17 morti e 59 feriti dall’esplosione nel Ghana occidentale

0
210

Almeno 17 persone sono state uccise e 59 ferite giovedì in una devastante esplosione in una città del Ghana occidentale dopo che un camion che trasportava esplosivi destinati a una mina si è scontrato con una motocicletta, ha affermato il governo.

L’esplosione nel Ghana Occidentale

L’esplosione ha lasciato un enorme cratere e ridotto dozzine di edifici a cumuli di legno e metallo ricoperti di polvere ad Apiate, vicino alla città di Bogoso, a circa 300 chilometri (180 miglia) a ovest della capitale del paese ricco di minerali dell’Africa occidentale Accra. Il filmato verificato dall’AFP mostrava la gente del posto che si precipitava verso un incendio furioso e pennacchi di fumo nero in aumento per ispezionare i danni, mentre i soccorritori guadavano tra le macerie per trovare sopravvissuti coinvolti nella devastazione e recuperare corpi senza vita. “Un totale di 17 persone sono state purtroppo confermate morte e 59 feriti sono stati salvati”, ha affermato il ministro dell’Informazione Kojo Oppong Nkrumah in una dichiarazione rilasciata durante la notte. Il ministro ha affermato che i primi segnali indicano “un incidente che ha coinvolto un camion che trasportava materiale esplosivo per una compagnia mineraria, una motocicletta e un terzo veicolo” avvenuto vicino a un trasformatore elettrico. Su 59 feriti, 42 stanno ricevendo cure in ospedali o centri sanitari e “alcuni sono in condizioni critiche”, ha aggiunto Nkrumah. Il presidente del Ghana Nana Akufo-Addo lo ha definito un “incidente davvero triste, sfortunato e tragico” ed ha espresso “profonde condoglianze alle famiglie dei defunti”.

‘Città fantasma’

Funzionari e testimoni oculari hanno descritto una scena di desolazione di fronte al mare di edifici crollati o danneggiati nella carneficina. “È un giovedì nero. Finora sono state colpite 500 case. Alcuni sono stati completamente rasi al suolo dall’esplosione, mentre altri hanno sviluppato crepe“, ha detto all’AFP Sedzi Sadzi Amedonu, vice coordinatore della National Disaster Management Organization. “Ora è quasi come una città fantasma.” Abena Mintah, che ha assistito all’esplosione, ha detto ai media locali che l’autista del camion è sceso dal portello, gridando alle persone vicine di avvertirle di allontanarsi dal veicolo in fiamme. “In pochi minuti abbiamo sentito un forte scoppio. Ho avuto le vertigini e sono caduto nella boscaglia. Sono riuscito ad alzarmi e ho visto alcuni corpi smembrati per strada”, ha detto Mintah. Il governo ha detto che le persone in condizioni critiche sarebbero state trasferite negli ospedali di Accra e la polizia ha chiesto ai villaggi circostanti di aprire le loro scuole e chiese per accogliere eventuali vittime aggiuntive. Una squadra di esperti di esplosioni della polizia e dell’esercito è stata dispiegata per “evitare una seconda esplosione” e mettere in atto misure di sicurezza dopo l’esplosione, ha affermato il governo in un comunicato stampa.


Ghana e LGBT+: ancora violazioni dei diritti umani

Comunità scomparsa

I servizi di emergenza dovrebbero fornire un aggiornamento sulle vittime venerdì alle 11:00 (1100 GMT). Il dottor Isaac Dasmani, amministratore delegato del comune di Prestea Huni-Valley dove si è verificata l’esplosione, ha detto ai media locali che “l’intera comunità è scomparsa” dopo l’esplosione. “Tutti i tetti sono stati strappati via, alcuni edifici sono crollati. Alcuni erano nelle loro stanze ed erano intrappolati. Alcuni di loro sfortunatamente, prima che potessimo salvarli, erano già scomparsi”, ha detto all’emittente TV3 del Ghana. Le autorità hanno creato una via di accesso alla scena e venerdì stavano lavorando per aprire le strade per facilitare il traffico intorno al luogo dell’esplosione, ha affermato. Il Ghana è stato scosso da numerose esplosioni mortali causate da incidenti di carburante negli ultimi anni. Nel 2017, almeno tre persone sono state uccise e dozzine ferite dopo che un’autocisterna che trasportava gas naturale ha preso fuoco ad Accra, provocando esplosioni in due distributori di carburante e uccidendo tre persone. La capitale del Ghana è stata teatro di un simile incendio ed esplosione nel giugno 2015, quando più di 150 persone sono morte mentre cercavano riparo dalle piogge stagionali e dalle inondazioni in una stazione di servizio. Si credeva che l’incendio si fosse diffuso grazie al carburante sull’acqua alluvionale. Gli incidenti mortali legati al settore minerario sono frequenti anche in Ghana, il secondo produttore africano di oro dopo il Sudafrica, ma sono per lo più causati dal crollo delle miniere, spesso illegali. A giugno, almeno nove persone sono morte nel crollo di una mina illegale nel nord del Ghana.