Acquistare luce Led senza commettere errori, ecco come farlo

0
163

Negli ultimi anni i dispositivi di luce a Led stanno avendo una diffusione senza precedenti dovuta sia al fatto che permettono un risparmio economico rispetto alle normali luci ad incandescenza, sia alla qualità e alla quantità dell’illuminazione che essi consentono.

Se sei ancora titubante sul perché dovresti scegliere l’illuminazione a Led, qui potrai trovare dei buoni motivi per farlo e alcuni consigli su come acquistare i tuoi dispositivi Led senza commettere errori.

Perché scegliere il Led?

La tecnologia Led (Light Emitting Diode) funziona attraverso i cosiddetti diodi, i quali irradiano un fascio di luce che si accende immediatamente.

Questo è il motivo principale per cui comprare dispositivi di luce Led non solo fa risparmiare, ma permette anche di diventare più eco-sostenibili.

Rispetto a quelle tradizionali, le luci a Led non hanno, infatti, bisogno di filamenti sottili o del gas (nocivo per la nostra salute) per funzionare e ciò consente loro di durare anche 10 volte più a lungo delle luci ad incandescenza.

Inoltre, questi dispositivi richiedono una quantità d’energia molto bassa per funzionare e sono comunque capaci di donare una luce molto intensa, versatile nei colori e che non inquina l’ambiente.

Altri importanti vantaggi dei Led sono che essi non emettono raggi infrarossi o ultravioletti, dannosi per l’uomo, e le lampadine costruite con tale tecnologia possiedono bassi voltaggi. Esse sono, quindi, più sicure, in quanto non diventano incandescenti come quelle tradizionali e questo permette di installare luci Led anche all’interno di materiali come il legno o la plastica.

Infine, anche se inizialmente il costo delle lampadine Led era molto alto (costo che comunque si andava a compensare con i futuri risparmi che si ricavavano), ultimamente i prezzi sono scesi.

Allora, hai ancora dubbi su quale sia la scelta migliore?

Un Led per ogni scopo

I dispositivi di illuminazione a Led si sono diffusi ormai in molti campi. Vengono usate le lampadine Led non solo nelle nostre case ma anche nelle automobili, nelle moto, nelle insegne dei negozi o delle città e nei display di molti apparecchi elettronici.

All’interno delle nostre case viene ormai adottata la tecnologia Led per i più disparati utilizzi: lampadine, lampade da tavolo, faretti da interno o da esterno, strisce luminose, plafoniere, luci da soffitto, luci decorative, torce, lampade di emergenza ecc.

Quando si deve comprare un dispositivo Led bisogna, quindi, pensare al tipo di utilizzo che se ne vuole fare e poi prestare attenzione ad alcuni fattori come il tipo di attacco, la potenza e la tipologia di luce che si vuole ottenere (calda, fredda o neutra).

Vediamo adesso nel dettaglio i principali fattori da considerare prima dell’acquisto.

Cose a cui fare attenzione prima di acquistare un dispositivo di luce Led

Vuoi comprare o hai bisogno di sostituire delle lampadine Led ma non sai da dove iniziare? La prima cosa che devi tenere a mente è il tipo di attacco del tuo dispositivo.

Esistono diverse tipologie di attacco (E14, E27, GU10 ecc.), le quali si distinguono per forma e dimensione, basta solamente controllare la base del dispositivo e cercare la lampadina compatibile nel negozio.

La seconda cosa che devi attenzionare per scegliere al meglio un dispositivo Led è la potenza di cui hai bisogno. Spesso, per aiutare i clienti, nelle confezioni delle lampadine Led viene riportato il confronto tra la loro potenza e quella di una normale lampadina ad incandescenza. Ad esempio, una lampadina Led da 3 o 5 W corrisponde ad una lampada tradizionale da 40 W. Questo significa che, anche se il numero di Watt è minore, le lampadine Led sono molto potenti ed anche una piccola emette molta luce. Questo perché le lampadine Led si basano su un’altra unità di misura: il lumen.

L’ultima cosa a cui fare attenzione è il colore della luce che preferisci. La luce può, infatti, assumere diverse tonalità in base alla sua temperatura. Tendenzialmente le luci Led variano da un colore più caldo (2700K3500K), simile a quello delle lampadine ad incandescenza, ad un colore più neutro (4000K5000K) tra il giallo ed il bianco, fino ad arrivare al colore freddo (6000K8000K) che risulta essere quasi bluastro.

La luce calda si adatta perlopiù a camere da letto o soggiorni, in quanto è una luce più rilassante e non troppo forte.

La luce neutra è, invece, adatta ad ambienti come la cucina o gli uffici.

Infine, quella bianca fredda viene usata principalmente in ambienti industriali o nelle scuole, in quanto mantiene svegli e attivi.

Commenti