Al Qaeda è ancora “fortemente radicata” all’interno dei Talebani

Un alto funzionario della Nazioni Unite ha affermato che Al Qaeda ha ancora stretti legami con i Talebani in Afghanistan, nonostante le promesse fatte nell’accordo con gli Stati Uniti

0
159
Al Qaeda Talebani

All’inizio di quest’anno, il presidente americano Trump aveva propagandando l’accordo storico tra gli USA e i Talebani. Le due parti hanno firmato un accordo che prevedeva che tutte le forze statunitensi venissero ritirate dall’Afghanistan entro la prossima estate. In cambio i Talebani hanno assicurato che i gruppi terroristici, tra cui Al Qaeda, non utilizzassero più il territorio afgano per organizzare attacchi terroristici. In pratica i Talebani dovrebbero fungere da anti-terrorismo. Un funzionario dell’ONU ha affermato che i Talebani non rispettano l’accordo perché Al Qaeda è ancora fortemente radicata all’interno dei Talebani.

I Talebani possono davvero fungere da anti-terrorismo contro Al Qaeda?

Il presidente americano Donald Trump, all’inizio di quest’anno, aveva dichiarato: “Accordo storico con i Talebani. Ritireremo le truppe dall’Afghanistan”. Secondo lui l’America era riuscita a porre fine alla guerra in Afghanistan, che dura da quasi 20 anni, grazie alla sua mediazione con i Talebani.

L’accordo, tanto propagandato da Trump, prevede che gli USA ritirino tutte le truppe dal territorio afgano entro la prossima estate . In cambio i Talebani dovrebbero impedire a gruppi terroristici, come Al Qaeda, di utilizzare il territorio afgano per organizzare attentati terroristici internazionali. Quindi secondo il Presidente americano i Talebani dovrebbero fungere da anti-terrorismo in Afghanistan. Ma davvero Trump crede che un gruppo terroristico possa fungere da anti-terrorismo?

Un funzionario delle Nazioni Unite, Edmund Fitton-Brown, ha affermato che i Talebani non stanno affatto rispettando le promesse di non avere legami con Al Qaeda. Inoltre il gruppo è ancora fortemente radicato nei Talebani in Afghanistan.  Fitton-Brown ha detto che i Talebani hanno promesso ad Al Qaeda, nel periodo precedente l’accordo con gli USA, che i gruppi sarebbero rimasti alleati. Ha infatti asserito: “I Talebani parlavano regolarmente e ad alto livello con Al Qaeda e li rassicuravano sul fatto che avrebbero onorato i loro legami storici”.

I Talebani continuano i rapporti con Al Qaeda, gli USA sono vaghi

Il funzionario dell’ONU ha poi sottolineato che il rapporto tra Al Qaeda e i Talebani non si è sostanzialmente modificato dall’accordo concluso con gli USA. Ha detto: “Al Qaeda è fortemente radicata nei Talebani e svolgono una buona parte delle loro azioni militari e azioni di addestramento con i Talebani, e questo non è cambiato”. Brown ha affermato che di essere venuto a conoscenza di recenti rapporti sui Talebani che richiedono ad alcuni combattenti stranieri pakistani in Afghanistan di registrarsi presso di loro e di rispettare un codice di condotta che vieta gli attacchi al di fuori dell’Afghanistan.

I funzionari americani rimangono sempre vaghi quando pongono a loro la domanda se credono che i Talebani rispetteranno pienamente i loro impegni su Al Qaeda, affermando che le informazioni sono classificate. L’ambasciatore Nathan Sales, coordinatore per l’anti-terrorismo presso il Dipartimento di Stato americano, ha dichiarato: “Ci aspettiamo che i Talebani onorino gli impegni presi per porre fine a tutti i collegamenti con organizzazioni terroristiche in Afghanistan. Continuiamo a monitorare la situazione”.

Molti esperti criticano anche il ritiro totale dele truppe americane

Molti esperti e diplomatici hanno anche criticato il ritiro delle truppe americane dall’Afghanistan. Secondo loro i piani degli USA non sono basati sulle condizioni ma sull’agenda personale del presidente Trump. Per Trump è una priorità assoluta porre fine alla guerra più lunga che gli USA abbiano mai partecipato, e per questo non pensa alle conseguenze se gli accordi raggiunti non vengono rispettati.

Rahmatullah Andar, ex comandante talebano e ora portavoce Consiglio si sicurezza del governo afgano, ha avvertito della minaccia di una rinascita da parte di Al Qaeda e di altri gruppi militanti globali. Ha detto: “Gli americani pensano che l’accordo che hanno firmato con i Talebani risolverà tutto. Ma il tempo dimostrerà che non è così”.  

Il rapporto futuro tra i Talebani e Al Qaeda è molto importante per determinare il futuro della pace in Afghanistan. Gli USA dovrebbero essere vigili sui Talebani e soprattutto non dovrebbero permettere di condurre altri attacchi di violenza contro il governo afgano. Inoltre dovrebbero stare attenti che le linea dura talebana possa opporsi a tagliare i rapporti con Al Qaeda.

Fitton-Brown ha avvertito che se il processo di pace dovesse completamente fallire, Al Qaeda e lo Stato Islamico potrebbero tentare di sfruttare lo spazio non governato in Afghanistan. Ha detto: “Entrambi questi gruppi hanno una dichiarata aspirazione a rappresentare una minaccia internazionale”.  


Accordo Talebani – Kabul: successo o fallimento?

La pace è ancora lontana, nonostante l’accordo USA – Talebani

Commenti