Alfred North Whitehead: il cosmo della fisica e dello spirito

0
541

Alfred North Whitehead è un filosofo e matematico britannico, della seconda metà dell’800 e prima parte del 900. Inoltre, gli studi filosofici di Whitehead negano l’aspetto meccanico nella dottrina, unita al campo scientifico. Di fatto, il pensiero del matematico entra anche nei campi della fisica, metafisica, logica e teologia. Tra le opere del filosofo, ci sono: A Treatise on Universal Algebra, Principia Mathematica, The Concept of Nature ed altre.

Alfred North Whitehead chi è?

Alfred North Whitehead nasce a Ramsgate il 15 febbraio 1861 e decede a Cambridge il 30 dicembre 1947. Dalla terra del Massachusetts, Alfred trascorre l’infanzia. In seguito, Whitehead frequenta l’Università di Cambridge, dove consegue la laurea presso il Trinity College ed insegna. Fino al 1911, Whitehead diviene docente anche presso l’Imperial College of Science and Technology, di Londra ed Harvard.

Inoltre, la carriera professionale di Whitehead emerge in tre campi, ovvero: logico – matematico, epistemologico e metafisico. Tuttavia, la teologia diviene una dottrina importante per il letterato, che segue con interesse. Nel corso degli anni, nonostante le influenze familiari sulla Chiesa anglicana, il filosofo abbraccia la Chiesa Cattolica. Negli anni Venti, il filosofo riceve la nomina di presidente dell’ Aristotelian Society.

Alfred North Whitehead: il pensiero

Secondo lo studioso britannico, lo spazio che comprende la materia è una esistenza concreta e spirituale. A fronte di ciò, l’uomo non è in grado di raggiungere la percezione totalitaria, in quanto la ragione non la concepisce. Mentre, la capacità della mente attraverso un potere divino, origina la creatività. Il primo scritto con la pubblicazione è l’opera il Trattato di algebra universale, in cui il filosofo matematico esprime la nascita della scienza, con il calcolo della logica.

In verità, il pensiero di Whitehead giunge sul rifiuto della meccanicità dello studio filosofico, insieme alla scienza. Con l’osservazione degli elementi e le difficoltà della scienza, un ramo della filosofia segue le ricerche della logica e della fisica. Ecco gli studi di Whitehead, che entrano nelle dinamiche della filosofia della conoscenza. Di fatto, una parte di scienza studia la natura dei concetti scientifici ed i vari modi in cui gli stessi avvengono. Anche le tipologie del ragionamento, con cui la scienza spiega l’arrivo alle conclusioni, rappresentano una parte di un metodo scientifico.

Ciò nonostante, esistono differenti temi di filosofia della scienza, che deriva da Platone o da Aristotele. Invece, con l’arrivo di Galileo, Cartesio e Bacone, l’epoca dell’oscurantismo vede lo sviluppo della logica, che viene trattata come materia e disciplina. Da Galilei nasce il metodo scientifico in due modalità: con l’elaborazione teorica che esprime delle deduzioni logiche e le applicazioni di carattere tecnico delle stesse.

Le opere del filosofo

Il matematico e filosofo britannico scrive diverse opere, tra cui: An Introduction to Mathematics, An Enquiry Concerning the Principles of Natural Knowledge, The Concept of Nature, Science and the Modern World ed altre. Il 30 dicembre del 1947 il matematico decede a Cambridge, all’età di ottantasei anni.