10 attivisti di Hong Kong sono stati condannati

10 attivisti di Hong Kong sono stati condannati fino a 3 anni di carcere dopo l'ennesimo processo ingiusto

0
240
10 attivisti di Hong Kong

Mercoledì, il tribunale cinese ha condannato 10 attivisti di Hong Kong. Lo scorso agosto, il gruppo aveva cercato di fuggire a Twaian in barca. Altri due attivisti, essendo minorenni saranno giudicati dal tribunale di Hong Kong. Intanto, cominciano ad arrivare le prime reazioni internazionali.

Chi sono i 10 attivisti di Hong Kong?

Quattro mesi fa, la guardia costiera cinese ha intercettato un motoscafo. L’imbarcazione si trovava al largo di Guangdong e e bordo c’erano 12 cittadini di Hong Kong. Secondo la versione cinese, i giovani stavano fuggendo a Taiwan. Secondo la versione internazionale, questa fuga ha messo in luce la loro disperazione. I fuggitivi, rischiavano di essere arrestati per aver partecipato ad alcune manifestazioni pro-democrazia. Tra questi, troviamo il capo del gruppo Tang Kai-yin. L’uomo rischia tre anni di carcere e una multa di 20mila yuan. Tra i 12 fuggitivi c’era anche una donna, Quinn Moon, questa sarà condannata a 2 anni di carcere e a una multa di 15mila yuan. Gli altri otto dovranno scontare una pena minore, si tratta di sette mesi di carcere e una multa di 10mila yuan. Tra questi, troviamo due minori di 16 e 17 anni.

Un falso processo

Tutti i detenuti sono accusati per aver attraversato illegalmente il confine. Infatti, sebbene Hong Kong sia parte della Cina, le cose non sono così semplici. Ogni viaggiatore è costretto a passare attraverso l’immigrazione quando supera o torna dalla terraferma. Questo è anche il caso degli imputati, che per arrivare alla meta hanno dovuto attraversare le acque cinesi. I 12 attivisti non hanno potuto vedere le proprie famiglie ne’ avere un proprio avvocato. Gli avvocati sono stati forniti dal governo cinese, in un processo che ancora prima di iniziare era già ingiusto. Tutto il gruppo si è dichiarato subito colpevole e il processo è durato meno di un giorno. Le famiglie degli arrestati hanno denunciato le modalità con cui i propri cari sono stati condannati. Secondo loro, si è trattato di un processo segreto.

Le ingiustizie contro i 10 attivisti di Hong Kong

I diritti fondamentali dei 12 sono stati privati ​​delle autorità cinesi“, hanno detto alcuni membri delle famiglie. “Il procedimento giudiziario ingiusto è la prova di una persecuzione politica evidente“. Anche il direttore regionale di Amnesty International Yamini Mishra ha commentato l’accaduto: “Queste condanne emesse al termine di un processo ingiusto hanno messo a nudo i pericoli cui deve far fronte chiunque si ritrovi processato in base al sistema criminale cinese“. Questo processo è il culmine di una repressione che dura da anni e che continua a inasprirsi. La conclusione evidente è che gli attivisti di Hong Kong non hanno diritto a un giusto processo. Questa teoria è stata sostenuta anche da Mishra che ha raccontato: “Diversi avvocati della Cina continentale hanno tentato di rappresentarli su richiesta delle famiglie, ma sono stati minacciati dalle autorità cinesi per costringerli ad archiviare i casi“.

Le azioni dell’UE per i 10 attivisti di Hong Kong

Le reazioni internazionali sono arrivate nel giro di poco. L’Unione Europea ha richiesto il rilascio dei 12 attivisti, nel frattempo, a Bruxelles si svolgevano importanti accordi commerciali con Pechino. Intanto, numerosi sostenitori si sono radunati in dodici città diverse, per mostrare il proprio sostegno ai detenuti. Lunedì, qualche ora prima del processo, l’ambasciata americana in Cina ha richiesto il rilascio immediato dei giovani. Un portavoce dell’ambasciata americana ha sostenuto che: “Il loro cosiddetto ‘crimine’ era fuggire dalla tirannia“. Da fine agosto, centinaia di hong kongers cercano rifugio a Taiwan. L’isola è diventata un porto di speranza per tutti quei cittadini perseguitati dal governo cinese. La maggior parte di loro riesce ad arrivare legalmente in aereo, ma molti non possono permetterselo e utilizzano trafficanti per arrivarci in barca.


Nonna Wong: il simbolo della libertà a Hong Kong


Commenti