Leonardo Bahram Tajabadi un cantante  lirico in via d’estinzione

Leonardo Bahram Tajabadi un cantante  lirico in via d’estinzione

È come un’impronta digitale la musica di qualità di Leonardo Bahram , partecipa al processo di riconoscimento e rappresentazione della matrice persiana in  una sorta di fusione culturale per l’élite dell’èlite.   Particolarmente raffinato, le sue performance canore si fondono   abilmente con  ricchezza  di rimandi simbolici e poesia e musica  in un equilibrio perfetto delle parti.  Ma è il fascino della storia a sublimarlo come in un grande poema epico che oltrepassa i confini culturali di quel determinato  paese veicolando valori condivisi, per innalzarsi in musica nostra, in  musica di tutte le genti . E dopo l’ascolto non si può rimanere indifferenti , un timbro da baritono  cosi possente, così sprezzante e incurante del pericolo a risvegliare valori e stati d’animo oramai affievoliti. Raggiunge il culmine in coppia con  Ashiyaneh  una cantautrice ebrea persiana che abita in Israele.

Leonardo ha studiato in Francia al conservatorio di musica di Parigi , alla  scuola musica di Scandicci e opera di Firenze    e all’accademia di voce a Verona e innumerevoli master di perfezionamento in giro per il mondo.  Dopo essersi esibito davanti parterre d’eccezione e alle più alte cariche francesi compreso il presidente Francois Hollande , Jean marie LePen, Gérard larcher présidente del Sénato, a Strasburgo per i membri parlamentari d’Europa,  a Montecarlo nell’ambito di un galà alla presenza del principe Alberto e dell’ex imperatrice iraniana, Il 23 e 24 Novembre  è atteso in Romania  all’università di  Bucarest per esibirsi davanti una platea  di 1000 persone ed è in dirittura d’arrivo un progetto per i bambini in Africa e un concerto con il presidente del Sud Africa a Pretoria-

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *