4 Giugno: Giornata Internazionale dei Bambini innocenti vittime di aggressioni

0
472

Oggi, 4 Giugno 2020, si festeggia la Giornata internazionale dei bambini innocenti vittime di aggressione. Sono 38 anni da quando si festeggia.

La nascita della Giornata Internazionale dei Bambini innocenti vittime di aggressioni

Si festeggia oggi la Giornata Internazionale dei bambini innocenti vittime di aggressioni. Qualche giorno fa abbiamo festeggiato la Giornata Internazionale del Bambino, ma senza concentrarci troppo sui soprusi che essi subiscono. Questa giornata venne istituita il 19 agosto 1982 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite che, durante una sessione speciale dedicata alla questione palestinese. In tale occasione essa si dichiarò “sconvolta dal grande numero di bambini palestinesi e libanesi innocenti vittime degli atti di violenza perpetrati da Israele”. L’obiettivo era quello di riconoscere il dolore sofferto dai bambini vittime di abusi fisici, psicologici ed emotivi, e promuovere la protezione dei loro diritti. 

L’impegno delle Nazioni Unite

Lo sforzo delle Nazioni Unite per la protezione dei diritti dei bambini, però, è stato costante. Il risultato sono state l’adozione di una convenzione e le successive risoluzioni.

I diritti dei minori sono regolati dalla Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza approvata dall’ONU il 20 novembre 1989. Essa è stat ratificata dall’Italia con la legge n° 176 del 27 maggio 1991. La Convenzione enuncia in 54 semplici articoli i diritti riconosciuti e garantiti a tutti i bambini e le bambine del mondo. Nel corso degli anni è stata ratificata da ben 196 Paesi. Così è diventata il trattato internazionale sui diritti umani con il maggior numero di ratifiche da parte degli Stati. La Convenzione prevede un meccanismo di controllo sull’operato degli Stati aderenti. Essi, infatti, sono tenuti a presentare un rapporto periodico sull’attuazione dei diritti dei bambini sul proprio territorio.

La triste realtà: i dati e i fenomeni

I dati riportati dall’ONU, infatti, sono allarmanti e terrificanti. Nel mondo, sono 250 milioni i bambini che vivono in Paesi e aree colpite dai conflitti. E sono ancora i bambini a subire maggiormente le conseguenze della guerra. I bambini vengono reclutati da milizie e costretti a combattere, subiscono violenze sessuali, vengono rapiti e perdono la vita in attacchi contro obiettivi sensibili quali scuole e ospedali.

Ma non dobbiamo pensare che la violenza nei confronti dei minori sia un fenomeno circoscritto solo a certi Paesi o ad alcune fasce sociali. Purtroppo esso è diffuso in tutte le aree del mondo.

Persino la comunità scolastica, per definizione luogo di crescita, formazione e socializzazione, può trasformarsi in uno spazio in cui vengono consumate pressioni psicologiche, abusi e minacce. Tali discriminazioni sono spesso ad opera di altri studenti che approfittano della fragilità fisica o morale dei compagni.

Un altro luogo in cui il minore dovrebbe essere protetto e rassicurato è la famiglia. Anche qui, purtroppo, sempre più di frequente vengono registrati comportamenti lesivi dei più elementari diritti dei minori. In tal senso, è noto quanto anche solo l’assistere ad atti di violenza comporti seri disturbi per la crescita ottimale, soprattutto se questi vengono commessi da chi dovrebbe al provvedere al sano sviluppo psicofisico del bambino.

Infine, l’utilizzo sempre più diffuso della rete per mezzo di canali di socializzazione a distanza, consentono a bambini anche in età pre-adolescenziale di raggiungere un pubblico pressoché infinito. Ciò aumenta la possibilità di incorrere nel fenomeno del cyber-bullismo o di essere adescati da organizzazioni criminali di varia natura.

Perché è importante la Giornata Internazionale dei Bambini innocenti vittime di aggressioni

Questa giornata è un’importante occasione per riaffermare la volontà di ciascuno di noi di proteggere i bambini vittime di violenze. Come disse Javier Perez de CuellarSegretario delle Nazioni Unite nel 1983“In questa occasione solenne occorre ricordare il sacro dovere, sancito dalla Dichiarazione delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia, di garantire che tutti i bambini, senza alcuna eccezione, godano di una tutela speciale”. I bambini hanno bisogno di pace e protezione sempre.

Commenti