Carico di 270 kg di eroina sequestrato a Genova

Sequestro di 270 kg. di eroina  a Genova. Il più grande sequestro degli ultimi vent’anni

Il carico di sostanza stupefacente proveniva dall’Iran. Dopo il sequestro della droga è stato eseguito un finto trasporto della sostanza fino ai paesi destinatari  per risalire agli effettivi soggetti che avrebbero ricevuto il carico di droga. Il viaggio è stato seguito dalla partenza fino all’arrivo nei paesi di destinazione dalla Polizia. Ora sono coinvolti cinque stati nelle indagini e due arresti sono stati messi in atto in Olanda.

Il Sequestro

Centinaia di chili di eroina erano nascosti in un container arrivato dall’Iran al porto di Genova.  Qui dopo varie indagini gli agenti della Squadra Mobile di Genova, l’Sco, il Servizio centrale operativo e il personale dell’Agenzia delle Dogane hanno potuto trovare l’ingente quantità di eroina. In vent’anni è stato il sequestro più grande che sia stato messo in atto: ben 270 kg. di droga sono stati requisiti. La droga era destinata in vari Paesi tra cui la Francia, il Belgio e l’Olanda, dove, al termine di un’operazione sotto copertura, sono state arrestate 2 persone.

Consegna transnazionale per intercettare destinatari del carico

La Polizia ha sequestrato il carico di droga al porto di Genova. Successivamente  la Polizia ha organizzato e messo in atto la prima consegna controllata della sostanza stupefacente fuori dall’Italia al fine di intercettare i destinatari della droga.

Il coordinamento delle operazioni

Il coordinamento delle operazioni è stato eseguito dal Servizio di cooperazione internazionale di polizia e di Eurojust, agenzia governativa dell’Unione europea. Sono state coinvolte anche le forze dell’ordine e le autorità giudiziarie della Svizzera, del Belgio, della Francia e dell’Olanda. Qui l’operazione si è conclusa con due arresti.

L’indagine

Le attività d’indagine sono state coordinate dalla procura della Repubblica di Genova, direzione distrettuale antimafia in collaborazione con le unità cinofile. Tutto è scaturito dallo scambio di informazioni tra la Direzione centrale per i servizi antidroga e dal servizio centrale operativo della polizia di Stato.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *