17 settembre 1983: Vanessa Williams è la prima Miss America afroamericana

0
259

Vanessa Lynn Williams: prima Miss America afroamericana

Il 17 settembre 1983 Vanessa Lynn Williams, nata a Tarrytown il 18 marzo 1963, è la prima afroamericana a vincere il titolo del concorso di bellezza di Miss America.

Vanessa Williams vince il titolo di Miss America

La rinuncia al titolo

Un anno dopo la sua vittoria, Vanessa è costretta a rinunciare alla corona a causa della pubblicazione di alcune foto di nudo sulla rivista Penthouse, scattate tempo prima di partecipare al concorso.

La polemica in America è sicuramente ingigantita da chi ancora non riesce a concepire una Miss di colore.

Tanti cittadini ed esponenti della comunità nera sommergono i vari giornali di lettere in cui lamentano il fatto che Vanessa sia stata penalizzata unicamente per il colore della sua pelle, dato che non si trattava del primo caso di Miss America senza veli su una rivista.

Vanessa restituisce lo scettro il 22 luglio 1984, ma non si abbatte e approfitta della popolarità incredibile datale dallo scandalo, sfruttando i suoi pregressi studi (pianoforte, violino, flauto) per debuttare in campo musicale.

Cantante di successo

Nel 1988 pubblica il suo primo album, dal titolo The right stuff, che mette in evidenza le sue doti vocali. Trascinato dal singolo omonimo, scala le classifiche, entrando nella top 10 di Billillboard, e diventa presto disco d’oro.

Vanessa Williams, The right stuff

Nel 1991 è la volta di The comfort zone, accompagnato dal singolo Save the best for last; un successo, 3 volte disco di platino, che rimane al vertice della classifica statunitense per ben 5 settimane.

I dischi successivi non raggiungono il successo ottenuto dai precedenti; Vanessa Williams può però vantare la collaborazione con diversi artisti come Luther Vandross e Brian McKnight.

Tv, cinema e musical

Oltre al mondo discografico, che l’ha portata a diventare una cantante di successo (11 nomination ai Grammy e 8 album realizzati all’attivo), Vanessa si affaccia anche al mondo cinematografico e televisivo.

Tra le apparizioni televisive si annoverano Love Boat, Willy, il principe di Bel-Air, Star Trek: Deep Space Nine, Desperate Housewives e Ugly Betty.

Vanessa Williams in Ugly Betty

Per quanto riguarda le piccole cinematografiche si ricorda nei titoli di cosa del film Priscilla-La regina del deserto mentre canta la sua hit Save the best for last, Harley Davidson & Marlboro Man, L’eliminatore-Fraser, Dance with Me, Shaft e Hannah Montana:The Movie.

Nel 2002 lavora a Broadway nel musical di Into the Woods di Stephen Sondheim, dove ricopre il ruolo della strega che le vale una nomination al Tony Awards come miglior attrice in un musical.

You have no idea

Vanessa Williams e sua madre Helen sono coautrici di un libro di memorie, pubblicato nell’aprile 2012, dal titolo You have no idea.

Nel libro parla della sua infanzia, dell’ascesa alla fama, di molte battaglie personali, compreso la molestia sessuale subita da una donna all’età di 10 anni.

Vanessa Williams e Helen Williams, You have no idea

Le scuse di Miss America a Vanessa Williams

A 32 anni dalla “detronizzazione” Sam Haskell, CEO del brand Miss America, le chiede scusa. Queste le sue parole:

“Voglio scusarmi per tutto ciò che e’ stato detto o fatto allora. Hai vissuto la tua vita con grazia e dignità e questo è apparso ancora più chiaro durante gli eventi che ti hanno portato a cedere lo scettro nel 1984“.

Annunci

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here