Alberi geneticamente modificati per combattere il cambiamento climatico

0
521



Il cambiamento climatico è una realtà che viviamo ogni giorno. Come direbbe qualcuno non esistono più le mezze stagioni. Siamo infatti circondati da un pianeta che continua a mutare, spesso in peggio, portandoci a vivere inverni senza neve e estati torride. Al fine di combattere la recente minaccia al clima sono intervenuti gli scienziati che hanno proposto diverse soluzioni.

Qual è la proposta per combattere il cambiamento climatico?


Una delle più recenti proposte avanzata da alcuni scienziati per combattere il cambiamento climatico propone di modificare geneticamente gli alberi in modo che possano aspirare rapidamente più carbonio dall’atmosfera. Il concetto è semplice, più alberi abbiamo meno anidride carbonica viene rilasciata nell’atmosfera. Il risultato sarebbe quello di avere un pianeta più sano. Ma come fare ad avere più alberi in poco tempo? Per la creazione di foreste naturali serve infatti molto tempo, si parla di secoli, per questo lo scienziato canadese Armand Seguin suggerisce di accelerare la crescita con alberi geneticamente modificati.

Gli alberi geneticamente modificati. I pro e i contro


Oltre ad accelerare la crescita delle foreste naturali e ad agevolare così la lotta al cambiamento climatico, la ”creazione” di alberi geneticamente modificati potrebbe portarli a sopravvivere meglio a nuove malattie o attacchi di parassiti. Ampie sono però le critiche negative sorte in seguito a questa proposta rivoluzionaria di Seguin. Lucy Sharratt, coordinatrice del Canadian Biotechnology Action Network, ha infatti dichiarato: ”Le piantagioni costituite da alberi con tassi di crescita accelerati sarebbero un grande e pericoloso esperimento che minaccia gli ecosistemi forestali” . Il pericolo è infatti quello di provocare del caos imprevisto per le piante in natura e per l’intero ecosistema. Ci sono tuttavia alcune critiche positive di scienziati che vedendo i potenziali benefici di questa proposta scientifica per risolvere il problema al cambiamento climatico. Solo il tempo e gli esperimenti ad hoc potranno infine stabilire chi ha ragione.