Abbazia di Fontevraud: un’ oasi nella Francia medievale

Dalla complesso monastico all' hotel ecosostenibile la storia di una della abbazie più grandi d'Europa

0
219
Abbazia di Fontevraud

13 ettari di bellezza e architettura si estendono non lontano dalla cittadina Medievale di Saumur, nel cuore della Francia. E’ lì che si trova l’Abbazia di Fontevraud, il più grande complesso monastico d’Europa. L’architettura si mescola alla bellezza naturale di giardini e riserve curatissime, mostrandoci l’essenza dell’arte medievale. Il complesso, nel corso degli anni, ha subito molti cambiamenti. Attualmente è un lussuosissimo hotel e un riconosciuto museo di arte contemporanea.

Abbazia di Fontevreud: una storia al femminile?

Le donne sono le vere protagoniste del vissuto di questa magnifica struttura nata nel 1101. L’Abbazia di Fontevraud, fu fondata da Robert d’Arbrissel, seguendo la rigida regola benedettina. Nel 1115 la prima badessa di Fotevraud sancì il profondo legame tra le donne e quel magico luogo. Nel corso degli anni, gestirono la struttura ben 62 badesse, portando avanti un complesso monastico in grado di accogliere sia le donne che gli uomini. L’Abbazia di Fontevraud è famosa anche per aver ospitato nei suoi ultimi anni di vita Eleonora D’Aquitania, importante figura storica francese. Le badesse continuarono a essere a capo del complesso monastico fino alla Rivoluzione Francese. Successivamente l’Abbazia venne abbandonata e convertita a prigione nel 1963. Divenne, in breve tempo, uno degli istituti penitenziari più violenti e duri di tutta la Francia. Nel 1975 cambiò nuovamente volto, trasformandosi in un luogo di interesse culturale.

Un lussuoso hotel immerso nella natura e nella storia

Negli ultimi anni l’Abbazia di Fontevraud, ha saputo sfruttare tutte le sue potenzialità. Attualmente il complesso è un luogo culturale utilizzato per istallazioni di opere d’arte contemporanea e per concerti. Ha inoltre convertito parte della propria struttura in un albergo eco-sostenibile composto da 54 stanze. L’albergo, firmato dal famoso studio architettonico Jouin- Manku, fonde l’antico al moderno attraverso un design essenziale, sposandosi molto bene con lo spirito del luogo. L’hotel sfrutta al 100% il patrimonio artistico che l’Abbazia mette a disposizione. Una delle attrattive più famose ed interessanti dell’ albergo è la possibilità di poter passeggiare tra le cinta del complesso anche dopo l’ orario di chiusura. Il chiosco, trai più grandi d’Europa è facilmente visitabile da tutti gli ospiti, in qualsiasi orario.

Abbazia di Fontevraud: dal classico al contemporaneo

Risale al 2020, nelle vecchie stalle dell’ Abbazia di Fontevraud, l’inaugurazione del museo d’arte contemporanea. Il museo conterrà circa 900 pezzi, tra pitture e sculture, firmati dai più grandi artisti del 19esimo secolo. Da un busto di Rodin fino ad arrivare alle sculture di Degas, l’ Abbazia, in poco tempo, sembra essere diventata un nuovo centro per l’arte francese.

Commenti