Afghanistan: forte terremoto uccide almeno 280 persone

0
314
Kabul: 10 morti in un attentato

Tragedia in Afghanistan, dove un forte terremoto ha ucciso almeno 280 persone e ferite oltre 600. Il disastro arriva mentre l’Afghanistan sta attraversando una grave crisi economica e un numero crescente di attacchi terroristici.  

Forte terremoto in Afghanistan: cos’è successo?

Una scossa di magnitudo 6.1 ha colpito il sud est dell’Afghanistan uccidendo almeno 280 persone. I funzionari hanno riferito che il numero di vittime è destinato a crescere e che ci sono almeno 600 feriti. Secondo l’istituto geofisico statunitense US Geological Survey (USGS), la scossa è stata registrata a circa 44 chilometri dalla città di Khost, vicino al confine con il Pakistan. L’USGC ha riferito anche che l’epicentro è stato individuato a una profondità di 51 chilometri.  Le aree colpite sono i distretti di Barmala, Ziruk, Naka e Gayan nella provincia di Paktika. “Chiediamo alle agenzie umanitarie di fornire soccorsi immediati alle vittime del terremoto per prevenire una catastrofe umanitaria”, ha affermato il portavoce del governo, Bilal Karimi. 

Le fotografie dei media afghani mostrano case ridotte in macerie e numerosi corpi a terra coperti con delle coperte. Secondo le autorità, almeno 100 case sarebbero state completamente distrutte. Secondo un funzionario del ministero degli Interni, la maggior parte delle morti confermate si è verificata nella provincia di Paktika, dove si sono fino ad ora registrati 255 morti e oltre 200 feriti. Nella provincia di Khost invece sono morte 25 persone e 90 sono ferite. Il funzionario afghano ha affermato che è molto probabile che il bilancio delle vittime aumenti poiché alcuni villaggi si trovano in aree remote tra le montagne e ci vorrà molto tempo per raccogliere i dati.


Leggi anche: Afghanistan: almeno 16 persone morte in quattro attentati