5 agosto 1963 – Usa, URSS e Regno Unito firmano il trattato per il bando delle armi nucleari

Il 5 agosto 1963 USA, URSS e Regno Unito firmano un trattato per mettere al bando gli esperimenti nucleari.

0
323
5 agosto 1963
il presidente russo Chruscev e il presidente americano Kennedy.

Il 5 agosto 1963 USA, URSS e Regno Unito firmano a Mosca un trattato sulla messa al bando parziale per gli esperimenti nucleari. Il suo nome completo è “Trattato per il bando degli esperimenti di armi nucleari nell’atmosfera, nella spazio cosmico e negli spazi subacquei”.

Il bando del 5 agosto 1963 sulle armi nucleari

Il trattato sulla messa al bando degli esperimenti nucleari nasce a causa della diffusione sempre più ampia di test nucleari. Questi sono effettuati dalle superpotenze per sviluppare nuovi progetti di armi atomiche e nucleari.

Inoltre, le esplosioni di bombe termonucleari diventano così sempre più potenti. L’Unione Sovietica e gli Stati Uniti d’America, infatti, per ragioni tecniche e strategiche, si lanciano a una corsa alle armi sempre più potente.

Tuttavia, la possibilità di negoziare un bando sulle armi si scontra con le forti resistenze. Infatti, manca un clima di fiducia tra le due superpotenze, USA e URSS.

La crisi di Cuba è però l’evento cruciale che spinge il presidente John Kennedy e il suo omologo sovietico Nikita Chruscev a riprendere le trattative per le limitazioni dei diritti nucleari interrotte nel ’61.

Durante il vertice di Vienna del 1961, i due leader avevano infatti stabilito un’intesa informale contro i test nucleari. Tuttavia, i sovietici avevano iniziato a testare armi atomiche già alla fine di settembre. Gli USA avevano ripreso a loro volta alcuni test cinque giorni dopo.

Il discorso di Kennedy

Il 10 giugno 1963 il presidente Kennedy pronuncia un discorso alla American University di Washington, intitolato “A Strategy of Peace“. Egli invita i laureandi e i professori a riesaminare il proprio atteggiamento nei confronti della cosiddetta “Guerra Fredda”, della stessa Unione Sovietica e della pace mondiale.

Kennedy dice: “Ho quindi deciso di scegliere questo momento e questo luogo per affrontare un argomento sul quale troppo spesso abbonda l’ignoranza e in relazione al quale troppo raramente viene percepita la verità. E, pur tuttavia, si tratta dell’argomento più importante sulla terra: la pace del mondo. […] Se parlo oggi della pace è perché la guerra ha assunto nove sembianze. La guerra totale non ha senso in un’epoca in cui le grandi potenze possono mantenere forze nucleari enormi, rifiutando di arrendersi senza fare ricorso a questi arsenali. […] La pace mondiale, come la pace nella comunità, non si basa sul presupposto che ogni uomo debba amare il suo vicino, ma sul fatto che essi riescono a convivere in un clima di tolleranza reciproca. […]”.

La firma del trattato

Kennedy decide quindi di dare la notizia che i sovietici hanno deciso di riprendere i colloqui per bandire i test nucleari.

Dopo una serie di colloqui, il trattato viene negoziato tra USA, Regno Unito e URSS a Mosca, a partire dal 15 luglio 1963. Le tre potenze firmano tale trattato il 5 agosto 1963.

Tale documento ha confinato gli esperimenti nucleari nel sottosuolo, raggiungendo così un primo obiettivo importante: diminuire gli effetti degli esperimenti nucleari sulla popolazione umana e sull’ambiente. Inoltre, il trattato del ’63 è il primo accordo importante fra USA e URSS sul controllo degli armamenti.

Al trattato mancano però due firmatari importanti, Francia e Cina. Infatti, la Francia continua ad effettuare esperimenti nucleari fino al 1974, e la Cina fino al 1980.


31 luglio 1991 – Firmato il primo trattato START USA-URSS per limitare le armi…

Commenti