9 agosto del 1173: inizia la costruzione della Torre di Pisa

0
532
la Torre e il Duomo di Pisa

Conosciuta in tutto il mondo come “la torre pendente”, la Torre di Pisa vede l’inizio della sua costruzione il 9 agosto del 1173. E’ collocata in quello che è chiamato “Campo dei Miracoli”, dove sono concentrati gli spazi della vita e della morte di un comune toscano del medioevo: il Battistero, il Duomo, la “Torre di Pisa” e il Camposanto.

La Torre è in realtà un campanile: di forma cilindrica, è stata progettata da Bonanno Pisano, secondo la versione di Vasari (da Diotisalvi o Gherardi, secondo altri). Tesi consolidata dopo il ritrovamento nelle vicinanze del campanile di una pietra tombale col nome del Bonanno e di un ritrovamento epigrafico collocato sullo stipite della porta di ingresso dell’edificio su cui si legge “cittadino pisano di nome Bonanno”.

I lavori di costruzione sono stati interrotti proprio per un cedimento del terreno, ma poi ripresi.

La torre di Pisa

Il motivo delle colonnette composite sormontate da arcatelle a tutto sesto che caratterizza la torre in tutta la sua altezza è tipico di tutte le costruzioni di Campo dei Miracoli.

La Torre con la sua caratteristica pendenza è divenuta simbolo di Pisa e fra i simboli iconici d’Italia. Alta 57 metri, ha un’inclinazione di 3,9° rispetto all’asse verticale.

Nella Torre la pendenza è molto marcata, ma si tratta di una caratteristica comune a tutti gli altri edifici di Campo dei Miracoli: il terreno infatti è costituito da argilla molle normalconsolidata, che è causa di una certa cedevolezza del terreno.

Il campanile fu completato alla metà del secolo successivo, aggiungendo la cella campanaria.

L’imperfezione che salvò la Torre dai terremoti

Sarebbe stata proprio la pendenza della Torre a salvare il monumento da crollo certo in occasione di almeno quattro devastanti terremoti dal 1280 ad oggi: lo ha dimostrato un team di scienziati di diverse università. Il terreno su cui poggia, infatti, essendo di natura argillosa, viene scosso maggiormente rispetto ad un terreno roccioso: la Torre però non è mai crollata.

la torre pendente

Perché? Per via dell'”interazione dinamica terreno-struttura”: l’edificio risponde infatti con un movimento assiale a ogni sollecitazione del terreno, scaricando l’energia del terremoto proprio lungo l’asse della sua pendenza, non facendola entrare in risonanza, come avverrebbe in un terreno roccioso.

Qui altri articoli di arte.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here