Accadde oggi: la “fine” dei Sex Pistols

0
649

Il 14 gennaio del 1978 andò in scena l’atto finale della folle storia dei Sex Pistols. Davanti ad un pubblico di più di 5000 persone, l’affluenza più alta ad un loro concerto, il Winterland Ballroom di San Francisco fu la cornice di uno show per certi versi scadente e mediocre ma che passò alla storia per essere stato l’ultimo concerto di un gruppo oramai disastrato da una pessima situazione interna. Fu anche lo show dove il cantante Johnny Rotten pronunciò la celebre frase “avete mai avuto la sensazione di essere stati ingannati?”, riferimento molto diretto al suo complicato rapporto con il manager Malcom McLaren.

Dopo il concerto a Winterland che sancì la fine del disastroso tour americano iniziato pochi giorni prima, la band si sciolse immediatamente. Rotten avrebbe da lì a poco iniziato una fortunata carriera con la sua seconda band, i Public Image Ltd, il chitarrista Steve Jones e il batterista Paul Cook dopo alcune registrazioni sempre a nome Sex Pistols si divideranno tra progetti personali e svariate collaborazioni, mentre il bassista Sid Vicious morirà il 2 febbraio del 1979 per overdose da eroina dopo un invano tentativo di costruirsi una carriera solista e con l’accusa di essere stato l’assassino della sua compagna Nancy Spungen.

La tappa finale di Winterland non sancì però la reale fine della band. Altro materiale continuò ad uscire a seguito di quella data, tra cui il film e la relativa colonna sonora di “The Great Rock’n’Roll Swindle” che contiene, tra le altre cose, l’inedito “Belsen was a gas” registrata proprio durante la tappa di San Francisco. Nella seconda metà degli anni ’90 invece si è assistito ad una reunion dei Sex Pistols per un grande tour che ha toccato tutto il mondo. Reunion che ha avuto un seguito nel 2002, nel 2007 e nel 2008.

Nel 2001 l’intero concerto di Winterland è stato stampato su cd per quanto non faccia parte della discografia ufficiale dei Sex Pistols.


Commenti