2017. Aborigeni Italiani, il nuovo lavoro di Kamal

0
448

Un po’ Elio e Le Storie Tese, istrionico e sagace: ecco Kamal.

Carlo Bonomelli, Kamal, nasce in Val Camonica nel 1982. Di temperamento artistico, per tutta l’infanzia si dedica a pittura e varie altre arti figurative, tanto da frequentare la Scuola di Belle Arti a Brescia. A quindici anni infine la rivelazione: una vecchia chitarra classica e il sogno di diventare musicista. L’elemento scatenante, come raccontato da lui stesso è l’ascolto di Lust for life di Iggy Pop.

Nel 2001 inizia a fare esibizioni, nel ruolo di chitarrista e seconda voce insieme al gruppo ska-rocksteady Dr. Detroit & the pards. L’anno seguente decide di fondare lui una band, e la chiama The Catties, dove ugualmente canta e suona la chitarra.

Nel 2007 è la volta di Delirivm Maximvm Extremvm, in compagnia di altri musicisti per creare canzoni a metà fra il rock psichedelico e lo sciamanesimo. Nello stesso anno compie un viaggio in Nepal, ed è allora che diventa Kamal, tuffandosi nel suo progetto solista.

Del 2008 i suoi primi concerti e un demo, dopodiché la scelta di andare in Spagna, dove “conosce” una chitarra spagnola, Juanita. Ritorna in patria nel 2010, e incide due demo (Eravamo un paese di poeti, santi e navigatori e Tre ballate [scostumate] per l’estate). Parte ancora, questa volta per l’Australia, dove resta fino al 2013.

E finalmente in quell’anno crea il suo primo album, La bacchetta magica e altre storie…, accompagnato da due videoclip.

Nel 2015 di nuovo in studio per realizzare un EP di quattro canzoni, Don’t think too much, tre inediti più un remix, il tutto in lingua inglese. Trascorre la fine dell’anno in Gran Bretagna, facendo tra le altre cose il musicista di strada.

Nel corso del 2016 tenta di pubblicare con il suo vero nome, Carlo Bonomelli, prima un singolo (La pillola anti-crisi) e poi un EP, Canzoni di Natale. Solo nel 2017 decide di passare definitivamente al suo pseudonimo, e in concorso con Marco Giuradei lavora al suo secondo album ufficiale, 2017. Aborigeni Italiani, che uscirà proprio oggi.

Il disco presenta il notevole numero di diciassette pezzi, e mescola diversi generi musicali. La sua realizzazione non ha richiesto più di una decina di giorni di registrazione, e figurano diversi ospiti. Una di questi è Cecilia Carta, voce femminile nel brano La pillola anti-crisi 2017, ma troviamo anche il rapper Diego Ghenzi nella strofa rap di Psychotarantadark e la violinista Mirela Isaincu in altri pezzi, tra cui i cori in La fine del mondo. Ed è proprio Kamal a raccontare che ci troviamo di fronte ad una sorta di Greatest Hits, poiché sono presenti influenze dovute ai suoi numerosi viaggi, particolarmente i due anni in cui ha vissuto in Australia. Un viaggio attraverso la sua vita e la sua musica, insomma, che rimane godibilissimo pure se a volte un po’ sopra le righe.

Commenti