Airbus A321 si schianta vicino a Islamabad il 28 luglio 2010

0
338
Airbus A321 si schianta vicino a Islamabad

Un Airbus A321 si schianta vicino a Islamabad la mattina del 28 luglio 2010.
Lo schianto uccide tutti i passeggeri e i membri dell’equipaggio a bordo dell’aereo. Si tratta del primo incidente fatale di un Airbus A321; ed è ricordato come l’incidente aereo che causò più morti in Pakistan.

L’aereo si schianta sulle colline alle spalle di Islamabad, a Margalla Hills, durante un volo da Karachi a Islamabad. Secondo alcune fonti, i controllori del traffico avrebbero perso i contatti con l’equipaggio del volo, dopo che era stata negata l’autorizzazione all’atterraggio 13 minuti prima.

La causa finale dello schianto è stata attribuita ad un errore del pilota. Questi aveva comunque già accumulato 25.000 ore di volo nella sua carriera. Sembra, però, che questi abbia portato l’aereo a volare troppo in basso. Non ha così più fatto in tempo ad alzarsi e si è schiantato su un rilievo.

“Non c’è alcun sabotaggio e non è plausibile neppure alcuna ipotesi di attacco terroristico.” dichiara, a seguito dell’incidente, il ministro della Difesa, Chaudhry Ahmed Mukhtar.

L’aereo, al momento dello schianto, ha 10 anni. Perciò ha un’età relativamente bassa, perché simili aerei durano tra i 30 e i 40 anni. La compagnia Airblue lo utilizza dal 2006; e, fino a quel tragico momento l’Airbus ha accumulato 34.000 ore di volo e 13.500 voli.

L’Airbus A321 si schianta vicino a Islamabad e perdono la vita tutti i 146 passeggeri e i 6 membri dell’equipaggio.
Dei passeggeri, 110 sono uomini, 29 donne e 7 bambini. Precisamente, 142 sono di nazionalità pakistana, 1 austriaca, 2 statunitensi e 1 somala. Mentre i 6 membri dell’equipaggio sono tutti di nazionalità pakistana.

Il Pakistan proclama, a seguito del grave incidente, un giorno di lutto nazionale.
L’incidente aereo rientra nella lista degli incidenti aerei più gravi; e supera per numero di morti l’incidente del volo AF 4590 dell’Air France, che diede il colpo definitivo al progetto Concorde.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here