Alberto Garzón: invita a mangiare meno carne per il pianeta

0
279
Spagna

Alberto Garzón ha acceso il dibattito dopo aver incoraggiato la Spagna, il più grande consumatore di carne dell’UE, a cambiare la sua dieta per il pianeta

Alberto Garzón: il ministro spagnolo

La gente in Spagna è stata esortata a ridurre il consumo di carne per aiutare ad affrontare la crisi climatica. L’incapacità di affrontare efficacemente la crisi climatica non solo danneggerebbe ulteriormente il pianeta, ma potrebbe danneggiare anche l’industria turistica spagnola, ha avvertito un funzionario del governo. Il ministro spagnolo del consumo, Alberto Garzón, ha parlato al Guardian della questione sempre più urgente. Ha spiegato che in Spagna, l’impatto ambientale del cibo è stato a lungo ignorato.

“La gente qui sa del ruolo che i gas serra giocano nel cambiamento climatico, ma tendono a collegarlo alle automobili e ai trasporti”, ha detto Garzón alla pubblicazione. “È stato solo recentemente che tutti hanno iniziato a guardare l’impatto della catena di consumo animale e, soprattutto, l’impatto della carne di manzo. Altri paesi erano abbastanza avanti su questo, ma in Spagna è stato un tabù”.A settembre, un rapporto ha scoperto che 20 aziende di allevamento sono responsabili di più emissioni di gas serra di interi paesi – tra cui Gran Bretagna, Francia o Germania.

Inoltre, i cinque maggiori produttori di carne e latte

Sono stati trovati responsabili dello stesso volume di gas serra della Exxon, una delle più grandi compagnie di petrolio e gas del pianeta. “Se non agiamo, non avremo a che fare solo con il cambiamento climatico, ma con una triplice crisi: la perdita della biodiversità, l’inquinamento e il cambiamento climatico”, ha detto il ministro.

L’industria turistica spagnola

Il terreno della Spagna la rende particolarmente vulnerabile ai sintomi della crisi climatica, nota Garzón. Sarebbe la fine per un paese come la Spagna”. La Spagna è un paese del bacino del Mediterraneo – non è il Regno Unito o la Germania – e la desertificazione è un problema molto serio per il nostro paese, anche perché dipende molto dal turismo. Visitare un deserto non è così attraente come visitare la Costa del Sol”, ha detto al Guardian.

Alberto Garzón si occupa in particolare dei “mega-agricoltori”

“Trovano un villaggio in una parte spopolata della Spagna e ci mettono 4.000, o 5.000, o 10.000 capi di bestiame. Inquinano il suolo, inquinano l’acqua e poi esportano questa carne di scarsa qualità da questi animali maltrattati”, ha spiegato il politico.

Contraccolpo

A luglio, Garzón ha introdotto una campagna per incoraggiare la gente a mangiare meno carne. All’epoca, ha sottolineato che la Spagna consuma più carne di qualsiasi altro paese dell’UE. Circa 70 milioni di maiali, mucche, pecore, capre, cavalli e uccelli sono macellati per il cibo in Spagna ogni anno. Inoltre, 15.000 litri di acqua sono necessari per produrre un solo chilogrammo di carne, ha detto.

Spagna: terza nella classifica Unesco

La campagna ambientale è stata accolta con critiche. Quando il primo ministro spagnolo, Pedro Sánchez, è stato interrogato sull’iniziativa, ha scherzato: “Parlando personalmente, una bistecca mediamente cotta è difficile da battere”.

Nell’ultima intervista al Guardian, Alberto Garzón

Ha notato che sono stati gli uomini a dispensare la maggior parte delle critiche. Il ministro ha ipotizzato che “sentivano che la loro mascolinità sarebbe stata colpita dal non poter mangiare un pezzo di carne o fare un barbecue”. “Sapevamo fin dall’inizio che la questione sarebbe stata controversa, ma era necessario farlo”, ha aggiunto. “Altri paesi – come la Germania, il Regno Unito e la Francia – sono molto più avanti di noi su questo. Questa è stata la prima volta in Spagna che qualcuno nel governo stava dicendo ciò che gli scienziati dicono da molto tempo.Nel 2019, i ricercatori di Oxford hanno pubblicato la più grande analisi dell’impatto dell’agricoltura sul pianeta. Il ricercatore capo Joseph Poore ha concluso che: “Una dieta vegana è probabilmente il singolo modo più grande per ridurre il tuo impatto sul pianeta Terra, non solo i gas serra, ma l’acidificazione globale, l’eutrofizzazione, l’uso della terra e dell’acqua.”