Ad Astra recensione, video e foto

0
385

Brad Pitt è un capitano intergalattico, Willard, che intraprende una missione spaziale in Ad Astra di James Gray, un’apocalisse nello spazio cosmico che è riuscito a rapire la folla al festival del cinema di Venezia.

Ad Astra, state attenti, sarà un film molto apprezzato. Ambientato nel prossimo futuro, Pitt nel ruolo del maggiore Roy McBride, un samurai solitario che è orgoglioso del fatto che la sua frequenza cardiaca non sia mai salita oltre gli 80 battiti al minuto. Sta andando su Nettuno in cerca del padre perduto, un uomo che conosce a malapena, e cerca di fermare una serie di raggi cosmici, inspiegabili, che minacciano la vita sulla Terra.

Brad Pitt arriva al Lido per presentare il film Ad Astra Guarda le foto

Pitt incarna McBride con una serie di gesti abili e un minimo di confusione. La sua interpretazione è così discreta che sembra quasi non recitare affatto.

“Alla fine il figlio subisce i peccati del padre”, spiega McBride con voce sommessa mentre la sua nave avanza nell’oscurità. Questo perché McBride Sr (Tommy Lee Jones) è il colonnello del film Kurtz, un brillante astronauta che è andato nello spazio anni prima e potrebbe in qualche modo essere responsabile dell’attuale crisi. I capi di Roy a SPACECOMM affermano di voler semplicemente riportare a casa suo padre mentre in realtà stanno pianificando segretamente di interrompere il suo comando. Roy riceve queste informazioni con appena uno sfarfallio di emozione. I suoi sentimenti per il vecchio sono sempre stati in conflitto; non è nemmeno sicuro di voler trovarlo vivo. Ma invia ancora messaggi e attende una risposta.

[ngg src=”galleries” ids=”6″ display=”basic_imagebrowser”]

Gray (che ha anche scritto la sceneggiatura insieme a Ethan Gross) è un affermato produttore di cinema ambizioso, meditabondo e ambizioso, da The Yards a The Immigrant fino all’avventura amazzonica del 2017, The Lost City of Z. Ma non ha mai realizzato nulla di così ambizioso, come questa opera psicologica spaziale, con le sue superfici fredde, tasche scure e improvvisi lampi di violenza. Ad Astra è così mortalmente serio che tende al banale.

Ad Astra trailer

Roy arriva su Marte, dopo di che muore da solo, a 2,7 miliardi di miglia da casa. Ed è a questo punto che il film inizia a ripiegarsi su se stesso, portando a galla i suoi armamentari fantascientifici (primati divoratori di uomini e altro) per diventare una parabola sconclusionata di padri disperati e figli danneggiati. Avendo mantenuto la calma per così tanto tempo, l’astronauta scopre che la sua frequenza cardiaca sta aumentando. Quindi interrompe la comunicazione con la Terra e si prepara ad affrontare i suoi demoni. Sta viaggiando sempre più in profondità nel suo cuore di oscurità mentre Ad Astra passa dall’orrore in piena regola al fragore della chiusura. Nello spazio, sembra, nessuno può sentirti urlare per tuo padre.

Commenti