la maggior parte degli Stati che hanno bassi tassi di vaccinazione sono guidati dai repubblicani, che propagandano falsità sui vaccini. Diverse personalità nei media conservatori e politiche continuano a diffondere disinformazione scoraggiando la popolazione a vaccinarsi.  Secondo gli esperti la disinformazione genera falsi miti e paura.  Per questo ora il presidente, medici e scienziati stanno alzando la voce contro le piattaforme affinché facciano di più per combattere la disinformazione. Soprattutto, le piattaforme dovrebbero bloccare la disinformazione che proviene da personaggi di spicco; basti pensare che uno dei principali volti del movimento no vax è Robert Kennedy Jr., un uomo che con il suo nome ha l’attenzione di molta gente.


   Negli USA incentivi per convincere gli indecisi a vaccinarsi