A New York, Sydney e Shenzhen i prezzi degli immobili sono impazziti

0
237

La situazione non è certo la stessa in tutto il mondo, con il mercato di Parigi, per esempio, in leggero calo per la prima volta da anni. Ma ci sono città e piccoli paesi nel mondo dove i prezzi degli immobili sono impazziti e stanno aumentando a tassi a due cifre.

Dove i prezzi degli immobili sono impazziti?

Secondo Bloomberg, a New York, nel Regno Unito, in Australia e nelle principali città cinesi, sta scoppiando una frenesia d’acquisto. Questo unito a una carenza di proprietà e un’impennata dei prezzi che non si vedeva dalla grande crisi del 2008. Ma questa frenesia potrebbe portare non pochi rischi per l’economia globale. La causa di tutto questo secondo Bloomberg è semplice. Il denaro oa è a buon mercato, i prestiti non sono mai stati così economici. La pandemia ha creato desideri di spazio e distanza dai grandi centri urbani, e la paura di non essere in grado di comprare più tardi. Ma per le giovani famiglie, il primo accesso alla proprietà è impossibile e, per coloro che sono ancora indebitati, c’è ancora una volta il rischio di improvvisi aumenti dei tassi di interesse e di rimborsi impossibili.

Si vende qualsiasi cosa

Non è più insolito vedere annunci come quello di una casa in un sobborgo di Sydney che è stata pubblicizzata come inabitabile e venduta senza bagno, toilette o elettricità. La richiesta impressionante era di 2,9 milioni di euro. L’agenzia responsabile della vendita aveva ricevuto 30.000 richieste in un mese da tutto il mondo. Bloomberg riporta anche il caso di Barrie, una tranquilla città satellite di Toronto. Qui era stata messa in vendita una pittoresca casa per le vacanze con una sola camera da letto. Messa sul mercato al prezzo già alto di 399.000 dollari, o 276.000 euro, è stata venduta per circa 531.000 euro.

Una casa a qualsiasi prezzo

Negli Stati Uniti, il prezzo degli immobili a livello nazionale è aumentato del 14,6% rispetto all’anno precedente. A Manhattan, il prezzo medio delle proprietà messe sul mercato è di 999.000 dollari. Il numero di vendite è esploso del 150% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Come molte città di piccole e medie dimensioni, Boise, Idaho, attira gli abitanti della città che cercano un po’ di spazio e aria. I prezzi degli immobili sono aumentati del 42% dal 2020, e le guerre per le offerte sono ormai comuni.

Le condizioni assurde

Anche con alcune strane condizioni. Per esempio, la condizione di non trasferirsi una volta fatto l’acquisto è stata posta durante una vendita. Nel Regno Unito, e in particolare fuori Londra, le grandi tensioni sul mercato e i record raggiunti hanno fornito un viale per la pratica del “gazumping”. Questa pratica permette al venditore di accettare un’offerta più attraente fino a quando una transazione non è stata formalmente completata, il che può richiedere mesi.

Gli immobili impazziti in Cina

Anche la Cina sta lottando per contenere l’impennata inflazionistica in alcune grandi città, dove i prezzi sono aumentati di più del 10% in un anno. Anche se sta cercando di mettere ordine in un mercato che non vuole vedere andare fuori controllo. Nel paese, sono state prese nuove misure per combattere la pratica dei divorzi falsi, usati dalle famiglie per possedere più proprietà di quelle a cui hanno diritto. A Shenzhen, per favorire le famiglie locali, gli agenti immobiliari chiedono ora di vedere da quanto tempo gli acquirenti pagano le tasse locali. Questo non ha impedito al mercato di raggiungere altezze vicine a quelle della città meno abbordabile del mondo, Hong Kong, dove i prezzi continuano a salire. Somme di denaro enormi devono essere depositate in anticipo per i potenziali acquirenti.