Abolizione della schiavitù nell’impero britannico

0
114

Il primo agosto 1834 l’Act approvato prevedeva l’abolizione della schiavitù nell’impero britannico.

E’ stato questo un processo abbastanza lungo, partito con interventi del Parlamento miranti a circoscrivere il fenomeno progressivamente.

Spesso, però, si trattava di atti poco incisivi, che finivano con il favorire la schiavitù illegale, in maniera ancora più massiccia del periodo in cui era legale.

L’abolizione della schiavitù nell’impero britannico

Durante le feste natalizie del 1831 in Giamaica, pare ci fosse una manifestazione pacifica, partita da uno schiavo, che si sviluppò su larga scala.

Alla violenta repressione che seguì, per mano delle milizie giamaicane e dell’esercito britannico, vi furono molte perdite di vite umane.

Da qui si sentì urgente la necessità di intervenire a livello legislativo per porre fine alla schiavitù.

Cosa stabiliva la legge del 1834

L’effetto dell’entrata in vigore dell’Act del 1834 fu una richiesta di risarcimento danni da parte delle compagnie allo stato britannico per la perdita di forza lavoro.

Questo risarcimento fu valutato in 20 milioni di sterline, una cifra elevata, che in realtà pare fosse finita a rimpinguare le casse di famiglie altolocate.

Gli schiavi vennero da allora considerati apprendisti a contratto, cosa che al momento non garantiva ancora loro l’emancipazione.

In realtà c’era già stata una sentenza nel 1772 che asseriva che la common law britannica non conosceva la schiavitù.

Da questa affermazione ne derivò l’emancipazione per tutte le forze lavoro sul territorio che erano state trattate come schiavi fino ad allora.

Ma nulla si decise per le colonie, soprattutto per quei territori dove forte era l’influenza della Compagnia delle Indie Orientali.

Per questo motivo il movimento anti-schiavitù si era venuto sempre più ampliando e acquisendo potere.

Spingendo sull’opinione pubblica, era riuscito a portare all’attenzione del popolo la grave situazione in cui vivevano migliaia di persone.

Ma il vero risultato fu raggiunto solo con il superamento dell’apprendistato, perchè da quel momento in poi tutti vennero emancipati.

E’ stato un grande passo in avanti, molto sofferto, perchè, come tutte le grandi conquiste, non si possono fare in un giorno.

Riuscire a superare la mentalità di chi per una vita si è comportato in un certo modo è in realtà uno scontro generazionale che richiede tempo.

Ma ormai il passo era fatto.

Commenti