11 settembre: USA lanciano allerta terrorismo

0
232
11 settembre: USA lanciano allerta terrorismo

Il DHS statunitense ha lanciato l’allerta terrorismo nel Paese in vista del ventesimo anniversario dall’attentato alle Torri Gemelle dell’11 settembre 2001. L’allarme scaturisce dal fatto che gli USA di trovano “in un ambiente di cresciuta minaccia”. La dichiarazione del Dipartimento di Sicurezza segue una lettera aperta dei famigliari delle vittime dell’attentato a Joe Biden. In quest’ultima si chiede si divulgare più documenti in merito al tragico attentato di vent’anni fa.

Perché gli USA lanciano allerta terrorismo per l’11 settembre?

Il DHS, il Dipartimento di Sicurezza degli USA, ha lanciato l’allerta terrorismo in vista dell’avvicinarsi dell’anniversario dell’attentato dell’11 settembre. Il Dipartimento sostiene che il Paese si trovi “in un ambiente di accresciuta minaccia”. Ad alimentarlo sarebbero fattori come estremisti violenti motivati da odio razziale e risentimento per le restrizioni dovute alla pandemia. Le potenziali minacce terroristiche provengono sia da dentro che da fuori gli USA. Il DHS non ha tuttavia menzionato una minaccia specifica. Washington fa comunque notare che il movimento terroristico Al Qaeda ha di recente pubblicato una prima copia in inglese della sua rivista “Inspire”. Era da quattro anni che non accadeva una cosa simile. Questo a dimostrazione del fatto che le organizzazioni terroristiche internazionali stiano portando avanti i loro sforzi per reclutare estremisti negli USA. ed è proprio per questo che Washington teme che l’anniversario dell’attentato possa “fungere da catalizzatore per atti di violenza mirata”.  

La lettera aperta dei famigliari delle vittime a Biden

Già nei giorni scorsi, oltre 1600 famigliari e amici di vittime dell’11 settembre 2001 avevano scritto una lettera aperta al presidente Joe Biden. In quest’ultima si chiedeva al presidente si astenersi dal partecipare alla cerimonia commemorativa a Ground Zero in occasione del ventesimo anniversario dell’attacco. Questo nel caso non provveda a far divulgare documenti e informazioni sugli attacchi per garantirne la massima trasparenza. Nel particolare, il gruppo chiede che l’Arabia Saudita sia chiamata “a rispondere delle proprie responsabilità”. Nel corso degli anni, in molti hanno richiesto la divulgazione dei documenti in merito all’attentato del 2001. “Malgrado le numerose richieste avanzate da esponenti repubblicani e democratici del Congresso e da centinaia di famiglie di vittime, con cui si imploravano la precedente e ora attuale amministrazione di garantire trasparenza, questi sforzi sono stati respinti e la questione è rimasta inspiegabilmente ignorata”, si legge nella lettera.


Leggi anche: Afghanistan: leader senatori repubblicani contro Biden