Resta aggiornato con le nostre news

  • Ricevi le news più interessanti 
  • Scopri le ultime novità
 
 

Serie A, Crotone 1-1 Juventus: Simy in rovesciata condanna i bianconeri

Nell’ultimo turno infrasettiminale di Serie A si riapre il discorso scudetto perchè a Crotone la Juventus non va oltre l’1-1. Nel primo tempo sembra procedere tutto in direzione favorevole ai bianconeri, che trovano la rete del vantaggio con Alex Sandro. Ma sembra che gli uomini di Allegri abbiano un problema con le rovesciate: perchè è così che Simy segna il gol del pareggio. Ora la Juventus è a solo +4 dal Napoli, che affronterà domenica allo Juventus Stadium; invece il Crotone mantiene la speranza per la salvezza.

Le formazioni:
Crotone (4-3-3): Cordaz; Faraoni, Ceccherini, Capuano, Mattarella; Barberis, Mandragora, Rohden; Diaby, Simy, Stoian. All. Zenga
Juventus (4-3-2-1): Szczesny; Lichtsteiner, Benatia, Rugani, Alex Sandro; Sturaro, Marchisio, Matuidi; Costa, Dybala; Higuain. All. Allegri

Ci mette 17 minuti la Juventus a mettere in chiaro le cose all’Ezio Scida di Crotone: Alex Sandro mette in mezzo un pallone che però nessuno intercetta, neanche Cordaz, e sigla il vantaggio bianconero. Dopo lo 0-1, la partita sembra aver scritto il destino di entrambe le squadre; infatti le azioni nel primo tempo sono davvero poche, se non inesistenti. Alla ripresa però il copione cambia storia. Al minuto 65 Simy viene lasciato da solo in area di rigore e ha il tempo di mettere in rete con una bellissima rovesciata il pareggio calabrese. Così di nuovo la squadra di Allegri subisce una rete in rovesciata dopo CR7 all’andata dei quarti di finali contro il Real Madrid. Intanto da Udine arriva la notizia che il Napoli è riuscito a rimontare il risultato contro la squadra di Oddo. La Juve perciò cerca il tutto per tutto negli utlimi venti minuti di match. Ma il Crotone conserva il pareggio grazie ai miracoli di Cordaz prima su Matuidi e poi su uno spento Higuain. Termina così 1-1 la partita tra Juventus e Crotone, che riapre sia il discorso scudetto sia il discorso salvezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *