Alessandro VI – 1492: l’elezione pontificia

0
281

Nel 1492, l’ascesa in Santa Sede di Papa Alessandro VI, dopo la scomparsa del predecessore Innocenzo VIII. Durante il pontificato, in rilievo la figura del pontefice, a sostegno dei figli illegittimi, con il riconoscimento paterno a personaggi come Lucrezia Borgia e Cesare. A tal proposito, la notorietà del Santo Padre sulla condotta in opposizione agli schemi clericali, all’insegna del libertinismo cristiano.

Alessandro VI chi è?

Dalle origini aragonesi, Rodrigo Borgia nasce a Xàtiva, il 1˚gennaio 1431 e decede a Roma il 18 agosto 1503. Con la famiglia, di cui il padre Jofré Llançol Escrivà e la madre Isabel de Borja y Cavanilles. Durante l’infanzia, la decisione dei genitori del trasferimento in Italia e la formazione scolastica con i primi studi. In seguito, il percorso accademico negli Atenei di Roma e Bologna, con le facoltà di retorica e giurisprudenza.

Nel 1453, il conseguimento della laurea in diritto canonico e l’acquisizione della docenza di retorica a Bologna. A fronte di ciò, la carriera ecclesiastica ed il titolo di cardinale nel 1456, dove il religioso decide di italianizzare il proprio nome. L’anno successivo, Rodrigo ottiene la nomina di vicecancelliere di Santa Romana Chiesa.

Negli anni Settanta, l’ecclesiastico acquisisce il titolo di inviato pontificio, con la missione di raggiungere la Spagna, a sostegno delle lotte contro i Mori. A fronte di ciò, l’intervento del religioso favorisce l’unione matrimoniale, tra i due regnanti di Aragona e Castiglia, nella pace tra i reami. Nel 1468, Borgia rientra nella città eterna e diviene prima diacono, poi presbitero, con il ruolo di abate presso Santa Maria di Maniace.

Il pontificato

Nel 1484, la scomparsa di Papa Sisto IV e le pressioni di Borgia con i cardinali, per la propria candidatura come successore in Santa Sede. Tuttavia, dal conclave, la decisione dei vescovi sul ruolo pontificio per Giovanni Battista Cybo, nel nome di Papa Innocenzo VIII. Nel 1492, il conclave per la scelta del nuovo Santo Padre, dopo la scomparsa di Innocenzo VIII.

Il 10 agosto dello stesso anno, quasi trenta vescovi raggiungono il comune accordo, per l’elezione pontificia di Rodrigo Borgia, nel nome di Papa Alessandro VI. Durante l’attività papale, Alessandro VI contribuisce attivamente nella difesa della Chiesa ortodossa.

Inoltre, il Santo Padre attua le risoluzioni dagli attacchi di potere dei duchi e nobili, sul predominio di sovranità, nei confronti della Chiesa. Altre priorità di Alessandro VI, riguardano: il sostegno alla conversione dei popoli amerindi, la protezione di numerosi ordini religiosi e l’aiuto alle popolazioni ebraiche. Tra le opere principali del pontefice, si ricordano: Bolla Desiderando nui e Breve 12 maggio 1497 Cum saepe.