FEMA testerà il sistema di allerta Presidenziale la prossima settimana inviando all’America intera un messaggio di testo.

Il 20 settembre  tutti i cellulari in America dovrebbero ricevere un messaggio. L’intento? Testare un sistema da usare in caso di emergenze nazionali, ma gli esprerti esprimono già preoccupazione per l’uso ai fini politici.

Giovedì prossimo, l’Agenzia federale di gestione delle emergenze (FEMA) eseguirà il primo test  che consenta al Presidente di inviare un messaggio alla maggior parte degli smartphone degli Stati Uniti.

Più di 100 operatori di telefonia mobile, incluse tutte le principali aziende, stanno partecipando al lancio.

EAS [Emergency Alert System] è un sistema nazionale di allarme pubblico che fornisce al Presidente la capacità di comunicazione alla nazione durante un’emergenza “, ha affermato FEMA e l’intestazione sarà: “Avviso presidenziale”.

Gli utenti i cui telefoni sono accesi sentiranno due volte un tono e una vibrazione, quindi visualizzeranno un messaggio solo in inglese (per ora): “QUESTO È UN TEST del sistema di allarme di emergenza nazionale. Non è necessaria alcuna azione”.

Il sistema di allarme di emergenza wireless (WEA) è stato autorizzato dal Congresso e fu Barack Obama nel 2016 a firmare una legge che richiedeva alla Fema di creare un sistema in grado di permettere a un presidente Usa di utilizzarlo solo “per trasmettere un messaggio che  riguarda un disastro naturale, un atto di terrorismo o altri disastri causati dall’uomo o minaccia alla sicurezza pubblica”.

Gli esperti sembrano essere un pò preoccupati per il fatto che Trump, noto per usare il suo smartphone per far saltare gli avversari, rimproverare i subordinati e colpire i mezzi di informazione su Twitter, potrebbe abusare di WEA.

Condividi e seguici nei social

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here