Adas Livello 2: Nhtsa chiede dati a 12 aziende

La Nhtsa degli Stati Uniti ha chiesto a 12 aziende di fornire informazioni dettagliate sui loro sistemi di guida autonoma di Livello 2. Le indagini sugli autopilot proseguono.

0
200
Nhtsa chiede info su Adas Livello 2
Nhtsa chiede a 12 aziende d'auto di fornire dati su sistemi di guida autonoma.

Sistema Adas Livello 2 sempre più nel mirino delle indagini della Nhtsa (National Highway Traffic Safety Administration). L’agenzia statunitense per la sicurezza nel mondo dei trasporti sta ampliando la portata dei controlli che nel mese di agosto aveva fatto scattare nei confronti della guida autonoma di Tesla.

In questi ultimi giorni, come riportato da Automotive News, dalla sede di Washington sono partite delle lettere indirizzate a 12 aziende differenti. Tra queste pare ci siano Ford, General Motors, Toyota e Volkswagen. L’agenzia Usa per la sicurezza stradale avrebbe chiesto a queste società di fornire una serie di dati e informazioni sui sistemi di guida assistita.

Su tutti, la Nhtsa pare si stia concentrando in particolare sugli Adas Livello 2. Si tratta della nuova tecnologia che consente al conducente di attivare il pilota automatico per il controllo di acceleratore e sterzo in determinate occasioni.

Adas Livello 2: su costa sta indagando l’Nhtsa degli Usa?

La Nhtsa, nelle lettere recapitate alle 12 aziende automobilistiche, avrebbe chiesto un’ampia collaborazione. Questa decisione è avvenuta in seguito alle indagini partite alcuni mesi fa, dopo una serie di incidenti che avevano viste coinvolte le vetture della Tesla e dei mezzi di soccorso.

Guida autonoma: negli Usa è scontro tra agenzie

Nel complesso, nel fascicolo d’inchiesta sono finiti 11 sinistri a partire da gennaio 2018, che hanno visto le auto elettriche Tesla scontrarsi con altri veicoli incidentati o con i mezzi di trasporto per il primo soccorso, come ad esempio le autovetture mediche. Il bilancio complessivo è di 17 feriti e un decesso.

Gli investigatori hanno scoperto che la maggioranza degli incidenti è avvenuta dopo il tramonto, nonostante i soccorritori avessero messo in atto le procedure previste in caso di sinistri stradali, come ad esempio frecce illuminate o coni. Inoltre i detective avrebbero appurato che, al momento degli impatti, le vetture coinvolte avevano l’Autopilot o il controllo di velocità in funzione.

Allo scopo di avere una panoramica più ampia e completa su queste nuove tecnologie, la Nhtsa ha deciso di estendere i suoi controlli ai vari sistemi di guida automatica. Per questo motivo pare che nelle missive abbia chiesto ai 12 brand chiamati in causa delle informazioni precise. Tra queste ci sarebbero: numero di auto prodotte, vendute e attualmente in circolazione negli Stati Uniti con Adas Livello 2; chilometraggio effettivo, aggiornamenti delle funzioni del sistema; reclami dei clienti; eventuali incidenti o cause legali in corso.

Infine le società dovrebbero anche descrivere nel dettaglio quali sono le raccomandazioni che di solito forniscono agli acquirenti nell’utilizzo della guida autonoma. Ford, Gruppo Stellantis e GM devono rispondere entro il 3 novembre, mentre le altre possono arrivare fino al 17 novembre. Qualora qualche costruttore non dovesse rispettare la richiesta, potrebbe subire delle sanzioni che arriverebbero fino a 115 milioni di dollari, ovvero quasi 100 milioni di euro.