Abusi e torture nelle carceri egiziane favoriscono reclutamento dell’ISIS

0
334
Egitto di al-Sisi

Gli Abusi e torture e le tortura nelle carceri egiziane sono sempre più evidenti. I racconti di ex detenuti stanno iniziando a circolare e raccontano atrocità e come l’ISIS approfitti di questa situazione per fare nuovi adepti.

Abusi e torture: quali testimonianze arrivano dall’Egitto?

Una delle storie sotto gli occhi di tutti in questi giorni è quella di Mohamed Soltan raccontata dal AlJazeera. Negli ultimi sei mesi di detenzione di Mohamed è stato messo in isolamento nella prigione egiziana di Torah. Lì è stato picchiato e torturato mentalmente e fisicamente ogni giorno. “Ero completamente tagliato fuori dal resto del mondo, senza accesso alla luce del giorno o al senso del tempo”, ha detto. Solo i membri incarcerati del gruppo armato ISIL (ISIS) avevano accesso alla sua cella e hanno tentato di reclutarlo.

Come lavora l’ISIS nelle carceri egiziane

Hanno cercato di dissuadermi dal mio sciopero della fame, perché “il mondo rispetta solo il potere duro, potrebbe rimediare, mi hanno detto. Hanno cercato di vendermi per aver preso in mano la situazione e unirmi ai loro ranghi per combattere l’oppressione”, ha detto Soltan. Difensore dei diritti umani egiziano-americano che è stato imprigionato per 22 mesi dal 2013 al 2015 perchè accusato di “diffondere notizie false“. Aveva twittato sulla dispersione delle manifestazioni e ha trascorso gran parte della sua pena detentiva in sciopero della fame. Ha affermato di aver visto in prima persona come i membri dell’ISIL hanno reclutato i detenuti sfruttando il loro dolore e le loro rimostranze nei confronti dell’Egitto.

Il rapporto di HRF

Sei anni dopo il suo rilascio, i ricercatori della ONG Human Rights First (HRF) di Washington DC hanno affermato che i membri dell’ISIL hanno ancora carta bianca per radicalizzare i detenuti nel sistema carcerario egiziano. Il rapporto di HRF, Creating Time Bombs: How Abuse in Egypt’s Prison System Fuels ISIS Recruitment è stato ​​pubblicato giovedì. Si basa sulle testimonianze di prigionieri rilasciati tra il 2019 e il 2021, secondo i quali l’ISIL continua a reclutare prigionieri, una pratica in parte alimentata da torture e abusi che è molto diffusa nelle carceri egiziane.

Le dentenzioni per opposizione politica

Da quando il presidente egiziano Abdel Fattah el-Sisi ha preso il potere a seguito di un colpo di stato militare del 2013, migliaia di persone sono state incarcerate per la loro opposizione politica, inclusi medici che hanno criticato la gestione del governo della crisi COVID-19 e gli influencer di TikTok, mentre le condanne a morte sono aumentate di tre -piega. Il padre di Soltan, Salah Sultan, era tra le 36 persone condannate a morte in un processo di massa nell’aprile 2015. Salah, eminente studioso musulmano, è stato in prigione per otto anni per aver sostenuto le proteste antigovernative del 2013. El-Sisi ha a lungo affermato che “non ci sono prigionieri politici in Egitto“.

La situazione carceraria in Egitto: abusi e torture

I gruppi per i diritti umani stimano che nelle carceri egiziane siano detenuti 60.000 prigionieri politici, più della metà della popolazione carceraria stimata del paese di 114.000. Con una capacità carceraria ufficiale di 55.000, le carceri sono gravemente sovraffollate e, secondo Amnesty International, lo spazio medio disponibile per ogni detenuto è di 1,1 metri quadrati (12 piedi quadrati). Le condizioni carcerarie sono “peggiori di quanto non siano mai state”, ha affermato Sarah Leah Whitson, direttore esecutivo di Democracy for the Arab World Now (DAWN). Le condizioni abusive hanno portato alla morte di ben 958 detenuti tra giugno 2013 e dicembre 2019, secondo il Committee for Justice, un gruppo indipendente per i diritti umani con sede a Ginevra.


In Egitto la polizia adesca le persone LGBTQ+ con Grindr


L’ISIS nelle prigioni

Le prigioni sono “terreni fertili per la crescita delle ideologie estremiste“, ha detto Soltan. Ex detenuti hanno affermato che consentire ai membri dell’ISIS di mescolarsi con giovani prigionieri senza diritti di voto che si oppongono al governo per motivi politici e vengono regolarmente torturati, sta creando una “bomba ad orologeria”. “Quello che è una catastrofe è che le autorità non hanno separato i prigionieri collegati a casi reali di terrorismo da coloro che si oppongono semplicemente al regime per motivi politici”, ha detto a HRF Youssef, un ex detenuto rilasciato all’inizio di quest’anno. “Non ho mai visto le autorità carcerarie interferire per impedire che ciò accada“, ha aggiunto. Una delle principali motivazioni per cui i detenuti si uniscono all’ISIL è “un’opportunità di vendetta contro il sistema che li ha torturati“, ha affermato Brian Dooley, autore del rapporto e consigliere senior dell’HRF.

Accesso a cibo e cure migliori

Un’altra motivazione per i detenuti, che sono privati ​​delle cure mediche e spesso negati i pacchi alimentari alle loro famiglie, è l’accesso a condizioni migliori. Ex detenuti hanno affermato che i membri dell’ISIL hanno accesso a telefoni, cibo migliore e cure mediche adeguate, quattro ore di svago rispetto alle due per gli altri prigionieri. “L’ISIS è la fazione meglio organizzata del carcere e molti agenti di polizia penitenziaria hanno paura di loro. Usano quel potere per privilegi migliori”, ha detto Dooley.