1400 delfini massacrati in un solo giorno

0
232

Il governo delle Isole Faroe, un territorio danese autonomo, ha affrontato una protesta martedì per l’abbattimento di oltre 1400 delfini in un giorno in quella che si dice sia la più grande caccia nell’arcipelago settentrionale. Le foto che mostrano i cadaveri insanguinati di oltre 1.000 delfini atlantici dalla faccia bianca sulla spiaggia hanno suscitato indignazione sui social media.

Perché sono stati uccisi 1400 delfini?

“Non c’è dubbio che la caccia alle balene delle Isole Fr Øer sia uno spettacolo drammatico per le persone che non hanno familiarità con la caccia e il massacro dei mammiferi“, ha detto un portavoce del governo all’AFP. “Le cacce sono, tuttavia, ben organizzate e completamente regolamentate”, ha affermato. Tradizionalmente, le isole del Nord Atlantico, che hanno una popolazione di circa 50.000 persone, cacciano i globicefali e non i delfini, ha affermato il portavoce. “Di solito ce ne sono alcuni nel ‘macinato’, ma normalmente non ne uccidiamo un numero così grande”, ha detto un giornalista televisivo locale, Hallur av Rana.

Come vengono uccise le balene

Il “grindadrap” è una pratica per cui i cacciatori prima circondano le balene con un ampio semicerchio di barche da pesca e poi le conducono in una baia per essere spiaggiate e macellate. “Sembra piuttosto estremo e ci è voluto del tempo per ucciderli tutti, mentre di solito è piuttosto veloce”, ha detto av Rana. Sebbene circa il 53 percento della popolazione delle isole sia contrario al “grind”, non ci sono piani per abolire la pratica. Le autorità insistono che è un modo sostenibile di cacciare. Sea Shepherd, un ente di beneficenza che si batte contro la caccia di balene e delfini, l’ha descritta come una “pratica barbara”. Secondo le stime locali, ci sono circa 100.000 globicefali nelle acque intorno alle Isole Faroe e circa 600 sono stati uccisi l’anno scorso.